Zeus News è un notiziario dedicato a quanto avviene nel mondo di Internet, dell'informatica, delle nuove tecnologie e della telefonia fissa e mobile: non è un semplice amplificatore di comunicati stampa ma riserva ampio spazio ai commenti e alle riflessioni, proponendosi quale punto di osservazione libero e indipendente.

Sondaggio
Hai mai inviato Sms o messaggi o email a un tuo familiare mentre entrambi eravate a casa?
No, mai.
E' successo una o due volte.
Ogni tanto capita ma non è mia abitudine.
Lo faccio regolarmente.

Mostra i risultati (965 voti)
Settembre 2014
Ecco come sarà Windows 10
Il Tar del Lazio boccia il Regolamento Agcom
ShellShock, falla critica in Linux e Mac OS X
L'iPhone 6 si piega in tasca
Nuova ondata di foto rubate a celebrità
Si suicida in diretta su Skype e la gente fa il tifo
Chiude Italia.it, costato 60 milioni di euro
Il software-spia usato dai governi contro dissidenti e giornalisti
Velocizzare le ricerche dei file
Windows 9, le prime immagini e un video
Telecom Italia aumenta il canone e raddoppia le tariffe
Gmail, pubblicate le password di 5 milioni di account
10 segnali negativi in un colloquio di lavoro
Guarda Facebook guidando e causa la morte di una donna
Chiavi stampate 3D, un business per i topi d'appartamento
Tutti gli Arretrati

Acer: il tablet di Microsoft sarà un flop

Secondo Acer, Surface non avrà successo: Microsoft dovrebbe continuare a sviluppare software anziché perdere tempo con l'hardware.



[ZEUS News - www.zeusnews.it - 27-06-2012]

microsoft surface acer

A essere onesti, non si poteva pensare che non sarebbe successo: l'ingresso di Microsoft nel mondo dei tablet con Surface ha infastidito, e non poco, i produttori di hardware tradizionalmente partner dell'azienda di Redmond, e qualcuno ha iniziato a lamentarsi.

Questo qualcuno è Acer che, per bocca del proprio vicepresidente senior Oliver Ahrens, ha espresso giudizi pesanti circa la strategia intrapresa da Microsoft, giudizi da cui però sembra trasparire in realtà la paura che il colosso, iniziando a produrre i propri tablet, releghi all'angolo gli altri produttori di dispositivi.

Per Ahrens, Surface sarà un fiasco: «Non credo che avrà successo, perché non si può essere un produttore di hardware con due prodotti» ha dichiarato il vicepresidente, squalificando quindi sin da subito il tentativo.

Ahrens ha poi elaborato ulteriormente, spiegando che se Microsoft ha intenzione di replicare il modello di Apple - la quale è in grado di fare il bello e il cattivo tempo per quanto riguarda l'iPad, dato che controlla l'intera filiera - ha proprio sbagliato i conti: «Microsoft sta lavorando con due dozzine di venditori di PC in tutto il mondo, mentre Apple è sola, e può fare più o meno quello che vuole».

Sembrerebbe quasi una minaccia; velata, ma nemmeno troppo nascosta. Come dire: se con Surface hai intenzione di dimenticarti di chi ti ha reso ciò che sei (creando l'hardware su cui far girare i tuoi software), saremo pronti a dare battaglia; in che modo, non si sa.

Tale impressione è rafforzata dalla frase successiva: «Microsoft è un componente del sistema PC. Un componente molto importante, ma pur sempre un componente» sostiene Ahrens, il quale alla fine ha esplicitato chiaramente la preoccupazione di Acer.

«Anziché migliorare l'esperienza utente di Windows 8 hanno aperto un nuoco campo di battaglia. Mi preoccupa il fatto che ciò possa portare Microsoft a perdere la concentrazione interna, e quelli che soffriranno per questo saremo noi, perché lavoriamo con i loro prodotti».

Per Oliver Ahrens, Microsoft avrebbe dovuto continuare a limitarsi a sviluppare software e lasciare l'hardware a chi se ne è sempre occupato: dopotutto, è proprio grazie a questa sinergia Microsoft è diventata il gigante che conosciamo e che i produttori di PC hanno prosperato.

Se dal punto di vista di Acer questo suggerimento è comprensibile (un nuovo produttore hardware col peso di Microsoft può essere terrorizzante), dal punto di vista dell'azienda di Redmond il passaggio era quasi obbligato.

