Zeus News è un notiziario dedicato a quanto avviene nel mondo di Internet, dell'informatica, delle nuove tecnologie e della telefonia fissa e mobile: non è un semplice amplificatore di comunicati stampa ma riserva ampio spazio ai commenti e alle riflessioni, proponendosi quale punto di osservazione libero e indipendente.

Sondaggio
Quale di questi consigli ritieni più importante per una vacanza all'insegna della sicurezza?
Aggiornare il sistema operativo, i programmi installati e le applicazioni, eliminando così eventuali falle di sicurezza già scoperte.
Evitare di usare WLAN pubbliche (in hotel, Internet Café, aeroporto...): solitamente sono protette in maniera inadeguata e i dati possono essere spiati. Meglio utilizzare una connessione mobile UMTS.
Evitare di fare online banking in vacanza e non scaricare o salvare dati personali e sensibili su Pc pubblici.
Creare un indirizzo ad hoc per inviare cartoline elettroniche via email, da disattivare al rientro qualora venisse compromesso.
Impostare una password all'accensione su smartphone e tablet e un PIN per lo sblocco della tastiera.
Fare il backup del notebook o del netbook che si porta in vacanza, crittografando i dati per limitare i danni in caso di furto.

Mostra i risultati (947 voti)
Settembre 2014
Chiude Italia.it, costato 60 milioni di euro
Il software-spia usato dai governi contro dissidenti e giornalisti
Velocizzare le ricerche dei file
Windows 9, le prime immagini e un video
Telecom Italia aumenta il canone e raddoppia le tariffe
Gmail, pubblicate le password di 5 milioni di account
10 segnali negativi in un colloquio di lavoro
Guarda Facebook guidando e causa la morte di una donna
Chiavi stampate 3D, un business per i topi d'appartamento
Eee PC, Asus ci riprova
Le false antenne cellulari che intercettano chiamate e messaggi
Sfondare le reti Wi-Fi al primo tentativo
Come disinstallare definitivamente il software
Agosto 2014
Così si aggira la censura, anche da smartphone
Il divano che si trasforma in letto a castello
Tutti gli Arretrati

Boxopus, client P2P per scaricare in Dropbox... bannato da Dropbox

Download anonimo e senza bisogno di client: il file finisce automaticamente nell'account Dropbox. Aggiornamento: Dropbox lo ha chiuso fuori.



[ZEUS News - www.zeusnews.it - 26-06-2012]

boxopus dropbox

Nonostante l'apparizione di un concorrente temibile come Google Drive, Dropbox per ora resta il servizio di cloud hosting e sincronizzazione più amato.

L'apprezzamento ora potrebbe anche crescere grazie a Boxopus, un nuovo servizio che permette di scaricare i file tramite BitTorrent direttamente nel proprio account Dropbox.

L'utilizzo di Boxopus è molto semplice: si inseriscono nel servizio le credenziali Dropbox - indispensabili perché il download possa avvenire - quindi si carica un file .torrent dal computer e il download si avvia automaticamente.

Alla fine, il file risultante si troverà nella cartella denominata boxopus, all'interno della cartella Apps; il download avviene anonimamente, dato che è Boxopus a occuparsi del processo.

La comodità di un servizio come Boxopus è già evidente per alcuni siti torrent - come TorrentReactor, Fulldls, Vertor e Torrentzap - che ne hanno già aggiunto il supporto.

Sondaggio
I provider che filtrano il peer to peer
consentono a tutti gli utenti di usufruire della banda larga
ledono i diritti degli utenti che hanno acquistato un abbonamento a banda piena

Mostra i risultati (5716 voti)
Leggi i commenti (10)

Durante questa prima fase di beta testing, l'utilizzo di Boxopus sarà completamente gratuito e illimitato; successivamente chi vorrà continuare a utilizzarlo gratuitamente dovrà sottostare a qualche genere di limitazione.

Aggiornamento - ore 23

Poche ore dopo aver segnalato la notizia ai nostri lettori, già dobbiamo segnalare un aggiornamento: Dropbox ha deciso di bannare il client Boxopus.

Una prima lettera di avvertimento, ricevuta dagli sviluppatori di Boxopus dal team di Dropbox, recitava: "It's come to our attention that latest Boxopus features could be perceived as encouraging users to violate copyright using Dropbox. Violating copyright is against our terms of service, so we are terminating your app's API access. Once your access is revoked, any API calls your app makes will fail."

Poco dopo è arrivato il ban che impedisce Boxopus di funzionare ulteriormente.

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con Zeus News ti consigliamo di iscriverti alla Newsletter gratuita.

Inoltre puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, inserire un commento (anche anonimo) sotto o segnalare un refuso.

Approfondimenti
Nove trucchi per usare al meglio Dropbox

Commenti all'articolo (3)

dany88
il ban è giusto.....banda e spazio costano, e dropbox non è un giocattolo per scaricare in automatico torrent...:)
27-6-2012 09:57

ott0disk
Ecco perchè dalla 4.0 uso link ci sono gia le app per scaricare da rapidshare e credo che stiano per uscire anche quelle per i .torrent !
27-6-2012 00:12


Zeus
vedi aggiornamento...
26-6-2012 23:54

Inserisci un commento - anche se NON sei registrato

La liberta' di parola e' un diritto inviolabile, ma nei forum di Zeus News vige un regolamento che impone delle restrizioni e che l'utente e' tenuto a rispettare. I moderatori si riservano il diritto di cancellare o modificare i commenti inseriti dagli utenti, senza dover fornire giustificazione alcuna. Gli utenti non registrati al forum inoltre sono sottoposti a moderazione preventiva. La responsabilita' dei commenti ricade esclusivamente sui rispettivi autori. I principali consigli: rimani sempre in argomento; evita commenti offensivi, volgari, violenti o che inneggiano all'illegalita'; non inserire dati personali, link inutili o spam in generale.


web metrics