Record: 2,56 Terabit/s in wireless

Attorcigliando le onde elettromagnetiche si possono raggiungere velocità incredibili.



[ZEUS News - www.zeusnews.it - 28-06-2012]

dati attorcigliati

Un gruppo di scienziati - composto da menti provenienti dal Jet Propulsion Laboratory della NASA e da alcune università di USA, Cina e Israele e guidato da Alan Wilner dell'Università della California del Sud - sono riusciti a trasmettere dati in modalità wireless alla strabiliante velocità di 2,56 Tbit/s.

Per raggiungere questo risultato, hanno utilizzato una tecnica che concettualmente richiama le "onde elettromagnetiche a fusillo" sperimentate da Fabrizio Tamburini dell'Università di Padova e dai colleghi dello svedese Istituto Angstrom nello scorso marzo.

Anche nel caso delle ricerche di Wilner le onde elettromagnetiche sono state attorcigliate su sé stesse: in questo caso non sono però state usate delle onde radio, ma si è scelto di adoperare la luce.

Il primo esperimento è avvenuto utilizzando su una distanza di circa un metro. Normalmente, quando si usa la luce per inviare i dati (come nei cavi a fibre ottiche), per trasmettere più dati si utilizzano luci di colori leggermente diversi.

Inoltre, dato che per ogni colore esistono due differenti polarizzazioni, ecco che già così è possibile raddoppiare il quantitativo di informazioni.

L'idea di Wilner è stata di attorcigliare su sé stesse le onde luminose, inviando più fasci attorcigliati in maniera leggermente diversa l'uno dall'altro, manipolando il loro momento angolare orbitale.

Sondaggio
Secondo te sarebbe bene che Metroweb e Telecom Italia costituissero una società per una Rete unica a banda larga in fibra ottica?
Sì, perché non ha senso avere più reti per le telecomunicazioni. - 30.1%
Sì, perché siamo in tempo di crisi economica e bisogna razionalizzare le risorse. - 9.5%
Sì, ma si sbrighino: perdono troppo tempo a parlarne. - 26.3%
No, perché è meglio che ci sia più concorrenza. - 20.7%
No, perché c'è già troppa Telecom. - 13.3%
  Voti totali: 1049
 
Leggi i commenti (7)

Nell'esperimento sono stati usati due gruppi di quattro fasci luminosi ciascuno, ognuno con un diverso momento angolare orbitale e polarizzato; poi i due gruppi sono stati messi a formare un unico segnale con quattro fasci al centro e quattro intorno, disposti a forma di "ciambella".

La ricezione è stata fatta "spacchettando" il segnale negli otto fasci: è in questo modo che sono stati superati i 2,5 Tbit/s.

Questa tecnica, descritta nel dettaglio su Nature Photonics, funziona sia utilizzando cavi a fibre ottiche che trasmettendo in modalità wireless; i ricercatori contano di poter far funzionare il sistema su distanze fino a 1 km: andare oltre potrebbe essere impossibile per via delle interferenze causate dall'atmosfera.

«Naturalmente» - aggiunge poi il professor Wilner - «ci sono anche opportunità per le comunicazioni a lunga distanza da satellite a satellite nello spazio, dove le interferenze non sono un problema».

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con Zeus News ti consigliamo di iscriverti alla Newsletter gratuita. Inoltre puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, inserire un commento (anche anonimo) sotto o segnalare un refuso.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Commenti all'articolo (0)


La liberta' di parola e' un diritto inviolabile, ma nei forum di Zeus News vige un regolamento che impone delle restrizioni e che l'utente e' tenuto a rispettare. I moderatori si riservano il diritto di cancellare o modificare i commenti inseriti dagli utenti, senza dover fornire giustificazione alcuna. Gli utenti non registrati al forum inoltre sono sottoposti a moderazione preventiva. La responsabilita' dei commenti ricade esclusivamente sui rispettivi autori. I principali consigli: rimani sempre in argomento; evita commenti offensivi, volgari, violenti o che inneggiano all'illegalita'; non inserire dati personali, link inutili o spam in generale.
E' VIETATA la riproduzione dei testi e delle immagini senza l'espressa autorizzazione scritta di Zeus News (P.Iva 06584100967). Tutti i marchi e i marchi registrati citati sono di proprietà delle rispettive società. Informativa sulla privacy. I tuoi suggerimenti sono di vitale importanza per Zeus News. Contatta la redazione e contribuisci anche tu a migliorare il sito: pubblicheremo sui forum le lettere piu' interessanti.
Sondaggio
Come vedi il futuro dell'umanità, in ambito scientifico?
Il futuro è nella condivisione delle conoscenze. L'arroganza delle multinazionali nei confronti della proprietà intellettuale è solo il canto del cigno: infatti grazie alle tecnologie il sapere non potrà più essere detenuto da pochi potenti.
Per tutelare ricerche che richiedono investimenti cospicui, la proprietà intellettuale è uno strumento equo e ragionevole. Lo strapotere attuale della grande industria va solo limitato nel tempo ed emendato dagli aspetti più truci.
Lo scenario più probabile è un doppio binario tra scienza proprietaria e open source. La prima coprirà i settori che richiedono investimenti a lungo termine, la seconda quelli in cui la cooperazione raggiunge i risultati migliori.
Il potere si concentra dove c'è il denaro. Volenti, o nolenti, i big dell'economia mondiale si accaparreranno tutte le fonti di conoscenza, e sapranno farle fruttare a dovere, per il bene dell'umanità.

Mostra i risultati (1129 voti)
Luglio 2017
L'antivirus gratuito di Kaspersky
Adobe annuncia la morte di Flash
In arrivo Play Protect, ''antivirus'' di Google per Android
Come violare Facebook con un vecchio numero di telefono
La Camera approva data retention a 6 anni, infilato in emendamento su sicurezza ascensori
Antibufala: il video delle ''scie chimiche'' giganti
Gli autovelox non possono rilevare i veicoli della corsia opposta
TIM chiude il data center di Bari
Addio, Windows Phone 8.1
Usare il font sbagliato può costare il posto. O mandare in carcere
Nascosto ma non troppo: la minaccia occulta della steganografia
Come riconoscere una foto falsa
Buran: gli Shuttle sovietici ripresi di nascosto
Autovelox, via tutte le segnalazioni e gli avvisi
Cosa devono fare gli utenti al più presto
Tutti gli Arretrati


web metrics