Minitel, l'addio dopo 30 anni

Chiude lo storico servizio precursore di Internet e del web.



[ZEUS News - www.zeusnews.it - 02-07-2012]

minitel chiude dopo 30 anni

Con la conclusione del mese di giugno, la Francia ha deciso di iniziare il pensionamento del servizio Minitel, che ha debuttato esattamente 30 anni fa.

Era il 1982 quando nelle case dei francesi cominciavano a entrare dei terminali costituiti da un monitor CRT, una tastiera integrata e la possibilità di connettersi alla linea telefonica per consultare, in modalità esclusivamente testuale, tutto un mondo di servizi online prima ancora che Internet si diffondesse.

Il Minitel era nato per volonta della PTT (l'azienda telefonica statale francese, oggi France Télécom) quale sostituto degli elenchi telefonici cartacei: gli utenti avrebbero utilizzato il terminale per cercare i numeri telefonici, risparmiando all'azienda il costo di stampa e distribuzione.

Per favorire la diffusione del Minitel, i terminali veniva consegnati gratuitamente.

Quando poi la gente iniziò a utilizzarli, PTT ne intuì le potenzialità che andavano ben al di là della consultazione degli elenchi e iniziò a fornire tutta una serie di servizi a pagamento.

minitel terminale
Un terminale Minitel (Fai clic sull'immagine per visualizzarla ingrandita)

Al momento del suo massimo splendore, il Minitel poteva vantare nove milioni di abbonati; tuttavia, non riuscì mai a diffondersi al di fuori della Francia nonostante qualche tentativo (da noi per esempio la SIP istituì il Videotel), e infine iniziò a soffrire dalle concorrenza tecnologica di Internet prima (con le BBS innanzitutto) e del web poi.

Tra gli svantaggi del Minitel rispetto al web e che ne hanno determinato il tramonto, si citano spesso sia la modalità esclusivamente testuale che l'impossibilità di inserire contenuti (occorreva ricevere un'apposita autorizzazione da France Télécom), cosa invece normale via PC.

Il Minitel chiude con ancora 800.000 abbonati attivi (e nel 2009 le connessioni mensili era ancora 10 milioni), per lo più anziani che non si sono mai abituati al computer.

Sondaggio
Secondo te sarebbe bene che Metroweb e Telecom Italia costituissero una società per una Rete unica a banda larga in fibra ottica?
Sì, perché non ha senso avere più reti per le telecomunicazioni. - 30.1%
Sì, perché siamo in tempo di crisi economica e bisogna razionalizzare le risorse. - 9.5%
Sì, ma si sbrighino: perdono troppo tempo a parlarne. - 26.3%
No, perché è meglio che ci sia più concorrenza. - 20.7%
No, perché c'è già troppa Telecom. - 13.3%
  Voti totali: 1049
 
Leggi i commenti (7)

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con Zeus News ti consigliamo di iscriverti alla Newsletter gratuita. Inoltre puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, inserire un commento (anche anonimo) sotto o segnalare un refuso.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Commenti all'articolo (3)

Verissimo! Usai sia il Videotel che il Minitel e devo dire che il Minitel era anche più "pronto" di quello italiano. :squeeze: I terminalini italiani poi vennero usati come sistema di messaggistica in molti locali italiani ma abbandonato perchè troppo costoso. Ciao Leggi tutto
5-7-2012 11:51

Io mi ricordo il nome, ma non l'ho mai usato. Peccato, perché ora mi potrei sentire un pioniere dei bei tempi che furono. :lol: Comunque dovrebbe far riflettere il dato che Minitel avesse ancora 800.000 abbonati attivi. Questo forse vuol dire che non tutte le tecnologie più vecchie siano da buttare... magari sono più comode, meno... Leggi tutto
3-7-2012 16:37

Il Videotel!! Amarcord!! :squeeze: Rispetto a quella francese, vera e propria antesignana di internet, la versione italiana era piu' costosa, piu' blindata, piu' difficile da richiedere e da installare ma.. che ricordi!! :old: .. molto lontani perche', per quanto scritto sopra, in Italia e' durato pochissimo..
2-7-2012 11:33

