Sondaggio
Hai dei rimpianti per la tua vita finora?
Avrei voluto vivere la vita secondo le mie inclinazioni e non secondo le aspettative degli altri.
Ho fatto l'amore meno di quanto mi sarebbe piaciuto.
Non avrei voluto lavorare così duramente.
Ho viaggiato meno di quello che avrei voluto.
Avrei voluto avere il coraggio di esprimere di più alcuni miei sentimenti.
Avrei voluto restare di più in contatto con i miei amici e di chi mi ha voluto bene.
Ho guadagnato meno soldi di quanto avrei desiderato.
Avrei voluto consentirmi di essere più felice.

Mostra i risultati (1853 voti)
Luglio 2015
L'auto che si restringe per parcheggiare meglio
La lampadina a Led più economica del mondo
Giugno 2015
Google Chromebit trasforma la Tv in un Pc
Sabotaggio verso gli utenti di μTorrent
Su Google Play Music la musica adesso è gratis
A cosa serve prenotare Windows 10?
Aggiungere una cartella alla barra delle applicazioni
Jobs Act, permesso il controllo a distanza dei dipendenti
11 bufale hi-tech a cui molti continuano a credere
Navigare senza limiti in 4G LTE? Sì, ma solo di notte
Come passare da MBR a GPT e viceversa
Riutilizzare le vecchie batterie dei telefonini si può
Porn Time è il Popcorn Time a luci rosse
Google Maps, navigatore anche senza la connessione
Rubare soldi al bancomat con l'iPod Nano
Tutti gli Arretrati

Partito Pirata confuso coi pirati di mare

Russia e Taiwan vietano la formazione del Partito Pirata perché la gente potrebbe pensare che si tratti di pirati veri.



[ZEUS News - www.zeusnews.it - 28-06-2012]

partito pirata

I vari partiti pirata stanno sorgendo un po' dappertutto, ma in alcune nazioni la loro formazione è osteggiata perché le autorità temono che qualcuno li possa scambiare per delle associazioni composte da veri pirati di mare.

Si registrano già due casi: uno in Russia, l'altro a Taiwan. In entrambi gli Stati le perplessità sono nate per l'uso della parola "pirata", che potrebbe far pensare ad attività contrarie alla legge. L'articolo continua qui sotto.

Sondaggio
Alle prossime elezioni, voteresti il Partito Pirata, per le libertà digitali?
No, perché ho già un partito preferito. - 13.3%
Sì, perché è quello che ci vuole per difendere la libertà della Rete, e gli altri partiti sono vecchi. - 65.7%
No, perché credo che su questi temi ci si debba battere fuori dalle istituzioni. - 10.1%
No, perché ho deciso di non andare a votare. - 10.9%
  Voti totali: 3441
 
Leggi i commenti (40)
Tai Cheh, l'uomo che ha cercato di fondare il Partito Pirata di Taiwan ha cercato di opporsi al divieto rivolgendosi al tribunale, ma gli è stato risposto che la parola "Pirata" non descrive accuratamente i veri obiettivi del Partito.

Il Ministero dell'Interno ha affermato che il termine "pirata" può "fuorviare i cittadini e indurli a votare per qualcuno che credano essere dei veri pirati di mare".

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con Zeus News ti consigliamo di iscriverti alla Newsletter gratuita. Inoltre puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, inserire un commento (anche anonimo) sotto o segnalare un refuso.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Approfondimenti
La città col sindaco pirata

Commenti all'articolo (ultimi 5 di 9)

Alla fine, in quei paesi che presentano questo problema del rischio di equivoco basta cambiare il nome in modo non equivocabile.
1-7-2012 19:10

A me puzza più di maldestra mossa di boicottaggio poichè nei primi stati in cui questo partito è nato un pochino di paura comincia a farla e potrebbe destabilizzare un certo status quo che fa comodo da sempre ai soliti potenti...
1-7-2012 17:14

Sì, le ragioni "d'orecchio" le capisco. E sono ragioni che non mi piacciono.
29-6-2012 20:36

vedi sopra, "ehi hai sentito, hanno fatto un partito di quelli che scassano i computer con i virus e rubano i codici dei bancomat" :-D Mauro Leggi tutto
29-6-2012 17:30

Quì dove? Su questo forum? Per un sacco di gente in Italia i pirati informatici sono i fabbricanti di virus, i ladri di identità et similia. Se a quacuno gli scippano i soldi direttamente dal conto corrente, sono stati i pirati informatici. A me non piace affatto la scelta dei contestatori delle major di soft/musica/film e delle loro... Leggi tutto
29-6-2012 12:20

La liberta' di parola e' un diritto inviolabile, ma nei forum di Zeus News vige un regolamento che impone delle restrizioni e che l'utente e' tenuto a rispettare. I moderatori si riservano il diritto di cancellare o modificare i commenti inseriti dagli utenti, senza dover fornire giustificazione alcuna. Gli utenti non registrati al forum inoltre sono sottoposti a moderazione preventiva. La responsabilita' dei commenti ricade esclusivamente sui rispettivi autori. I principali consigli: rimani sempre in argomento; evita commenti offensivi, volgari, violenti o che inneggiano all'illegalita'; non inserire dati personali, link inutili o spam in generale.


web metrics