Il Grande Fratello regna in Inghilterra

Saranno sistematicamente loggate tutte le telefonate, le email, i siti web visitati e persino le lettere e le cartoline spedite. Obbligo di scatola nera per gli internet provider.



[ZEUS News - www.zeusnews.it - 15-06-2012]

grande fratello regno unito

Il Communications Data Bill, presentato in bozza al Parlamento del Regno Unito, è una proposta di legge che Cina, Corea del Nord, Iran e tutti quei Paesi dove vige un ferreo controllo delle comunicazioni guarderanno certamente con invidia.

Qualora dovesse essere approvato senza modifiche, infatti, attiverebbe una raccolta di informazioni così vasta e capillare da non avere precedenti in nessuna parte del mondo.

La proposta prevede infatti che vengano raccolte, registrate e conservate per un anno le informazioni relative a tutte le comunicazioni via Internet e reti di telefonia mobile (quelle effettuate tramite le reti di telefonia fissa sono escluse semplicemente perché vengono già registrate), dai siti visitati alle email spedite, passando per le chiamate.

Le informazioni relative alle comunicazioni non sono le comunicazioni in sé: non si tratta quindi di registrare i contenuti (i testi delle email, per esempio) ma tutto ciò che permette di identificare quando, come, dove e tra chi è avvenuta una data comunicazioni (per esempio: indirizzo di mittente e destinatario, o luogo e durata della telefonata, o indirizzo web della pagina visitata).

Perché il sistema funzioni gli operatori e gli ISP dovranno installare delle "scatole nere" che raccoglieranno le informazioni; a queste potrà accedere la polizia (non è chiaro se in via continuativa o in seguito a un mandato).

Già queste premesse fanno nascere alcune questioni interessanti. Innanzitutto è evidente che registrare l'indirizzo di una pagina web non è, alla fine, molto diverso dal registrarne il contenuto, poiché dall'uno si può facilmente e rapidamente risalire all'altro.

Inoltre, la bozza non spiega come il governo intenda trattare le connessioni crittografate (quelle identificate da HTTPS), che sono alla base degli accessi sicuri alle banche, agli account di posta elettronica e via di seguito.

Charles Farr, direttore dell'Ufficio per la Sicurezza e la Lotta al Terrorismo, a chi gli chiedeva come il sistema gestirà le connessioni HTTPS ha risposto in maniera sibillina soltanto: «Le gestirà».

Sondaggio
Alcuni anni fa, L'Agenzia delle Entrate pubblicò sul web i redditi dei cittadini; poi, dopo l'intervento del Garante Privacy, li mise offline. Questi dati secondo te devono essere disponibili su Internet?
No
Non saprei

Mostra i risultati (4771 voti)
Leggi i commenti (24)

Forse l'Home Office ha un'ottima fiducia nelle proprie capacità di crackare la crittografia, o forse pensa di chiedere a Google di decrittare tutto (l'accesso da parte delle autorità alle caselle Gmail è una delle preoccupazioni che ha portato alla nascita del Communications Data Bill) perché il governo possa ottenere ciò cerca; in ogni caso, lo scenario non è piacevole.

Quanto alle "scatole nere", al di là del fatto che non sono chiare le modalità di accesso da parte della polizia, ancora non vi sono spiegazioni su come si pensi di difendere i preziosi dati che queste contendono. E c'è ancora dell'altro.

Come ha notato David Meyer su Twitter, la proposta prevede che siano registrate anche le informazioni su ogni lettera, cartolina o pacco inviato all'interno del Regno Unito.

L'obbligo è infatti esteso a tutti «gli operatori postali pubblici e ai servizi postali pubblici così come si applica agli operatori delle telecomunicazioni e ai servizi di telecomunicazioni».

Come si può immaginare, la bozza del Communications Data Bill ha ricevuto in risposta una montagna di polemiche e, naturalmente, una mobilitazione affinché ogni cittadino del Regno Unito scriva al proprio parlamentare, così da far crollare la proposta di legge.