La liberta' di parola e' un diritto inviolabile, ma nei forum di Zeus News vige un regolamento che impone delle restrizioni e che l'utente e' tenuto a rispettare. I moderatori si riservano il diritto di cancellare o modificare i commenti inseriti dagli utenti, senza dover fornire giustificazione alcuna. Gli utenti non registrati al forum inoltre sono sottoposti a moderazione preventiva. La responsabilita' dei commenti ricade esclusivamente sui rispettivi autori. I principali consigli: rimani sempre in argomento; evita commenti offensivi, volgari, violenti o che inneggiano all'illegalita'; non inserire dati personali, link inutili o spam in generale.
E' VIETATA la riproduzione dei testi e delle immagini senza l'espressa autorizzazione scritta di Zeus News (P.Iva 06584100967). Tutti i marchi e i marchi registrati citati sono di proprietà delle rispettive società. Informativa sulla privacy. I tuoi suggerimenti sono di vitale importanza per Zeus News. Contatta la redazione e contribuisci anche tu a migliorare il sito: pubblicheremo sui forum le lettere piu' interessanti.
Sondaggio
Fidanzati sospettosi o inguaribili diffidenti, qual è la vostra arma preferita tra quelle che Facebook mette a disposizione di voi gelosoni per controllare il vostro partner?
I cuoricini in bacheca: un segno per far sentire sempre e dovunque la propria presenza, nonché un espediente per marcare il territorio del partner.
L'applicazione "Chi ti segue di più?": bisogna convincere il partner a usare questa applicazione (apparentemente innocua) per scovare eventuali vittime da annotare sulla propria black list.
Facebook Places: permette di taggare compulsivamente il partner e rendere noto al mondo intero il fatto che lei e il suo lui si trovano sempre insieme.
L'auto tag nelle foto: indispensabile strumento per essere certi di ricevere notifiche qualora un'altra persona osasse commentare o piazzare "Mi piace" alle foto del/della partner.
I commenti minatori: il simpatico approccio ossessivo-compulsivo verso chi tagga il partner o ne invade la bacheca. Di solito consiste in un discreto: "Che bello il MIO amore!"
Il profilo Facebook in comune: un unico profilo scoraggia anche il più audace dei rivali dal tentare un approccio.
La password nota al partner: Della serie: "Amore, se non mi nascondi niente allora posso avere la tua password?". Nessun messaggio di posta, commento o notifica è al sicuro.
Il tasto "Rimuovi dagli amici": una volta in possesso della password del partner, qualsiasi rivale dalla foto profilo provocante o la cui identità è sconosciuta verrà subito rimosso dagli amici.
La trappola: spacciandosi per il partner (password nota), si inizia a contattare i presunti rivali e testare le loro intenzioni con domande e allusioni per far cadere in trappola anche i più astuti.
Il Mi piace minatorio: post, foto, tag, nuove amicizie sono regolarmente marchiati da un Mi piace del partner. Dietro una parvenza di apprezzamento, dimostrano quanto in realtà NON piaccia l'elemento.

Mostra i risultati (351 voti)
Maggio 2017
Molti laptop HP contengono un keylogger che registra ogni digitazione
Più di 2.000 dollari per un Bitcoin
Blue Whale, mito di morte pericolosamente gonfiato
Wannacry una settimana dopo: il punto della situazione
1250 modelli di telecamere di sicurezza vulnerabili da remoto
Come rubare le credenziali di Windows usando Chrome
Ma è credibile tutto questo?
Cosa posso fare per difendermi?
Il keylogger nascosto nei portatili di HP
Mozilla scarica Thunderbird
Prende l'iPhone per rispondere e gli esplode in mano
Google svela l'interfaccia di Fuchsia, il successore di Android
Tablet, sempre meno vendite: faranno la fine dei netbook?
Il viaggio nel tempo è matematicamente possibile
Arriva Windows 10 S, il sistema operativo per studenti
Tutti gli Arretrati


web metrics