Boxopus, client P2P per scaricare in Dropbox... bannato da Dropbox

Download anonimo e senza bisogno di client: il file finisce automaticamente nell'account Dropbox. Aggiornamento: Dropbox lo ha chiuso fuori.



[ZEUS News - www.zeusnews.it - 26-06-2012]

boxopus dropbox

Nonostante l'apparizione di un concorrente temibile come Google Drive, Dropbox per ora resta il servizio di cloud hosting e sincronizzazione più amato.

L'apprezzamento ora potrebbe anche crescere grazie a Boxopus, un nuovo servizio che permette di scaricare i file tramite BitTorrent direttamente nel proprio account Dropbox.

L'utilizzo di Boxopus è molto semplice: si inseriscono nel servizio le credenziali Dropbox - indispensabili perché il download possa avvenire - quindi si carica un file .torrent dal computer e il download si avvia automaticamente.

Alla fine, il file risultante si troverà nella cartella denominata boxopus, all'interno della cartella Apps; il download avviene anonimamente, dato che è Boxopus a occuparsi del processo.

La comodità di un servizio come Boxopus è già evidente per alcuni siti torrent - come TorrentReactor, Fulldls, Vertor e Torrentzap - che ne hanno già aggiunto il supporto.

Sondaggio
I provider che filtrano il peer to peer
consentono a tutti gli utenti di usufruire della banda larga
ledono i diritti degli utenti che hanno acquistato un abbonamento a banda piena

Mostra i risultati (5893 voti)
Leggi i commenti (10)

Durante questa prima fase di beta testing, l'utilizzo di Boxopus sarà completamente gratuito e illimitato; successivamente chi vorrà continuare a utilizzarlo gratuitamente dovrà sottostare a qualche genere di limitazione.

Aggiornamento - ore 23

Poche ore dopo aver segnalato la notizia ai nostri lettori, già dobbiamo segnalare un aggiornamento: Dropbox ha deciso di bannare il client Boxopus.

Una prima lettera di avvertimento, ricevuta dagli sviluppatori di Boxopus dal team di Dropbox, recitava: "It's come to our attention that latest Boxopus features could be perceived as encouraging users to violate copyright using Dropbox. Violating copyright is against our terms of service, so we are terminating your app's API access. Once your access is revoked, any API calls your app makes will fail."

Poco dopo è arrivato il ban che impedisce Boxopus di funzionare ulteriormente.

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con Zeus News ti consigliamo di iscriverti alla Newsletter gratuita. Inoltre puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, inserire un commento (anche anonimo) sotto o segnalare un refuso.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Approfondimenti
Nove trucchi per usare al meglio Dropbox

Commenti all'articolo (3)

il ban è giusto.....banda e spazio costano, e dropbox non è un giocattolo per scaricare in automatico torrent...:)
27-6-2012 09:57

Ecco perchè dalla 4.0 uso link ci sono gia le app per scaricare da rapidshare e credo che stiano per uscire anche quelle per i .torrent !
27-6-2012 00:12

vedi aggiornamento...
26-6-2012 23:54

La liberta' di parola e' un diritto inviolabile, ma nei forum di Zeus News vige un regolamento che impone delle restrizioni e che l'utente e' tenuto a rispettare. I moderatori si riservano il diritto di cancellare o modificare i commenti inseriti dagli utenti, senza dover fornire giustificazione alcuna. Gli utenti non registrati al forum inoltre sono sottoposti a moderazione preventiva. La responsabilita' dei commenti ricade esclusivamente sui rispettivi autori. I principali consigli: rimani sempre in argomento; evita commenti offensivi, volgari, violenti o che inneggiano all'illegalita'; non inserire dati personali, link inutili o spam in generale.
E' VIETATA la riproduzione dei testi e delle immagini senza l'espressa autorizzazione scritta di Zeus News (P.Iva 06584100967). Tutti i marchi e i marchi registrati citati sono di proprietà delle rispettive società. Informativa sulla privacy. I tuoi suggerimenti sono di vitale importanza per Zeus News. Contatta la redazione e contribuisci anche tu a migliorare il sito: pubblicheremo sui forum le lettere piu' interessanti.
Sondaggio
Qual è la cosa che ti spaventa di più tra queste?
(Confronta i risultati con i timori degli abitanti negli USA nel 2014)
La clonazione della mia carta di credito.
Essere vittima di furto di identità.
Un attentato terroristico nella mia città.
L'accesso al mio conto bancario online da parte di malintenzionati.
Essere colpito da un malware informatico.
Un'epidemia sanitaria come l'ebola o l'aviaria.
La difficoltà a tirare avanti finanziariamente.
L'aumento del crimine.

Mostra i risultati (1654 voti)
Aprile 2017
Il motore di ricerca BitTorrent personale e inaffondabile
L'attacco phishing impossibile da rilevare
WikiLeaks: Ecco come fa la CIA a violare Windows
La startup che impianta microchip nei dipendenti
''Perché mai dovrebbero rubarmi o clonarmi il profilo Facebook?''
Falla nei chip Wi-Fi, milioni di smartphone vulnerabili
Ubuntu abbandona Unity
Windows 10, il Creators Update è già disponibile
Marzo 2017
''Windows 10 ha distrutto il mio PC'' e fa causa a Microsoft
Wikileaks rivela il ''cacciavite sonico'' della CIA per colpire i Mac
Come violare un account Windows in un minuto
Hai un processore nuovo? Non potrai aggiornare Windows
Come disabilitare i video che partono da soli nei siti Web
Monaco lascia Linux soltanto per motivi politici
Il senatore Bartolomeo Pepe e le ''scie chimiche''
Tutti gli Arretrati


web metrics