Zeus News è un notiziario dedicato a quanto avviene nel mondo di Internet, dell'informatica, delle nuove tecnologie e della telefonia fissa e mobile: non è un semplice amplificatore di comunicati stampa ma riserva ampio spazio ai commenti e alle riflessioni, proponendosi quale punto di osservazione libero e indipendente.

Sondaggio
Che rapporto d'aspetto ha il tuo monitor?
4:3
16:9
16:10

Mostra i risultati (1076 voti)
Settembre 2014
Chiude Italia.it, costato 60 milioni di euro
Il software-spia usato dai governi contro dissidenti e giornalisti
Velocizzare le ricerche dei file
Windows 9, le prime immagini e un video
Telecom Italia aumenta il canone e raddoppia le tariffe
Gmail, pubblicate le password di 5 milioni di account
10 segnali negativi in un colloquio di lavoro
Guarda Facebook guidando e causa la morte di una donna
Chiavi stampate 3D, un business per i topi d'appartamento
Eee PC, Asus ci riprova
Le false antenne cellulari che intercettano chiamate e messaggi
Sfondare le reti Wi-Fi al primo tentativo
Come disinstallare definitivamente il software
Agosto 2014
Così si aggira la censura, anche da smartphone
Il divano che si trasforma in letto a castello
Tutti gli Arretrati

Il Grande Fratello regna in Inghilterra

Saranno sistematicamente loggate tutte le telefonate, le email, i siti web visitati e persino le lettere e le cartoline spedite. Obbligo di scatola nera per gli internet provider.



[ZEUS News - www.zeusnews.it - 15-06-2012]

grande fratello regno unito

Il Communications Data Bill, presentato in bozza al Parlamento del Regno Unito, è una proposta di legge che Cina, Corea del Nord, Iran e tutti quei Paesi dove vige un ferreo controllo delle comunicazioni guarderanno certamente con invidia.

Qualora dovesse essere approvato senza modifiche, infatti, attiverebbe una raccolta di informazioni così vasta e capillare da non avere precedenti in nessuna parte del mondo.

La proposta prevede infatti che vengano raccolte, registrate e conservate per un anno le informazioni relative a tutte le comunicazioni via Internet e reti di telefonia mobile (quelle effettuate tramite le reti di telefonia fissa sono escluse semplicemente perché vengono già registrate), dai siti visitati alle email spedite, passando per le chiamate.

Le informazioni relative alle comunicazioni non sono le comunicazioni in sé: non si tratta quindi di registrare i contenuti (i testi delle email, per esempio) ma tutto ciò che permette di identificare quando, come, dove e tra chi è avvenuta una data comunicazioni (per esempio: indirizzo di mittente e destinatario, o luogo e durata della telefonata, o indirizzo web della pagina visitata).

Perché il sistema funzioni gli operatori e gli ISP dovranno installare delle "scatole nere" che raccoglieranno le informazioni; a queste potrà accedere la polizia (non è chiaro se in via continuativa o in seguito a un mandato).

Già queste premesse fanno nascere alcune questioni interessanti. Innanzitutto è evidente che registrare l'indirizzo di una pagina web non è, alla fine, molto diverso dal registrarne il contenuto, poiché dall'uno si può facilmente e rapidamente risalire all'altro.

Inoltre, la bozza non spiega come il governo intenda trattare le connessioni crittografate (quelle identificate da HTTPS), che sono alla base degli accessi sicuri alle banche, agli account di posta elettronica e via di seguito.

Charles Farr, direttore dell'Ufficio per la Sicurezza e la Lotta al Terrorismo, a chi gli chiedeva come il sistema gestirà le connessioni HTTPS ha risposto in maniera sibillina soltanto: «Le gestirà».

Sondaggio
Alcuni anni fa, L'Agenzia delle Entrate pubblicò sul web i redditi dei cittadini; poi, dopo l'intervento del Garante Privacy, li mise offline. Questi dati secondo te devono essere disponibili su Internet?
No
Non saprei

Mostra i risultati (4302 voti)
Leggi i commenti (24)

Forse l'Home Office ha un'ottima fiducia nelle proprie capacità di crackare la crittografia, o forse pensa di chiedere a Google di decrittare tutto (l'accesso da parte delle autorità alle caselle Gmail è una delle preoccupazioni che ha portato alla nascita del Communications Data Bill) perché il governo possa ottenere ciò cerca; in ogni caso, lo scenario non è piacevole.

Quanto alle "scatole nere", al di là del fatto che non sono chiare le modalità di accesso da parte della polizia, ancora non vi sono spiegazioni su come si pensi di difendere i preziosi dati che queste contendono. E c'è ancora dell'altro.

Come ha notato David Meyer su Twitter, la proposta prevede che siano registrate anche le informazioni su ogni lettera, cartolina o pacco inviato all'interno del Regno Unito.

L'obbligo è infatti esteso a tutti «gli operatori postali pubblici e ai servizi postali pubblici così come si applica agli operatori delle telecomunicazioni e ai servizi di telecomunicazioni».

Come si può immaginare, la bozza del Communications Data Bill ha ricevuto in risposta una montagna di polemiche e, naturalmente, una mobilitazione affinché ogni cittadino del Regno Unito scriva al proprio parlamentare, così da far crollare la proposta di legge.

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con Zeus News ti consigliamo di iscriverti alla Newsletter gratuita.

Inoltre puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, inserire un commento (anche anonimo) sotto o segnalare un refuso.

Commenti all'articolo (ultimi 5 di 15)

dany88
ma figurati, il database in mano non glie lo daranno mai, al massimo possono esaudire loro specifiche richieste previa approvazione del giudice. E poi quello che dici tu non è quello che è scritto sull'articolo. Leggi tutto
19-6-2012 13:00


carloef
rey042008 non sono per niente d'accordo con ciò che scrivi guerre religiose, occidente contro oriente, nostra tecnologia... il nuovo medioevo insomma facci caso, chi uccide sterminando popoli con le armi o con la fame che produce, chi saccheggia risorse alle popolazioni, chi specula portando la gente al suicidio, chi vive e prospera... Leggi tutto
18-6-2012 00:35


Gladiator
Sono d'accordo con unknown si tratta dell'ennesimo tentativo di mettere in pista un sistema per tracciare e controllare gli utenti onesti sfruttando la sempre efficace leva della paura. Il terrorismo e chi vuole delinquere in modo organizzato tramite le rete non avrà certo problemi ad aggirare qualsiasi tipo di controllo. Di contro si... Leggi tutto
17-6-2012 17:14

Cesco67
E' sufficiente che google e gli altri provider di contenuti diano l'accesso ai governi/forze di polizia al database degli utenti (mail, documenti, file salvati nel cloud, ecc.) Leggi tutto
17-6-2012 15:35


freemind
@rey042008: il terrorismo ha già vinto da un bel po' grazie a quelli che la pensano come te.
17-6-2012 12:56

Leggi gli altri 10 commenti nel forum Privacy
Inserisci un commento - anche se NON sei registrato

La liberta' di parola e' un diritto inviolabile, ma nei forum di Zeus News vige un regolamento che impone delle restrizioni e che l'utente e' tenuto a rispettare. I moderatori si riservano il diritto di cancellare o modificare i commenti inseriti dagli utenti, senza dover fornire giustificazione alcuna. Gli utenti non registrati al forum inoltre sono sottoposti a moderazione preventiva. La responsabilita' dei commenti ricade esclusivamente sui rispettivi autori. I principali consigli: rimani sempre in argomento; evita commenti offensivi, volgari, violenti o che inneggiano all'illegalita'; non inserire dati personali, link inutili o spam in generale.


web metrics