Sondaggio
Come sarà il prossimo Pc che acquisterai?
Un desktop
Un notebook
Un netbook
Un tablet

Mostra i risultati (5424 voti)
Leggi i commenti (17)

Appena sei mesi fa gli analisti e i dirigenti stessi di Microsoft sembravano volere la testa di Steve Ballmer perché il CEO pareva «bloccato nel passato» e fossilizzato su un modello - quello appunto legato allo sviluppo del software - che fino a oggi ha funzionato bene, come i risultati delle vendite di Windows e Office dimostrano, ma che con l'avanzata dei dispositivi mobili rischia di iniziare a mostrare la corda.

Cogliere al volo l'opportunità di giocare un ruolo alternativo ai due grandi colossi - Apple e Google - nel mercato dei tablet, in quest'ottica diventa una mossa obbligata per Microsoft, nonostante le perplessità e i timori di Acer e soci.

D'altra parte, Surface ha seriamente possibilità di successo. Nel settore dei tablet, infatti, l'iPad è ancora molto più forte delle alternative Android, che non hanno avuto finora il successo sperato e per raggiungere il quale Google, di recente, ha deciso di puntare su una soluzione a basso costo.

E anche se con l'iPad - come sostengono gli spot - si può fare tutto ciò che si può fare con un PC, le differenze per chi si è formato con un'esperienza desktop ed è abituato alle applicazioni Windows non sono propriamente secondarie.

Surface - soprattutto nella versione x86, ma se Microsoft giocherà bene le proprie carte anche nella versione ARM - grazie a Windows 8 e idee forse banali ma pratiche come la tastiera in dotazione può invece essere in grado di rappresentare davvero la nuova incarnazione dei PC, offrendo un sistema operativo che offre esattamente le stesse, familiari funzioni finora viste su desktop e notebook e contemporaneamente le modalità d'interazione (come lo schermo touch) portate al successo di recente da Apple prima e Google poi.

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con Zeus News ti consigliamo di iscriverti alla Newsletter gratuita.

Inoltre puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, inserire un commento (anche anonimo) sotto o segnalare un refuso.

Approfondimenti
Microsoft, il Surface Pro arriva in Italia

Commenti all'articolo (ultimi 5 di 11)

{kenshiro}
Acer dovrebbe preoccuparsi a sfornare prodotti più di qualità, e microsoft si dedichi al software e lasciasse perdere l'hardware se non vuole altre bacchettate, con il suo winzoz ha affossato nokia che ha sua volta ha fatto un matrimonio infelice con micorsoft, il dominio dei tablet è in mano ad android... Leggi tutto
3-7-2012 14:51


Brio
Se Microsoft comincia a creare hardware dedicato mi sa che sfonderà davvero...e credo migliorerà anche il software di conseguenza e l'esperienza che ne deriva.. Dopo il crash del tablet win in diretta comunque, mi apsetto un passaggio pieno di figuracce....in stile microsoft.
28-6-2012 16:41


OXO
Concordo pienamente con Squall ed allargo il concetto a tutti gli altri produttori di qualsivoglia aggeggio elettronico e non: ritengo altamente più produttivo che ognuno si concentri a fare bene il proprio mestiere ed offrire al cliente finale prodotti validi; certe smusate se le facessero nelle segrete delle loro stanzette dei bottoni,... Leggi tutto
28-6-2012 16:12

dany88
ahaha come si dice, ha il dente avvelenato.....perchè sa benissimo che se surface prende piede (e cmq in generale hardware microsoft), i guadagni per Acer saranno ancora più limati....
28-6-2012 09:12


whitesquall
Imho la Acer dovrebbe concentrarsi sui propri prodotti invece di fare commenti sulle altre aziende...
27-6-2012 19:56

Leggi gli altri 6 commenti nel forum Pc e notebook
Inserisci un commento - anche se NON sei registrato

La liberta' di parola e' un diritto inviolabile, ma nei forum di Zeus News vige un regolamento che impone delle restrizioni e che l'utente e' tenuto a rispettare. I moderatori si riservano il diritto di cancellare o modificare i commenti inseriti dagli utenti, senza dover fornire giustificazione alcuna. Gli utenti non registrati al forum inoltre sono sottoposti a moderazione preventiva. La responsabilita' dei commenti ricade esclusivamente sui rispettivi autori. I principali consigli: rimani sempre in argomento; evita commenti offensivi, volgari, violenti o che inneggiano all'illegalita'; non inserire dati personali, link inutili o spam in generale.


web metrics