Zeus News è un notiziario dedicato a quanto avviene nel mondo di Internet, dell'informatica, delle nuove tecnologie e della telefonia fissa e mobile: non è un semplice amplificatore di comunicati stampa ma riserva ampio spazio ai commenti e alle riflessioni, proponendosi quale punto di osservazione libero e indipendente.

Sondaggio
I bambini sempre più spesso entrano in contatto con la tecnologia a una tenera età (per giocare, comunicare e cercare informazioni), anche grazie alla diffusione di smartphone e tablet. Quale dovrebbe essere la maggiore preoccupazione dei genitori?
Potrebbero visionare materiale inappropriato o visitare siti inopportuni.
Potrebbero comunicare con sconosciuti o persone non ritenute affidabili.
Potrebbero essere vittime di cyberbullismo, sui social network o altrove.
Potrebbero spendere denaro online senza che i genitori lo sappiano, anche a causa delle app che richiedono acquisti online durante i giochi.
Potrebbero diffondere dati personali (compresi foto e filmati) senza essere coscienti dei rischi.
Potrebbero incorrere in difficoltà a relazionarsi con amici dal vivo, nascondendosi dietro relazioni disintermediate dal mezzo informatico.

Mostra i risultati (509 voti)
Dicembre 2014
La chiavetta USB che ti hackera il PC in meno di un minuto
Chiude la CEC-PAC, un fallimento da 19 milioni di euro
Telefonini e promozioni natalizie: quale operatore offre di più
Da BMW l'auto che si cerca il parcheggio da sola
Honor T1, il tablet economico di Huawei
Windows 10 integra Cortana e l'app per la Xbox
Treviso, ragazzini condividono filmato hard con Whatsapp
Il reggiseno bionico che solleva e sistema il seno alla perfezione
Il macchinario che trasforma l'acqua in petrolio
Serve davvero proteggere smartphone e tablet Android con un antivirus?
Sony, migliaia di password in una cartella chiamata ''Password''
Mandare in crash WhatsApp con un singolo messaggio di testo
Lo shopping online? Adesso si fa col Bancomat
Novembre 2014
TIM e Vodafone, LTE fino a 225 Mbit/s
Google rende più semplice vedere tutti i dispositivi connessi al proprio account
Tutti gli Arretrati

Un vaccino definitivo per la dipendenza da nicotina

Il vaccino uccide il piacere di fumarsi una sigaretta. I fumatori non ricominciano più; chi non ha mai fumato non prende il vizio.



[ZEUS News - www.zeusnews.it - 16-07-2012]

vaccino nicotina

Un gruppo di ricercatori del Weill Cornell Medical College (a New York) ha ideato e sperimentato sui topi un vaccino che promette di vincere per sempre la dipendenza da nicotina.

Il principio al quale si sono ispirati è semplice: se si impedisce che la nicotina raggiunga il cervello, questa non potrà innescare alcuna reazione né dare il piacere che i fumatori ne ricavano, e quindi non genererà dipendenza.

Realizzare un sistema che funzionasse è stato invece più complicato. A oggi esistono già alcuni vaccini, definiti "passivi", che in effetti funzionano: contengono già degli anticorpi in grado di intercettare e distruggere la nicotina. Sfortunatamente, perché l'effetto duri, è necessario ripetere l'iniezione ogni poche settimane.

Un vaccino tradizionale o "attivo" - inoculare un agente esterno che il corpo riconosca come pericoloso e quindi faccia dare il via alla produzione di anticorpi - non può essere realizzato: la molecola della nicotina è troppo piccola per essere riconosciuta dal sistema immunitario.

Così i ricercatori hanno ideato una terza via, quella del "vaccino genetico", già utilizzata sui topi per trattare certe malattie agli occhi e certi tipi di tumore.

Hanno inserito la sequenza genetica di un anticorpo per la nicotina, creato in laboratorio, all'interno di un virus adeno-associato, istruendolo per raggiungere gli epatociti (cellule del fegato).

In questo modo la sequenza genetica dell'anticorpo ha raggiunto il nucleo degli epatociti, i quali hanno iniziato a produrre gli anticorpi; questi a loro volta hanno potuto così iniziare il loro lavoro di intercettazione della nicotina non appena questa entra nel flusso sanguigno.

Sondaggio
Recenti scoperte genetiche affermano che l'invecchiamento è controllabile e quindi potremo vivere tutti più a lungo. Cosa ne pensi?
E' una grande scoperta, sono contento di vivere più a lungo.
L'importante è poter vivere bene e in salute.
Trovo che la genetica si stia spingendo oltre i limiti umani.
Significa che dovremo tutti lavorare più a lungo e andare in pensione più tardi.
Questo contribuirà al sovraffollamento del pianeta.

