Sondaggio
Chi di questi 10 non ha meritato il premio Nobel per la Pace?
Elihu Root, segretario di Stato USA, vincitore nel 1912, indagato per la repressione degli indipendentisti filippini.
Aristide Briand, politico francese, vincitore nel 1926, nonostante molti sostengano che gli accordi da lui voluti abbiano portato la Germania a tentare la successiva espansione verso est.
Frank Kellogg, vincitore nel 1929: la sua idea per evitare le guerre fu sconfessata di lì a breve dalla politica tedesca.
Carl von Ossietzky, giornalista tedesco, vincitore nel 1935 per aver rivelato la politica tedesca di riarmo in violazione dei trattati. Meritava il premio, ma la tempistica fu pessima: venne deportato in un campo di concentramento.
Nessuno: nel 1948 il premio non venne assegnato. Sarebbe potuto andare a Mohandas Ghandi, ma era stato assassinato e il Comitato non permise che il premio fosse assegnato alla memoria.
Henry Kissinger e Le Duc Tho, vincitori nel 1973 per aver negoziato il ritiro delle truppe USA dal Vietnam. Il primo però approvò il bombardamento contro la Cambogia; il secondo rifiutò il premio.
Yasser Arafat, Shimon Peres e Yitzakh Rabin, vincitori nel 1994, sebbene gli accordi di Oslo abbiano avuto effetti molto brevi.
Kofi Annan e le Nazioni Unite, vincitori nel 2001, investigato nel 2004 per il coinvolgimento del figlio in un caso di pagamenti illegali nel programma Oil for Food.
Wangari Muta Maathai, vincitrice nel 2004, convinta che il virus HIV sia stato creato in laboratorio e sfuggito per errore.
Barack Obama, vincitore nel 2009, appena eletto presidente degli USA.

Mostra i risultati (1060 voti)
Marzo 2015
Decreto antiterrorismo, evitato il trojan di Stato (per ora)
Come riutilizzare uno smartphone
L'auto che evita di prendere multe per eccesso di velocità
Windows 10 sarà gratis anche per i pirati
Microsoft manda in pensione Internet Explorer dopo 20 anni
La chiavetta Usb che ti frigge il Pc
La falla FREAK è risolta
Chi ha inventato la correzione automatica?
Non ridete: i colori di quel vestito virale sono una cosa seria
Spostare la barra delle applicazioni, registrare ciò che avviene sul desktop
L'Europa vuole Internet a due velocità
Nerdcensione: Cinquanta Sfumature di Grigio
Febbraio 2015
Eliminare i file superflui, aprire il prompt ovunque e limitare l'UAC
WhatsApp, arrivano le chiamate vocali
Lenovo ha preinstallato malware sui suoi PC
Tutti gli Arretrati

L'FBI dovrà fare il backup di MegaUpload

Un giudice neozelandese ha ordinato agli americani di fare una copia di tutti i dati sequestrati a Kim Dotcom.



[ZEUS News - www.zeusnews.it - 18-06-2012]

kim dotcom copia dati fbi

La battaglia legale che vede Kim Dotcom impegnato con tutti i mezzi per riavere i propri dati, sequestrati dall'FBI durante il raid dello scorso gennaio, per la prima volta lascia intravedere un esito favorevole al fondatore di Megaupload.

Il giudice Helen Winkelmann, che si sta occupando della parte neozelandese del caso, ha infatti ordinato alle autorità americane di preparare una copia dei 150 Tbyte di dati sequestrati, in modo che siano pronti qualora decida di restituirli a Dotcom.

Quest'ultimo ha sempre sostenuto che le informazioni contenuti nei vari hard disk e dispositivi di memorizzazione sono essenziali per la difesa; il giudice non ha ancora stabilito se ciò sia vero, ma nell'attesa pretende che sia approntata una copia fedele da restituire qualora le cose volgano in favore di Kim Dotcom.

In questo caso, gli originali resterebbero in mano all'FBI, ma il contenuto tornerebbe anche dal legittimo proprietario.

Sondaggio
In Germania e in altre nazioni europee il Partito Pirata guadagna consensi, mentre in Italia resta al palo ma spopolano Beppe Grillo e il suo Movimento Cinque Stelle. Sono due movimenti antagonisti e incompatibili?
Sì. In Italia il PP non sfonderà perché i suoi votanti sono già attratti dal M5S. - 52.4%
No. Presto vedremo crescere anche il PP, che meglio può rappresentare gli interessi degli internauti. - 31.4%
Non saprei. - 16.2%
  Voti totali: 1626
 
Leggi i commenti (11)

All'udire la richiesta del giudice Winkelmann le autorità americane hanno protestato sostenendo che per un'operazione del genere potrebbero volerci settimane. All'obiezione il giudice ha risposto, asciutto, che le autorità degli USA hanno certamente «mezzi in abbondanza» per portare a termine il compito.

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con Zeus News ti consigliamo di iscriverti alla Newsletter gratuita. Inoltre puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, inserire un commento (anche anonimo) sotto o segnalare un refuso.

Approfondimenti
Kim Dotcom: "Blitz MegaUpload causato da donazione a Wikileaks"
Sequestro Megaupload illegale, FBI deve restituire tutto
Come funziona MEGA

Commenti all'articolo (ultimi 5 di 7)


Gladiator
E se anche ci volessero settimane che problema ci sarebbe? Potrebbero inventarsi anche scuse migliori e più credibili, il problema è che sono talmente spocchiosi e prevaricatori questi americani che ci deve bastare questa come motivazione per non rispettare l'ordinanza di un giudice straniero. Questa è la vera "democrazia da... Leggi tutto
23-6-2012 15:15


Zeus
Hai tutta 'sta roba su Megaupload? Fra un po' l'FBI verrà anche da te ;) Leggi tutto
20-6-2012 11:54

geppino
Ma non sono un po' pochini? Solo io, di mio, ho due dispositivi da un Tbyte ciascuno pieni di dati...! Leggi tutto
20-6-2012 11:36


Danielix
Un sentito applauso a quel giudice! (che poi gli USA "ascoltino" un'imposizione da un altro Paese è tutt'altra faccenda... quando l'hanno mai fatto?)
19-6-2012 15:31

{Osvaldo}
Bravo giudice! Spero che gli USA non fraintendano quei "mezzi in abbondanza" e facciano partire un drone...
19-6-2012 08:17


La liberta' di parola e' un diritto inviolabile, ma nei forum di Zeus News vige un regolamento che impone delle restrizioni e che l'utente e' tenuto a rispettare. I moderatori si riservano il diritto di cancellare o modificare i commenti inseriti dagli utenti, senza dover fornire giustificazione alcuna. Gli utenti non registrati al forum inoltre sono sottoposti a moderazione preventiva. La responsabilita' dei commenti ricade esclusivamente sui rispettivi autori. I principali consigli: rimani sempre in argomento; evita commenti offensivi, volgari, violenti o che inneggiano all'illegalita'; non inserire dati personali, link inutili o spam in generale.


web metrics