Localizzazione all'interno degli edifici, le nuove tecniche

Dove il GPS non arriva ecco UnLoc, una tecnologia basata sui punti di riferimento invisibili.



[ZEUS News - www.zeusnews.it - 08-07-2012]

localizzazione indoor

I dispositivi che integrano un ricevitore GPS sono ormai così diffusi da aver generato una sorta di dipendenza in chi deve spostarsi anche su brevi distanze.

Questa tecnologia soffre tuttavia di un importante problema: non funziona al chiuso. Nel tempo sono state sviluppate quindi soluzioni alternative - come l'impiego di accelerometri o di sensori in grado di individuare i campi magnetici - che tuttavia hanno sempre mostrato dei limiti.

Ora un team di ricercatori della Duke University (nel North Carolina, USA) hanno sviluppato una nuova tecnica, chiamata UnLoc (abbreviazione di Unsupervised Indoor Localization), che sfrutta alcuni punti di riferimento invisibili.

Il principio è simile a quello utilizzato per dare indicazioni, quando per esempio si suggerisce di «svoltare a sinistra all'altezza della fontana».

Nel caso dei localizzatori UnLoc, i punti di riferimento devono essere qualcosa che i sensori possono rilevare.

Il professor Roy Choudhury spiega: «Per esempio, punti di riferimento possono essere il movimento degli ascensori o le trombe delle scale, poiché i telefonini sono in grado di rilevare il movimento, o certi punti morti dove mancano il segnale Wi-Fi o 3G».

Sondaggio
iPad/iPhone, Android, Windows Phone hanno servizi che localizzano gli utenti. La privacy è violata?
Sì, almeno potenzialmente.
No, è tutta una bolla di sapone.
Non so.

Mostra i risultati (2861 voti)
Leggi i commenti (3)

L'utilizzo di questi punti di riferimento insieme alle tecniche tradizionali - come l'uso dell'accelerometro, del giroscopio e della bussola per valutare la distanza percorsa - permette di far funzionare la localizzazione anche all'interno degli edifici: i sistemi abituali, utilizzati da soli, diventano imprecisi dopo un po', ma UnLoc permette di ricalibrarli ogni volta che si raggiunge un punto di riferimento.

Un altro punto a favore di UnLoc è il fatto che questa tecnica non richiede di mappare in anticipo le zone: «La parte migliore dell'applicazione è che è ricorsiva» spiega He Wang, il dottorando che guida il progetto. «Ciò significa che comincia senza sapere nulla, ma "impara" con il tempo. Così, più viene utilizzata in un dato edificio e più diventa precisa».

Infine, i ricercatori sottolineano che i sensori richiesti da UnLoc sono molto meno affamati energia di un GPS, il che permette di mantenere attiva la localizzazione per tutto il giorno.

UnLoc è già stato sottoposto a un primo test all'interno del campus della Duke University, negli edifici dei dipartimenti di informatica e ingegneria, e ha mostrato di avere un'accuratezza media di circa 1,6 metri.

Secondo il professor Choudhury le applicazioni di questo sistema sono molte: i genitori possono utilizzarlo per ritrovare i figli nei centri commerciali affollati, oppure può tornare utile per ricordarsi dove si è lasciata l'auto in un parcheggio sotterraneo.

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con Zeus News ti consigliamo di iscriverti alla Newsletter gratuita. Inoltre puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, inserire un commento (anche anonimo) sotto o segnalare un refuso.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Approfondimenti
Il tracciamento degli amici anche su Facebook
Apple, 20 milioni per la localizzazione al chiuso
Dove il Gps fallisce, un localizzatore che funziona dentro casa

Commenti all'articolo (ultimi 5 di 7)

La sola mappatura degli edifici e’ ai limiti della fantascienza IMHO. Ma ammettiamo che possa riuscire. Il passo successivo pero' nasconde il punto debole del progetto. Vado con un esempio: quando entro io nell’edificio (che e’ stato mappato in precedenza) in tasca ho uno smartphone con un accelerometro pensato per fare i videogiochi... Leggi tutto
9-7-2012 15:03

ma anche no, meno cose girano a nostra insaputa sui nostri device facendosi i fatti nostri meglio è :-) ovviamente, libero di installarlo e usarlo chi vuole, ma di obbligatorio mi bastano le tasse :-D Mauro Leggi tutto
9-7-2012 12:35

a differenza di adesso, dove tutti siamo perfettamente isolati? ;-) Mauro Leggi tutto
9-7-2012 12:27