Mostra i risultati (4400 voti)
Leggi i commenti (12)

I test sui topi hanno dati risultati positivi: la produzione di anticorpi è sempre rimasta costante, e pochissima della nicotina somministrata ha raggiunto il cervello, senza peraltro riuscire a scatenare alcuna reazione (il gruppo di controllo ha invece mostrato subito i sintomi dell'assunzione, quali un calo della pressione sanguigna e un abbassamento del ritmo cardiaco).

Secondo il dottor Ronald G. Crystal tutto ciò mostra come il vaccino funzioni e non perda efficacia con il passare del tempo: i fumatori che dovessero sottoporvisi, qualora la sperimentazione sull'uomo dia esito positivo, «sapranno che se ricominceranno a fumare non ne trarranno alcun piacere a causa del vaccino, e ciò potrà aiutarli ad abbandonare questa abitudine».

Inoltre, sempre secondo il dottor Crystal, il vaccino potrebbe essere somministrato anche a chi non ha mai iniziato a fumare: qualora anche dovesse iniziare, non ne proverebbe piacere e non continuerebbe.

Specificando che per ora si tratta solo di un'ipotesi, il dottor Crystal prospetta che un giorno i genitori possano decidere di vaccinare i bambini contro la dipendenza da nicotina: «Naturalmente dovremo valutare rischi e benefici, e ci serviranno anni di studi prima di stabilire una soglia».

Per il momento, la sperimentazione va avanti: dopo i topi ora tocca ai ratti; quindi sarà la volta dei primati, e infine si potrà iniziare il test sull'uomo.

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con Zeus News ti consigliamo di iscriverti alla Newsletter gratuita.

Inoltre puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, inserire un commento (anche anonimo) sotto o segnalare un refuso.

Approfondimenti
Il corpo umano come batteria? Yes we can

Commenti all'articolo (ultimi 5 di 11)


OXO
Io non starei a formalizzarmi sui termini: chiamiamolo vaccino, cura, placebo, o come meglio credete, resta il fatto che sarebbe l'ora che si trovasse una soluzione semplice, relativamente economica e soprattutto definitiva alla dipendenza. Certo, l'uso indiscriminato e preventivo lo aborro, ma questo sta anche alla coscenza dei... Leggi tutto
20-7-2012 16:24


mda
Intanto la nicotina è una droga (usata anche in medicina) e quindi non esiste antidoto (è solo per il veleno, la droga non è veleno in quando agisce sui recettori) o vaccino (sono per i virus) o antibatterico (per i batteri) proprio per sua natura di Droga. Secondo non è spiegato minimamente il come faccia salvo tirare in ballo una cosa... Leggi tutto
19-7-2012 16:43


Stx
A me pare un ottimo farmaco per chi vuol smettere di fumare. Senz'altro meglio dei chewingum alla nicotina e alla sigaretta elettronica. Qualla della vaccinazione dei bambini e' una evidente esagerazione. Leggi tutto
19-7-2012 15:05

Roberto1960
:clap: Stavolta l'applauso te lo sei proprio meritato! Hai detto bene: si tratta di una mostruosità, senza nemmeno dire che molto probabilmente non funzionerebbe affatto. E' proprio il concetto stesso che c'è dietro, una insensata "ipermedicalizzazione", che è da contrastare. Vaccinare i bambini dal rischio che diventino... Leggi tutto
18-7-2012 14:39


Zievatron
No, certo. Non è colpa SOLO di quel qualcuno che se ne approfitta. Io, però, non voglio finire ancora più di tanto nel romanzo di D.K. "Il lastrico dell'inferno", o altri pressapoco simili. Semmai, vorrei che il mondo ne uscisse fuori del tutto, o quasi del tutto.
18-7-2012 11:42


La liberta' di parola e' un diritto inviolabile, ma nei forum di Zeus News vige un regolamento che impone delle restrizioni e che l'utente e' tenuto a rispettare. I moderatori si riservano il diritto di cancellare o modificare i commenti inseriti dagli utenti, senza dover fornire giustificazione alcuna. Gli utenti non registrati al forum inoltre sono sottoposti a moderazione preventiva. La responsabilita' dei commenti ricade esclusivamente sui rispettivi autori. I principali consigli: rimani sempre in argomento; evita commenti offensivi, volgari, violenti o che inneggiano all'illegalita'; non inserire dati personali, link inutili o spam in generale.


web metrics