Sondaggio
Qual è il motivo principale che ti può far desistere (oppure no) dal compiere un acquisto online?
La scarsa accessibilità del sito di ecommerce.
I tempi di consegna non certi.
La scomodità di dover rimanere a casa o di dover concordare la consegna con il corriere.
La possibilità che il pacco vada perso, se la spedizione non è tracciata.
La poca fiducia riposta nel negozio online.
Il prezzo maggiore del prodotto.
Le spese di spedizione elevate.
Il sovrapprezzo applicato per la spedizione contrassegno.
La scomodità di dover rispedire il pacco qualora la merce ricevuta sia danneggiata o difettosa.
La maggior difficoltà a far valere le condizioni di garanzia.
L'impossibilità di trattare sul prezzo o di chiedere uno sconto.
La poca fiducia riposta nei sistemi di pagamento online disponibili.

Mostra i risultati (1572 voti)
Febbraio 2015
100 trucchi per Windows 7 e Windows 8
WhatsApp, arrivano le chiamate vocali
Lenovo ha preinstallato malware sui suoi PC
Velocizzare Windows all'avvio, selezionare più file senza la tastiera
Samsung Galaxy S6, ecco come pagarlo meno
La casa di Fazio dovrà rimanere segreta
Abilitare il God Mode, cancellare dati in modo sicuro e login automatico
Vulnerabilità nelle BMW, le auto in balia dei malintenzionati
Facebook adesso ti pedina ovunque su Internet
Galaxy S6, le immagini in anteprima
Arriva LibreOffice 4.4, più bello e più snello
Gennaio 2015
Google: Gli utenti dei vecchi Android si arrangino
Se la prof invia un selfie sexy agli studenti
Windows 10 è gratis per gli utenti di Windows 7 e 8
Antibufala: SismAlarm
Tutti gli Arretrati

Perché Barnes & Noble vuole che gli e-book costino tanto

E-book, prezzi mantenuti alti per favorire la concorrenza (2)



[ZEUS News - www.zeusnews.it - 28-06-2012]

amazon barnes noble cartello ebook

La strana affermazione di Barnes & Noble si spiega considerando lo scenario che la stessa Barnes & Noble va disegnando, scenario in cui innanzitutto, grazie alla decisione del DOJ, Amazon potrà tornare a vendere e-book a prezzi stracciati.

Ciò però è male (dal punto di vista di Barnes & Noble), perché consentirà ad Amazon di acquisire rapidamente un monopolio completo nel settore dei libri elettronici, eliminando i concorrenti che non riescono a praticare gli stessi sconti; a quel punto sarà proprio Amazon, ormai non più minacciata da alcuno, a riportare in alto i prezzi.

Dopotutto, già dopo il lancio del Nook, Barnes & Noble affermava di non riuscire a conquistare quote significative poiché Amazon «imponeva alla maggior parte dei bestseller venduti anche da Barnes & Noble prezzi inferiori ai costi diretti di Barnes & Noble e Amazon stessa».

L'editore afferma quindi di preferire che il cartello dei prezzi resti in piedi così com'è per evitare che, dopo il calo iniziale, gli acquirenti si trovino a pagare di più e abbiano meno scelta.

Sondaggio
Durante un lungo viaggio in treno o in aereo, che cosa preferisci fare?
Ascoltare la musica
Chiacchierare coi vicini
Dormire
Giocare (con il notebook, il tablet, lo smartphone ecc.)
Guardare un film o una serie Tv
Guardare il panorama... o le hostess
Lavorare al computer
Leggere un libro, o un ebook
Navigare su Internet (vale solo in treno)
Telefonare (vale solo in treno)

Mostra i risultati (1536 voti)
Leggi i commenti (6)

Tuttavia, ciò che pare trasparire dall'obiezione avanzata al Dipartimento di Giustizia USA è la pura e semplice paura di scomparire: una volta che Amazon potrà praticare il prezzo che desidera, e considerato l'ampio catalogo di cui dispone, per i concorrenti potrebbe non essere facile reggere il confronto. Che poi ciò porti a un nuovo rialzo dei prezzi è al momento un'ipotesi, e la rapida evoluzione tecnologica rende difficile prevedere che cosa succederà di qui a qualche anno.

D'altra parte, a riprova delle proprie affermazioni Barnes & Noble riporta la discesa del prezzo medio degli e-book - passato dai 9 dollari del 2009 ai 7 dollari del 2012 - e il calo della quota di mercato di Amazon (scesa dal 90% al 60%) in conseguenza dell'adozione dell'agency model.

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con Zeus News ti consigliamo di iscriverti alla Newsletter gratuita. Inoltre puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, inserire un commento (anche anonimo) sotto o segnalare un refuso.

Approfondimenti
E-book, bocciata la riduzione dell'IVA al 10%
Barnes & Noble abbandona il Nook

Commenti all'articolo (ultimi 5 di 21)


Zorro
in effetti non ho considerato le piattaforme di riconoscimento vocale: che potrebbero pareggiare i tempi di produzione di una bozza scritta. link[/url]. anche se una visione panoramica solleva qualche dubbio [url=http://forum.zeusnews.com/link/89584]link Riguardo ai risparmi di personale permango dubbioso: niente funziona "da... Leggi tutto
3-7-2012 10:32


kenshir
Semplificando le tue equazioni, sostieni - correggimi se sbaglio - che il tempo necessario per la stenotipia e la trascrizione sia inferiore a quello della sbobinatura. (tralascio il fatto che scrivere 2T+t1 non ha alcun senso, perche' cosi' stai contando come effettivamente impiegato, e quindi pagato, anche il tempo della pura... Leggi tutto
2-7-2012 17:24


Zorro
è solo una questione di tempo. gli intervalli di tempo da prendere in considerazione sono: T = durata dell'intervento dell'oratore t = durata della stenotipia (è sincronica con T) t1= durata della trasposizione in iscritto (è inferiore sia a T che t) t2= durata della "sbobinatura" della registrazione audio (coincide con T e t... Leggi tutto
2-7-2012 10:36


kenshir
E quale differenza ci sarebbe nell'usare come sorgente della trasposizione una registrazione audio, invece del prodotto di una stenotipia? Leggi tutto
30-6-2012 04:59


Zorro
Il "libero mercato" Usa si basa su due concetti fondamentali - è vietato fare cartelli (trust) per tenere artificiosamente alti i prezzi - è vietato abusare della posizione dominante per lo stesso scopo. L'agency model è un cartello e il comportamento di Amazon paventato da Barnes & Noble è un abuso di posizione dominate.... Leggi tutto
29-6-2012 11:16


La liberta' di parola e' un diritto inviolabile, ma nei forum di Zeus News vige un regolamento che impone delle restrizioni e che l'utente e' tenuto a rispettare. I moderatori si riservano il diritto di cancellare o modificare i commenti inseriti dagli utenti, senza dover fornire giustificazione alcuna. Gli utenti non registrati al forum inoltre sono sottoposti a moderazione preventiva. La responsabilita' dei commenti ricade esclusivamente sui rispettivi autori. I principali consigli: rimani sempre in argomento; evita commenti offensivi, volgari, violenti o che inneggiano all'illegalita'; non inserire dati personali, link inutili o spam in generale.


web metrics