Zeus News è un notiziario dedicato a quanto avviene nel mondo di Internet, dell'informatica, delle nuove tecnologie e della telefonia fissa e mobile: non è un semplice amplificatore di comunicati stampa ma riserva ampio spazio ai commenti e alle riflessioni, proponendosi quale punto di osservazione libero e indipendente.

Sondaggio
Con quale di queste affermazioni concordi maggiormente?
Il Governo sta facendo troppo poco per portare la banda larga anche nelle zone più remote.
Il Governo riuscirà a migliorare la diffusione della banda larga.
Il Governo vorrebbe fare di più per la diffusione della banda larga, ma mancano le risorse.
Il Governo non sta facendo abbastanza per reperire risorse per la banda larga.
Al Governo non frega nulla della banda larga a meno che qualche lobby o qualche gruppo finanziario o industriale gliela chieda; a quel punto troverà il modo di mettere una nuova tassa ai pensionati o ai lavoratori dipendenti per reperire i fondi.

Mostra i risultati (2353 voti)
Novembre 2014
Licenziato per un Like su Facebook
E-book, il governo vuole l'IVA al 4%
Il tablet low cost di Nokia
Pwn2own, cadono tutti gli smartphone tranne Windows Phone
Il sottomarino supersonico che va a 5.800 km/h
Il sito dei guardoni: 73mila telecamere private hackerate
In fuga da WhatsApp, ma verso dove?
Ma quanto sono spione le ''smart TV''?
900 giochi arcade nel browser disponibili gratuitamente
Garante Privacy autorizza controllo dipendenti via Gps
Curriculum vitae, indicare solo l'essenziale
Ottobre 2014
Il gettone telefonico, questo sconosciuto
Honor 6, lo smartphone 4G più veloce del mondo
Trovare le chiavi sotto lo zerbino con Google
La batteria che dura vent'anni e si ricarica in due minuti
Tutti gli Arretrati

Minitel, l'addio dopo 30 anni

Chiude lo storico servizio precursore di Internet e del web.



[ZEUS News - www.zeusnews.it - 02-07-2012]

minitel chiude dopo 30 anni

Con la conclusione del mese di giugno, la Francia ha deciso di iniziare il pensionamento del servizio Minitel, che ha debuttato esattamente 30 anni fa.

Era il 1982 quando nelle case dei francesi cominciavano a entrare dei terminali costituiti da un monitor CRT, una tastiera integrata e la possibilità di connettersi alla linea telefonica per consultare, in modalità esclusivamente testuale, tutto un mondo di servizi online prima ancora che Internet si diffondesse.

Il Minitel era nato per volonta della PTT (l'azienda telefonica statale francese, oggi France Télécom) quale sostituto degli elenchi telefonici cartacei: gli utenti avrebbero utilizzato il terminale per cercare i numeri telefonici, risparmiando all'azienda il costo di stampa e distribuzione.

Per favorire la diffusione del Minitel, i terminali veniva consegnati gratuitamente.

Quando poi la gente iniziò a utilizzarli, PTT ne intuì le potenzialità che andavano ben al di là della consultazione degli elenchi e iniziò a fornire tutta una serie di servizi a pagamento.

minitel terminale
Un terminale Minitel (Fai clic sull'immagine per visualizzarla ingrandita)

Al momento del suo massimo splendore, il Minitel poteva vantare nove milioni di abbonati; tuttavia, non riuscì mai a diffondersi al di fuori della Francia nonostante qualche tentativo (da noi per esempio la SIP istituì il Videotel), e infine iniziò a soffrire dalle concorrenza tecnologica di Internet prima (con le BBS innanzitutto) e del web poi.

Tra gli svantaggi del Minitel rispetto al web e che ne hanno determinato il tramonto, si citano spesso sia la modalità esclusivamente testuale che l'impossibilità di inserire contenuti (occorreva ricevere un'apposita autorizzazione da France Télécom), cosa invece normale via PC.

Il Minitel chiude con ancora 800.000 abbonati attivi (e nel 2009 le connessioni mensili era ancora 10 milioni), per lo più anziani che non si sono mai abituati al computer.

Sondaggio
Secondo te sarebbe bene che Metroweb e Telecom Italia costituissero una società per una Rete unica a banda larga in fibra ottica?
Sì, perché non ha senso avere più reti per le telecomunicazioni. - 30.1%
Sì, perché siamo in tempo di crisi economica e bisogna razionalizzare le risorse. - 9.5%
Sì, ma si sbrighino: perdono troppo tempo a parlarne. - 26.3%
No, perché è meglio che ci sia più concorrenza. - 20.7%
No, perché c'è già troppa Telecom. - 13.3%
  Voti totali: 1049
 
Leggi i commenti (7)

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con Zeus News ti consigliamo di iscriverti alla Newsletter gratuita.

Inoltre puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, inserire un commento (anche anonimo) sotto o segnalare un refuso.

Commenti all'articolo (3)


mda
Verissimo! Usai sia il Videotel che il Minitel e devo dire che il Minitel era anche più "pronto" di quello italiano. :squeeze: I terminalini italiani poi vennero usati come sistema di messaggistica in molti locali italiani ma abbandonato perchè troppo costoso. Ciao Leggi tutto
5-7-2012 11:51


cisco
Io mi ricordo il nome, ma non l'ho mai usato. Peccato, perché ora mi potrei sentire un pioniere dei bei tempi che furono. :lol: Comunque dovrebbe far riflettere il dato che Minitel avesse ancora 800.000 abbonati attivi. Questo forse vuol dire che non tutte le tecnologie più vecchie siano da buttare... magari sono più comode, meno... Leggi tutto
3-7-2012 16:37


Stx
Il Videotel!! Amarcord!! :squeeze: Rispetto a quella francese, vera e propria antesignana di internet, la versione italiana era piu' costosa, piu' blindata, piu' difficile da richiedere e da installare ma.. che ricordi!! :old: .. molto lontani perche', per quanto scritto sopra, in Italia e' durato pochissimo..
2-7-2012 11:33

Inserisci un commento - anche se NON sei registrato

La liberta' di parola e' un diritto inviolabile, ma nei forum di Zeus News vige un regolamento che impone delle restrizioni e che l'utente e' tenuto a rispettare. I moderatori si riservano il diritto di cancellare o modificare i commenti inseriti dagli utenti, senza dover fornire giustificazione alcuna. Gli utenti non registrati al forum inoltre sono sottoposti a moderazione preventiva. La responsabilita' dei commenti ricade esclusivamente sui rispettivi autori. I principali consigli: rimani sempre in argomento; evita commenti offensivi, volgari, violenti o che inneggiano all'illegalita'; non inserire dati personali, link inutili o spam in generale.


web metrics