Partito Pirata confuso coi pirati di mare

Russia e Taiwan vietano la formazione del Partito Pirata perché la gente potrebbe pensare che si tratti di pirati veri.



[ZEUS News - www.zeusnews.it - 28-06-2012]

partito pirata

I vari partiti pirata stanno sorgendo un po' dappertutto, ma in alcune nazioni la loro formazione è osteggiata perché le autorità temono che qualcuno li possa scambiare per delle associazioni composte da veri pirati di mare.

Si registrano già due casi: uno in Russia, l'altro a Taiwan. In entrambi gli Stati le perplessità sono nate per l'uso della parola "pirata", che potrebbe far pensare ad attività contrarie alla legge. L'articolo continua qui sotto.

Sondaggio
Alle prossime elezioni, voteresti il Partito Pirata, per le libertà digitali?
No, perché ho già un partito preferito. - 13.3%
Sì, perché è quello che ci vuole per difendere la libertà della Rete, e gli altri partiti sono vecchi. - 65.7%
No, perché credo che su questi temi ci si debba battere fuori dalle istituzioni. - 10.1%
No, perché ho deciso di non andare a votare. - 10.9%
  Voti totali: 3441
 
Leggi i commenti (40)
Tai Cheh, l'uomo che ha cercato di fondare il Partito Pirata di Taiwan ha cercato di opporsi al divieto rivolgendosi al tribunale, ma gli è stato risposto che la parola "Pirata" non descrive accuratamente i veri obiettivi del Partito.

Il Ministero dell'Interno ha affermato che il termine "pirata" può "fuorviare i cittadini e indurli a votare per qualcuno che credano essere dei veri pirati di mare".

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con Zeus News ti consigliamo di iscriverti alla Newsletter gratuita. Inoltre puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, inserire un commento (anche anonimo) sotto o segnalare un refuso.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Approfondimenti
La città col sindaco pirata

Commenti all'articolo (ultimi 5 di 9)

Alla fine, in quei paesi che presentano questo problema del rischio di equivoco basta cambiare il nome in modo non equivocabile.
1-7-2012 19:10

A me puzza più di maldestra mossa di boicottaggio poichè nei primi stati in cui questo partito è nato un pochino di paura comincia a farla e potrebbe destabilizzare un certo status quo che fa comodo da sempre ai soliti potenti...
1-7-2012 17:14

Sì, le ragioni "d'orecchio" le capisco. E sono ragioni che non mi piacciono.
29-6-2012 20:36

vedi sopra, "ehi hai sentito, hanno fatto un partito di quelli che scassano i computer con i virus e rubano i codici dei bancomat" :-D Mauro Leggi tutto
29-6-2012 17:30

Quì dove? Su questo forum? Per un sacco di gente in Italia i pirati informatici sono i fabbricanti di virus, i ladri di identità et similia. Se a quacuno gli scippano i soldi direttamente dal conto corrente, sono stati i pirati informatici. A me non piace affatto la scelta dei contestatori delle major di soft/musica/film e delle loro... Leggi tutto
29-6-2012 12:20

La liberta' di parola e' un diritto inviolabile, ma nei forum di Zeus News vige un regolamento che impone delle restrizioni e che l'utente e' tenuto a rispettare. I moderatori si riservano il diritto di cancellare o modificare i commenti inseriti dagli utenti, senza dover fornire giustificazione alcuna. Gli utenti non registrati al forum inoltre sono sottoposti a moderazione preventiva. La responsabilita' dei commenti ricade esclusivamente sui rispettivi autori. I principali consigli: rimani sempre in argomento; evita commenti offensivi, volgari, violenti o che inneggiano all'illegalita'; non inserire dati personali, link inutili o spam in generale.
E' VIETATA la riproduzione dei testi e delle immagini senza l'espressa autorizzazione scritta di Zeus News (P.Iva 06584100967). Tutti i marchi e i marchi registrati citati sono di proprietà delle rispettive società. Informativa sulla privacy. I tuoi suggerimenti sono di vitale importanza per Zeus News. Contatta la redazione e contribuisci anche tu a migliorare il sito: pubblicheremo sui forum le lettere piu' interessanti.
Sondaggio
Fidanzati sospettosi o inguaribili diffidenti, qual è la vostra arma preferita tra quelle che Facebook mette a disposizione di voi gelosoni per controllare il vostro partner?
I cuoricini in bacheca: un segno per far sentire sempre e dovunque la propria presenza, nonché un espediente per marcare il territorio del partner.
L'applicazione "Chi ti segue di più?": bisogna convincere il partner a usare questa applicazione (apparentemente innocua) per scovare eventuali vittime da annotare sulla propria black list.
Facebook Places: permette di taggare compulsivamente il partner e rendere noto al mondo intero il fatto che lei e il suo lui si trovano sempre insieme.
L'auto tag nelle foto: indispensabile strumento per essere certi di ricevere notifiche qualora un'altra persona osasse commentare o piazzare "Mi piace" alle foto del/della partner.
I commenti minatori: il simpatico approccio ossessivo-compulsivo verso chi tagga il partner o ne invade la bacheca. Di solito consiste in un discreto: "Che bello il MIO amore!"
Il profilo Facebook in comune: un unico profilo scoraggia anche il più audace dei rivali dal tentare un approccio.
La password nota al partner: Della serie: "Amore, se non mi nascondi niente allora posso avere la tua password?". Nessun messaggio di posta, commento o notifica è al sicuro.
Il tasto "Rimuovi dagli amici": una volta in possesso della password del partner, qualsiasi rivale dalla foto profilo provocante o la cui identità è sconosciuta verrà subito rimosso dagli amici.
La trappola: spacciandosi per il partner (password nota), si inizia a contattare i presunti rivali e testare le loro intenzioni con domande e allusioni per far cadere in trappola anche i più astuti.
Il Mi piace minatorio: post, foto, tag, nuove amicizie sono regolarmente marchiati da un Mi piace del partner. Dietro una parvenza di apprezzamento, dimostrano quanto in realtà NON piaccia l'elemento.

Mostra i risultati (347 voti)
Febbraio 2017
Il malware che ti spia dal microfono del PC
WhatsApp attiva l'antifurto: verifica in due passaggi
Il sito per stalkerare chiunque su Facebook
Monaco molla Linux e torna a Windows
Cerber, il ransomware che prende di mira gli utenti italiani
Mozilla uccide Firefox OS e licenzia
Il trojan che imperversa sui sistemi Linux
Gennaio 2017
La rivincita delle musicassette
I 10 siti di torrent più popolari
Microsoft termina il supporto al Windows 10 originale
La backdoor in WhatsApp che permette di intercettare i messaggi
Quei titoloni su Draghi, Renzi e Monti ''hackerati'' sono una bufala
Galaxy S8, lo smartphone che è anche un PC
Sì, le smart TV sono infettabili
Dicembre 2016
Quanto guadagna una celebrità da una foto su Instagram o Twitter? Tanto
Tutti gli Arretrati


web metrics