Zeus News è un notiziario dedicato a quanto avviene nel mondo di Internet, dell'informatica, delle nuove tecnologie e della telefonia fissa e mobile: non è un semplice amplificatore di comunicati stampa ma riserva ampio spazio ai commenti e alle riflessioni, proponendosi quale punto di osservazione libero e indipendente.

Sondaggio
L'Italia e gli italiani sono pronti per il (video)gioco online?
I giocatori sarebbero anche pronti, ma il problema è il digital divide. Senza una connessione broadband il gioco online è una chimera.
In Italia più che in altri paesi ha ampia diffusione la pirateria. Il fatto che buona parte dei giocatori utilizzi prodotti contraffatti limiterà la crescita dell'online gaming.
Barriere linguistiche e ritardi nella diffusione di giochi e tecnologie online ci hanno penalizzato nel passato, ma oggi le possibilità di sviluppo sono rosee.
Non ci sono barriere tecniche, ma solo culturali. Il videogioco è tradizionalmente visto come un prodotto da fruire individualmente o in compagnia di amici.
La comunità di giocatori online italiana non ha nulla da invidiare per qualità e quantità a quelle degli altri paesi.

Mostra i risultati (246 voti)
Dicembre 2014
Chiude la CEC-PAC, un fallimento da 19 milioni di euro
Telefonini e promozioni natalizie: quale operatore offre di più
Da BMW l'auto che si cerca il parcheggio da sola
Honor T1, il tablet economico di Huawei
Windows 10 integra Cortana e l'app per la Xbox
Treviso, ragazzini condividono filmato hard con Whatsapp
Il reggiseno bionico che solleva e sistema il seno alla perfezione
Il macchinario che trasforma l'acqua in petrolio
Serve davvero proteggere smartphone e tablet Android con un antivirus?
Sony, migliaia di password in una cartella chiamata ''Password''
Mandare in crash WhatsApp con un singolo messaggio di testo
Lo shopping online? Adesso si fa col Bancomat
Novembre 2014
TIM e Vodafone, LTE fino a 225 Mbit/s
Google rende più semplice vedere tutti i dispositivi connessi al proprio account
Toyota Mirai, l'auto a idrogeno che produce energia per la casa
Tutti gli Arretrati

Boom di funerali eco-compatibili

Bare di lana, inumazioni nei boschi e compensazione delle emissioni di anidride carbonica: sempre più apprezzate le esequie ''verdi''.



[ZEUS News - www.zeusnews.it - 10-07-2012]

bara di lana
Una bara di lana.

Mentre si parla sempre più spesso di mantenere uno stile di vita "ecosostenibile", nel Regno Unito sta prendendo piede la moda di avere anche un funerale egualmente "verde".

È il quotidiano The Guardian a riportare come, nel giro degli ultimi cinque anni, i clienti delle agenzie di pompe funebri che chiedono delle esequie "eco-compatibili" siano aumentati del 100%, e ammontano ormai a oltre 50.000 l'anno.

Rispetto ai funerali tradizionali, quelli ecologici prevedono l'inumazione in luoghi non usuali (come boschi o giardini privati, previa autorizzazione delle autorità), il pagamento di una quota per la compensazione delle emissioni di biossido di carbonio che l'operazione comporta e l'utilizzo di bare realizzate in materiali alternativi, come la lana, il vimini o il cartone, per non parlare dell'utilizzo di semplici sudari.

In particolare, nell'ultimo anno la Hainsworth (una delle più grandi industrie tessili britanniche) ha registrato una crescita del 700% nella richiesta di bare in lana, una pratica che trova le proprie radici nel 1600.

La legge del 1668 Burial in Woolleen Act, infatti, imponeva che i morti venissero sepolti in sudari di pura lana inglese: lo scopo era di sovvenzionare l'industria tessile.

Sondaggio
La cosiddetta green economy genera nuova ricchezza e aumenta sempre di più. Secondo te:
E' un sintomo di vera innovazione.
Significa che bisogna ripensare il concetto di sviluppo.
Lo sviluppo economico non può fare a meno dello sfruttamento ambientale.
E' la prova che economia e ambiente possono andare di pari passo.
E' solo una speculazione temporanea.

Mostra i risultati (2940 voti)
Leggi i commenti (4)

Per Tom Hainsworth, direttore dell'omonima azienda, si tratta insomma di riportare in vita un'antica abitudine: «Abbiamo preso un concetto del diciassettesimo secolo e l'abbiamo trasportato ai giorni nostri» ha dichiarato al Guardian.

Non è però soltanto la Hainsworth a guadagnare da questa tendenza: secondo il presidente della Funeral Furnishing Manufacturing Association, David Crampton, ormai il 10% delle bare è realizzato con materiali alternativi: «Il vimini è decisamente il più popolare, e il cartone è in seconda posizione. Ma ci sono anche il salice, la lana, il bambù, le foglie di banano, i giacinti d'acqua, il feltro e la carta riciclata».

Non tutti sono d'accordo sull'effettiva utilità per l'ambiente di queste scelte: utilizzare una bara fatta con certi materiali è, per qualcuno, un semplice "contentino" dato alle preoccupazioni circa la salute dell'ambiente.

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con Zeus News ti consigliamo di iscriverti alla Newsletter gratuita.

Inoltre puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, inserire un commento (anche anonimo) sotto o segnalare un refuso.

Approfondimenti
UE, niente aumenti al prezzo della CO2

Commenti all'articolo (ultimi 5 di 19)


Danielix
Ma riciclaggio invece no, eh? Magari come cibo per cani...
12-7-2012 22:36


Gladiator
Confermo quanto scritto da stx. Io, per ora, mi sono lmitato alla versione "light", che, peraltro, ha funzionato benissimo con mio padre, però penso che per maggior tutela passerò alla versione "ufficiale" presto... non si sa mai... :roll: Leggi tutto
12-7-2012 18:46


Stx
Vi sono due modi per farlo, la versione “light” consiste nell’informare a voce i parenti. La versione “ufficiale” –come ha gia' scritto Anabasi- consiste nel lasciarla come disposizione testamentaria. Se il testamento contiene solo questa disposizione farlo e' facilissimo, l'importante e' che il testamento sia olografo, in parole... Leggi tutto
12-7-2012 11:11


anabasi
Credo che sia sufficiente inserire questa disposizione nel proprio testamento.
12-7-2012 08:04


Zievatron
Come si fa? :? Leggi tutto
11-7-2012 20:08


La liberta' di parola e' un diritto inviolabile, ma nei forum di Zeus News vige un regolamento che impone delle restrizioni e che l'utente e' tenuto a rispettare. I moderatori si riservano il diritto di cancellare o modificare i commenti inseriti dagli utenti, senza dover fornire giustificazione alcuna. Gli utenti non registrati al forum inoltre sono sottoposti a moderazione preventiva. La responsabilita' dei commenti ricade esclusivamente sui rispettivi autori. I principali consigli: rimani sempre in argomento; evita commenti offensivi, volgari, violenti o che inneggiano all'illegalita'; non inserire dati personali, link inutili o spam in generale.


web metrics