Zeus News è un notiziario dedicato a quanto avviene nel mondo di Internet, dell'informatica, delle nuove tecnologie e della telefonia fissa e mobile: non è un semplice amplificatore di comunicati stampa ma riserva ampio spazio ai commenti e alle riflessioni, proponendosi quale punto di osservazione libero e indipendente.

Sondaggio
Quale mezzo di trasporto pubblico sostituirà quelli attuali nel giro dei prossimi 50 anni?
Evacuated Tube Transport: l'evoluzione dei treni a levitazione magnetica; questi veicoli sono in grado di raggiungere i 6.500 km/h perché viaggiano all'interno di tunnel in cui è creato il vuoto.
String Transport System: cabine sospese fino a 30 metri dal suolo che corrono su binari di acciaio e cemento a oltre 500 km/h.
Tubular Rails: i treni viaggiano a 240 km/h all'interno di anelli sollevati dal suolo che contengono i motori e le ruote, mentre le carrozze ospitano i binari.
I bus viaggiano al di sopra del traffico automobilistico, il quale scorre sotto di loro, usando piccole rotaie poste ai lati della strada.
Shweeb: monorotaia monoposto sospesa e a pedali che permette di raggiungere i 45 km/h.
SolarBullet: il treno ad alta velocità (354 km/h) alimentato a energia solare attualmente allo studio in Arizona (USA).
Treni elettrici che non necessitano di binari perché viaggiano su strada e ricevono l'energia dal sistema contactless installato al di sotto dell'asfalto.
SARTRE: le automobili viaggiano in convogli gestiti dall'intelligenza artificiale; si uniscono i vantaggi del trasporto pubblico alla flessibilità del trasporto privato.
Startram, il maglev orbitale: gli ultimi 20 chilometri del tracciato (di oltre 1.600 km) puntano verso l'alto per portare in orbita i treni.
Ascensore spaziale: una stazione posta a quasi 100.000 km da terra e collegata al suolo da cavi costituiti da nanotubi di carbonio, per portare in orbita uomini e materiali con costi relativamente contenuti.

Mostra i risultati (2188 voti)
Settembre 2014
Il Tar del Lazio boccia il Regolamento Agcom
ShellShock, falla critica in Linux e Mac OS X
L'iPhone 6 si piega in tasca
Nuova ondata di foto rubate a celebrità
Si suicida in diretta su Skype e la gente fa il tifo
Chiude Italia.it, costato 60 milioni di euro
Il software-spia usato dai governi contro dissidenti e giornalisti
Velocizzare le ricerche dei file
Windows 9, le prime immagini e un video
Telecom Italia aumenta il canone e raddoppia le tariffe
Gmail, pubblicate le password di 5 milioni di account
10 segnali negativi in un colloquio di lavoro
Guarda Facebook guidando e causa la morte di una donna
Chiavi stampate 3D, un business per i topi d'appartamento
Eee PC, Asus ci riprova
Tutti gli Arretrati

OneDDL rinuncia al warez e chiude

Il panorama sempre più ostile ai siti di link ha costretto il sito alla chiusura.



[ZEUS News - www.zeusnews.it - 16-06-2012]

oneddl chiude

OneDDL ha chiuso i battenti: la notizia, arrivata all'improvviso, è stata data dall'amministratore stesso sull'homepage del sito.

Attivo in diverse forme da quasi sette anni (e come OneDDL dal 2007), il sito indicizzava materiale - giochi, musica, software, film e telefilm, anche protetti dal diritto d'autore - e forniva i link per il download.

Cresciuto nel tempo e diventato molto popolare, ha attirato alla fine l'attenzione degli studios, e pare che sia questa la motivazione che ha portato alla chiusura.

Nell'annunciare la fine dell'avventura, l'amministratore non entra nei dettagli ma pare di capire che ci siano all'orizzonte problemi di natura legale, e in generale il peggioramento della situazione per siti come OneDDL, o i cyberlocker.

«La legalità di siti come il nostro è sempre stata una sorta di area grigia. Credevo che questa ambiguità lavorasse a nostro vantaggio e, in origine, questo è ciò che gli avvocati ci dissero (sì, abbiamo consultato degli avvocati)» scrive l'admin.

Sondaggio
HP suggerisce 10 siti che ogni manager deve tenere presenti per aumentare la produttività personale. Quale di questi ti è più utile?
Bit.ly - 3.1%
Dropbox - 37.2%
Evernote - 11.3%
Flavors.me - 0.3%
Google Docs - 26.5%
Google Reader - 11.7%
HootSuite - 1.8%
Stay Focused - 2.9%
Toggl - 1.3%
Tumblr - 3.9%
  Voti totali: 618
 
Leggi i commenti (7)

«Ultimamente, tuttavia» - prosegue la lettera di addio - «il panorama è cambiato, e sembra che il grigio stia gradualmente diventando bianco e nero, sfortunatamente non in nostro favore. Abbiamo sempre agito all'interno dei limiti di legge, rispondendo a ogni richiesta di rimozione in modo efficiente togliendo ogni link segnalato senza far domande. Per qualcuno, ciò semplicemente non è abbastanza».

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con Zeus News ti consigliamo di iscriverti alla Newsletter gratuita.

Inoltre puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, inserire un commento (anche anonimo) sotto o segnalare un refuso.

Commenti all'articolo (2)


Zeus
Forse sono i "proprietari" ad aver chiuso e la comunità che gestiva il sito si è spostata su una nuova proprietà?
18-6-2012 08:28

{dany}
Però hanno riaperto su questo sito, perchè? link
16-6-2012 19:53

Inserisci un commento - anche se NON sei registrato

La liberta' di parola e' un diritto inviolabile, ma nei forum di Zeus News vige un regolamento che impone delle restrizioni e che l'utente e' tenuto a rispettare. I moderatori si riservano il diritto di cancellare o modificare i commenti inseriti dagli utenti, senza dover fornire giustificazione alcuna. Gli utenti non registrati al forum inoltre sono sottoposti a moderazione preventiva. La responsabilita' dei commenti ricade esclusivamente sui rispettivi autori. I principali consigli: rimani sempre in argomento; evita commenti offensivi, volgari, violenti o che inneggiano all'illegalita'; non inserire dati personali, link inutili o spam in generale.


web metrics