{ice}
@ caralu i porgetti sono sostanzialmente differnti nel progetto Sardo da te segnalato, sono gli stessi proprietari degli edifici a dover fornire mappe e taggare i pnti notevoli. Il progetto dell'articolo invece prevede una rete di milioni di partecipanti capace di auto apprendere Qualcuno prima di me va sull'ascensore del... Leggi tutto
9-7-2012 11:01

Senza andare così lontano, in Sardegna (Sardegna DistrICT Lab + CRS4) si è sviluppato un sistema di navigazione interna pre-caricando una mappa dell'edificio tramite Qrcode: link
9-7-2012 10:36

La liberta' di parola e' un diritto inviolabile, ma nei forum di Zeus News vige un regolamento che impone delle restrizioni e che l'utente e' tenuto a rispettare. I moderatori si riservano il diritto di cancellare o modificare i commenti inseriti dagli utenti, senza dover fornire giustificazione alcuna. Gli utenti non registrati al forum inoltre sono sottoposti a moderazione preventiva. La responsabilita' dei commenti ricade esclusivamente sui rispettivi autori. I principali consigli: rimani sempre in argomento; evita commenti offensivi, volgari, violenti o che inneggiano all'illegalita'; non inserire dati personali, link inutili o spam in generale.
E' VIETATA la riproduzione dei testi e delle immagini senza l'espressa autorizzazione scritta di Zeus News (P.Iva 06584100967). Tutti i marchi e i marchi registrati citati sono di proprietà delle rispettive società. Informativa sulla privacy. I tuoi suggerimenti sono di vitale importanza per Zeus News. Contatta la redazione e contribuisci anche tu a migliorare il sito: pubblicheremo sui forum le lettere piu' interessanti.
Sondaggio
Quali sono i rischi maggiori del cloud computing?
Distributed Denial of Service (DDoS): cresce l'impatto dei tempi di indisponibilità di un sito web, che possono costare perdite di milioni di euro in termini di introiti, produttività e immagine aziendale.
Frode: perpetrata da malintenzionati con l'obiettivo di trafugare i dati di un sito e creare storefront illegittimi, o da truffatori che intendono impadronirsi di numeri di carte di credito, la frode tende a colpire - prima o poi - tutte le aziende.
Violazione dei dati: le aziende tendono a consolidare i dati nelle applicazioni web (dati delle carte di credito ma anche di intellectual property, ad esempio); gli attacchi informatici bersagliano i siti e le infrastrutture che le supportano.
Malware del desktop: un malintenzionato riesce ad accedere a un desktop aziendale, approfittandone per attaccare i fornitori o le risorse interne o per visualizzare dati protetti. Come il trojan Zeus, che prende il controllo del browser dell'utente.
Tecnologie dirompenti: pur non essendo minacce nel senso stretto del termine, tecnologie come le applicazioni mobile e il trend del BYOD (bring-your-own-device) stanno cambiando le regole a cui le aziende si sono attenute sino a oggi.

Mostra i risultati (1014 voti)
Giugno 2017
Le torri di Amazon per i droni
Microsoft: ''Sì, disabilitiamo gli antivirus. Per il bene degli utenti''
Banda larga, scontro assurdo fra Tim e Governo
Il caso del sindacalista che criticava gli stipendi d'oro
Italia, via libera al trojan di Stato
Difendersi dalle app-truffa presenti nell'App Store di Apple
Roaming dati nell'UE ''gratuito'' da ieri: occhio alle sorprese
Firefox 54, più sicuro con la sandbox e più leggero
Il link che infetta il Pc senza nemmeno dover cliccare
Ecco come vengono sfruttati in concreto i dati delle nostre navigazioni
Windows 10, un assaggio del Fall Creators Update
Dai gattini bonsai alla disinformazione pianificata
Ex pornostar chiama in causa i pirati
Qualche chicca nascosta di Google
Antivirus e installazioni
Tutti gli Arretrati


web metrics