Zeus News è un notiziario dedicato a quanto avviene nel mondo di Internet, dell'informatica, delle nuove tecnologie e della telefonia fissa e mobile: non è un semplice amplificatore di comunicati stampa ma riserva ampio spazio ai commenti e alle riflessioni, proponendosi quale punto di osservazione libero e indipendente.

Sondaggio
Quale di questi dispositivi degni di un film di fantascienza ma già esistenti vorresti avere?
Erascan: un cancellino per lavagne bianche in grado di effettuare una scansione con OCR di tutto ciò che cancella.
Tamaggo Ibi: una videocamera con lente circolare in grado di scattare foto a 360 gradi.
No More Woof: legge le onde cerebrali dei cani e traduce i pensieri in linguaggio umano.
Il drone per le consegne Amazon Prime Air: consegnerà i pacchi volando, rendendo obsoleti i corrieri.
WAT: la lampada alimentata ad acqua.
Transparent TV: grazie alla tecnologia TOLED (LED Organici Trasparenti) è dotato di uno schermo praticamente invisibile.
Electrolux Wirio, la cucina trasportabile composta da quattro diversi elementi, per cucinare e tenere in caldo i cibi.
Touch Hear, per toccare con un dito una parola stampata e ascoltare la pronuncia e il significato.
Immersed Senses, una maschera per sub che estrae ossigeno dall'acqua ed è dotata di schermo per mostrare informazioni utili.
La maniglia che si sterilizza da sola grazie a una lampada integrata a raggi ultravioletti.
Heart Rate Monitor Earphone, gli auricolari che rilevano il battito cardiaco e il consumo di ossigeno.
Voyce, il collare per cani che misura il battito cardiaco e il ritrmo respiratorio, conta le calorie e indica se l'animale non fa abbastanza esercizio.
Makerbot Z18, una stampante 3D che funge da replicatore per oggetti voluminosi.

Mostra i risultati (1078 voti)
Ottobre 2014
Il gettone telefonico, questo sconosciuto
Honor 6, lo smartphone 4G più veloce del mondo
Trovare le chiavi sotto lo zerbino con Google
La batteria che dura vent'anni e si ricarica in due minuti
Google lancia Inbox, l'email intelligente
L'ombrello ad aria
L'invenzione italiana che rende potabile l'acqua radioattiva
Samsung sperimenta la rete mobile 5G a 7,5 Gigabit/s
SIAE, una picconata al monopolio
Il chiavistello smart a prova di scassinatore
Hai scaricato Kill Bill? Arriva la multa
Vantablack, il materiale più nero del nero
Violati i server di Yahoo e Winzip
Mac colpiti da malware
Arriva Windows 10, cosa c'è da sapere (e dove si scarica)
Tutti gli Arretrati

Gli ebook che fanno male ai bambini

Uno studio sostiene che i libri elettronici sono dannosi per l'apprendimento dei bambini.



[ZEUS News - www.zeusnews.it - 19-06-2012]

ebook bambini

Gli enhanced e-books ("e-book potenziati") sono un po' la naturale evoluzione degli e-book puri e semplici: se questi si limitano a riportare in formato elettronico quanto stava sulla carta, quelli vi aggiungono suoni, video e interattività.

Il problema è che sono dannosi per i bambini, o così almeno titola The Guardian citando una ricerca condotta dal Joan Ganz Cooney Center.

«Gli e-book potenziati distraggono i bambini dalla storia e impediscono loro di ricordare i dettagli narrativi»: così il Guardian completa un titolo già abbastanza allarmante di per sé, e il lettore distratto (quello che si ferma alle prime righe, o va poco oltre) sarebbe portato a pensare che se le cose stanno così sarà meglio tenere quegli apparecchi infernali fuori dalla portata dei bambini, come i medicinali.

Leggendo l'articolo, tuttavia, si scopre che il punto dello studio è un po' diverso. Certamente, i ricercatori del centro hanno davvero condotto un esperimento coinvolgendo 32 famiglie con figli dai 3 ai 6 anni cui hanno fornito libri cartacei, libri elettronici e libri elettronici evoluti, per valutare i diversi effetti sui bambini.

Tuttavia, le conclusioni ricavate non sono così disastrose. Tanto per cominciare, bisogna sottolineare che lo studio si concentrava sulla capacità delle diverse forme di libro di promuovere l'alfabetizzazione e la comprensione del testo, e che in rapporto a questo ha scoperto che i contenuti aggiuntivi degli enhanced e-book sono una distrazione rispetto al testo.