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con Zeus News ti consigliamo di iscriverti alla Newsletter gratuita. Inoltre puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, inserire un commento (anche anonimo) sotto o segnalare un refuso.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Commenti all'articolo (ultimi 5 di 15)

ma figurati, il database in mano non glie lo daranno mai, al massimo possono esaudire loro specifiche richieste previa approvazione del giudice. E poi quello che dici tu non è quello che è scritto sull'articolo. Leggi tutto
19-6-2012 13:00

rey042008 non sono per niente d'accordo con ciò che scrivi guerre religiose, occidente contro oriente, nostra tecnologia... il nuovo medioevo insomma facci caso, chi uccide sterminando popoli con le armi o con la fame che produce, chi saccheggia risorse alle popolazioni, chi specula portando la gente al suicidio, chi vive e prospera... Leggi tutto
18-6-2012 00:35

Sono d'accordo con unknown si tratta dell'ennesimo tentativo di mettere in pista un sistema per tracciare e controllare gli utenti onesti sfruttando la sempre efficace leva della paura. Il terrorismo e chi vuole delinquere in modo organizzato tramite le rete non avrà certo problemi ad aggirare qualsiasi tipo di controllo. Di contro si... Leggi tutto
17-6-2012 17:14

E' sufficiente che google e gli altri provider di contenuti diano l'accesso ai governi/forze di polizia al database degli utenti (mail, documenti, file salvati nel cloud, ecc.) Leggi tutto
17-6-2012 15:35

@rey042008: il terrorismo ha già vinto da un bel po' grazie a quelli che la pensano come te.
17-6-2012 12:56

La liberta' di parola e' un diritto inviolabile, ma nei forum di Zeus News vige un regolamento che impone delle restrizioni e che l'utente e' tenuto a rispettare. I moderatori si riservano il diritto di cancellare o modificare i commenti inseriti dagli utenti, senza dover fornire giustificazione alcuna. Gli utenti non registrati al forum inoltre sono sottoposti a moderazione preventiva. La responsabilita' dei commenti ricade esclusivamente sui rispettivi autori. I principali consigli: rimani sempre in argomento; evita commenti offensivi, volgari, violenti o che inneggiano all'illegalita'; non inserire dati personali, link inutili o spam in generale.
E' VIETATA la riproduzione dei testi e delle immagini senza l'espressa autorizzazione scritta di Zeus News (P.Iva 06584100967). Tutti i marchi e i marchi registrati citati sono di proprietà delle rispettive società. Informativa sulla privacy. I tuoi suggerimenti sono di vitale importanza per Zeus News. Contatta la redazione e contribuisci anche tu a migliorare il sito: pubblicheremo sui forum le lettere piu' interessanti.
Sondaggio
L'auto che si guida da sola... (completa la frase)
ci permetterà di sfruttare il tempo perso guidando, magari in coda.
ci toglierà l'ultimo brandello di privacy.
ci farà viaggiare più sicuri.
ci esporrà a nuovi pericoli, dovuti ai bug o agli attacchi degli hacker.
ci consentirà di ridurre l'inquinamento.
ci priverà dell'autonomia.
sarà accettabile solo se ci permetterà sempre di scegliere la guida manuale.
sarà sicura solo se non permetterà mai la guida manuale.

Mostra i risultati (5169 voti)
Marzo 2017
''Windows 10 ha distrutto il mio PC'' e fa causa a Microsoft
Wikileaks rivela il ''cacciavite sonico'' della CIA per colpire i Mac
Come violare un account Windows in un minuto
Hai un processore nuovo? Non potrai aggiornare Windows
Come disabilitare i video che partono da soli nei siti Web
Monaco lascia Linux soltanto per motivi politici
Il senatore Bartolomeo Pepe e le ''scie chimiche''
Inflazione e tassi bassi? Ecco perché dire addio al conto corrente
Tagliando assicurativo e dematerializzazione, difficoltà per gli anziani
Il malware che cancella l'hard disk
Quel crack per Mac fa un patatrac
L'altro ieri siete stati buttati fuori dal vostro account Google?
Febbraio 2017
Google ha violato la crittografia SHA-1
Il malware che ti spia dal microfono del PC
WhatsApp attiva l'antifurto: verifica in due passaggi
Tutti gli Arretrati


web metrics