Sondaggio
Qual è lo strumento di informazione di cui ti avvali di più?
I media tradizioniali (Tv, radio, stampa, ecc.)
Internet, soprattutto i siti autorevoli (Repubblica, Corriere, ecc.)
Internet, soprattutto i siti indipendenti o di controinformazione
Internet, soprattutto i social network (Twitter, Facebook, ecc.)
Non mi fido di nessun media e credo solo a quello che vedo

Mostra i risultati (2284 voti)
Leggi i commenti (6)

Gli autori sottolineano però anche come un libro che è in parte gioco abbia senz'altro un merito nell'avvicinare i bambini alla lettura, e come i genitori debbano semplicemente tener presente l'avvertimento dato poc'anzi.

Tutt'al più, bisogna fare attenzione a come le attività "extra" incluse nell'e-book sono realizzate: se sono troppo distanti da quanto viene raccontato nel testo, chiaramente allontaneranno dallo svolgersi della storia. Ma questo non è un problema del mezzo in sé, quanto piuttosto della sua implementazione.

Da nessuna parte, insomma, si dice che i libri elettronici "potenziati" fanno male ai bambini. Invece, si afferma che «se gli enhanced e-books riescono a interessare i bambini che potrebbero non essere così attirati dalla lettura, raggiungiamo un obiettivo importante».

«Nel nostro studio» - continuano i ricercatori - «ci siamo specificamente concentrati sulla lettura dei libri con un'attenzione particolare all'apprendimento e alla comprensione. Questo è però soltanto uno degli scopi della lettura. Se lo scopo è soltanto divertirsi o esplorare un classico in modo nuovo, gli enhanced e-books sono fantastici».

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con Zeus News ti consigliamo di iscriverti alla Newsletter gratuita.

Inoltre puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, inserire un commento (anche anonimo) sotto o segnalare un refuso.

Approfondimenti
Ebook obbligatorio a scuola, lo stop del governo

Commenti all'articolo (ultimi 5 di 9)


gomez
beh contarne 65.000 per poi correggerli in 120.000 e' una falcucciata mica da nulla, anzi credo si potrebbe coniare un nuovo termine "fornerata" per chi canna i conti del 90% :-) personalmente sono piu' propenso a credere ai 390.200 (non 290.000) dichiarati dall'INPS (che ha in mano TUTTI i dati necessari per il calcolo delle... Leggi tutto
28-6-2012 15:08


gomez
come qualunque bambino a cui sia stato insegnato, vedi sopra per quanto riguarda "gioca col tuo plaistation e non disturbare" Mauro Leggi tutto
20-6-2012 13:30


Zorro
@jumpjack i bambini non sanno allacciarsi le scarpe perchè oggi si usano molto di più quelle con l'attacco di velcro, ma lo impareranno più tardi quando useranno scarpe sportive (calcio, tennis, basket eccetera) con i lacci, gli e-book non c'entrano nulla. mi viene da ridere se penso che già 58 anni fa il mio maestro delle elementari... Leggi tutto
20-6-2012 12:22

jumpjack
mah, mi chiedo se questi tecnobambini che allargano il cuore sanno tenere in mano una penna o allacciarsi le scarpe. ho letto che da qualche anno i bambini imparano ad allacciarsi le scarpe molto piu' tardi del normale. sarà perché i genitori sono troppo impegnati a guadagnare soldi per comprarsi un suv e 6 telefonini e non possono... Leggi tutto
20-6-2012 10:33


gomez
no, assolutamente, da anni mi occupo di dislessia e discalculia per la mia onlus, e vedere come bimbi di 6 anni o meno interagiscono con programmi INTELLIGENTI e ne vengono stimolati nella curiosita' e nella creativita' e' una cosa che allarga il cuore certo che se metti in mano a un 6enne la plaistescion con su l'ultimo sparaspara in... Leggi tutto
20-6-2012 10:13

Leggi gli altri 4 commenti nel forum Internet
Inserisci un commento - anche se NON sei registrato

La liberta' di parola e' un diritto inviolabile, ma nei forum di Zeus News vige un regolamento che impone delle restrizioni e che l'utente e' tenuto a rispettare. I moderatori si riservano il diritto di cancellare o modificare i commenti inseriti dagli utenti, senza dover fornire giustificazione alcuna. Gli utenti non registrati al forum inoltre sono sottoposti a moderazione preventiva. La responsabilita' dei commenti ricade esclusivamente sui rispettivi autori. I principali consigli: rimani sempre in argomento; evita commenti offensivi, volgari, violenti o che inneggiano all'illegalita'; non inserire dati personali, link inutili o spam in generale.


web metrics