Sondaggio
Secondo una ricerca dell'Australian Relationship Queensland, tra tecnologia e solitudine esisterebbe un collegamento. Secondo te:
È la solitudine che spinge le persone a usare "più tecnologia".
È l'utilizzo massiccio di tecnologia che porta le persone a isolarsi e, conseguentemente, a provare solitudine.
Le due cose non sono affatto correlate.

Mostra i risultati (648 voti)
Febbraio 2015
100 trucchi per Windows 7 e Windows 8
WhatsApp, arrivano le chiamate vocali
Lenovo ha preinstallato malware sui suoi PC
Velocizzare Windows all'avvio, selezionare più file senza la tastiera
Samsung Galaxy S6, ecco come pagarlo meno
La casa di Fazio dovrà rimanere segreta
Abilitare il God Mode, cancellare dati in modo sicuro e login automatico
Vulnerabilità nelle BMW, le auto in balia dei malintenzionati
Facebook adesso ti pedina ovunque su Internet
Galaxy S6, le immagini in anteprima
Arriva LibreOffice 4.4, più bello e più snello
Gennaio 2015
Google: Gli utenti dei vecchi Android si arrangino
Se la prof invia un selfie sexy agli studenti
Windows 10 è gratis per gli utenti di Windows 7 e 8
Antibufala: SismAlarm
Tutti gli Arretrati

Antibiotici sempre più inefficaci: colpa dei brevetti

Concedere l'esclusiva alla case farmaceutiche favorisce l'uso indiscriminato degli antibiotici ed è un pericolo per la salute.



[ZEUS News - www.zeusnews.it - 03-07-2012]

antibiotici resistenza brevetti

Che l'uso generalizzato e indiscriminato degli antibiotici non sia esattamente un bene non dovrebbe essere un mistero per nessuno.

Utilizzare senza criterio "armi" preziose come quelle - per esempio c'è chi le adopera nella speranza di curare il raffreddore, o chi per ragioni imperscrutabili decide di non terminare il ciclo prescritto - significa favorire la sopravvivenza di batteri resistenti agli antibiotici, che col tempo possono finire per prendere il posto di quelli vulnerabili.

Un altro modo di favorire indirettamente la proliferazione di batteri resistenti è l'utilizzo degli antibiotici in agricoltura come promotori della crescita: proprio per le pericolose conseguenze che possono derivare da questa pratica, sin dal 2006 l'Europa ha vietato l'utilizzo degli antibiotici sugli animali d'allevamento, se l'impiego avviene per favorire la crescita.

Negli Stati Uniti, però, la situazione è diversa: la proposta di limitare l'uso degli antibiotici non è andata lontano, mentre è invece in discussione il Generating Antibiotic Incentives Now Act (GAIN Act).

I promotori di questa legge affermano che, poiché sono rimaste poche le aziende farmaceutiche a investire nella costosa ricerca per lo sviluppo di nuovi antibiotici, è necessario tutelare gli investimenti fatti concedendo alle aziende un ulteriore periodo di cinque anni (oltre ai tre-sette di cui già godono) in cui esse possano avere l'esclusiva sulla commercializzazione del prodotto da loro inventato: in fondo, è il principio alla base del sistema dei brevetti, ed è esattamente questo che prevede il GAIN Act.

Secondo Glyn Moody, giornalista di Techdirt, se si osserva meglio la questione però si nota come la vera motivazione ruoti in realtà tutto ciò porti le aziende a cercare soltanto di trarre il massimo profitto nel tempo concesso. Il che è seccante in ogni campo, ma diventa un problema serio quando si parla di antibiotici.

Sondaggio
Confessa. Hai mai acquistato un farmaco online?
Assolutamente no, è un reato.
Fossi matto! E' un rischio per la salute.
Non si dovrebbe... ma lo ammetto, qualche volta è successo.
Lo faccio abitualmente anche se è contro la legge o pericoloso.

Mostra i risultati (2888 voti)
Leggi i commenti (18)

Il ragionamento di Moody è questo: se sono un'azienda farmaceutica e ho a disposizione un tempo limitato - quello durante il quale posseggo l'esclusiva - per trarre il massimo dalla mia invenzione, allora devo sfruttarlo al meglio.

Nel caso degli antibiotici, ciò significa favorirne l'uso più ampio possibile, in modo che il ritorno economico sia il più grande possibile; ma utilizzare senza limiti gli antibiotici, come abbiamo ricordato all'inizio, è semplicemente pericoloso.

Avere a disposizione un tempo limitato per lo sfruttamento - com'è nella natura dei brevetti - diventa a questo punto un rischio per la salute, rischio che non saranno le aziende a pagare: dopotutto - sostiene ancora Moody - se i batteri diventeranno resistenti agli antibiotici la gente dovrà spendere di più per curarsi.

L'unico mezzo per sfuggire a questa trappola sarebbe quindi, a detta del giornalista, trovare un modo diverso di finanziare la ricerca: non affidandosi a un sistema fallato alla base quale quello dei brevetti, ma per esempio creando dei premi per la ricerca finanziati dal governo.

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con Zeus News ti consigliamo di iscriverti alla Newsletter gratuita. Inoltre puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, inserire un commento (anche anonimo) sotto o segnalare un refuso.

Approfondimenti
Il super-antibiotico che uccide anche i batteri resistenti
Superbatteri sempre più resistenti agli antibiotici

Commenti all'articolo (ultimi 5 di 13)


Zievatron
Abbasso la pubblicitààà!!!! :twisted: Sono d'accordo. Odio la pubblicità io, la odio, ecco. :smurf:
5-7-2012 15:41


mda
Stampare dei soldi in più significa che quei soldi e quelli in tasca valgono di meno! I soldi sono il corrispettivo di un lavoro o merce dunque più soldi sono in circolo più è diluito il controvalore del lavoro/merce che circola. Questo è scritto in maiuscolo su tutti i libri di economia e commercio (inoltre è matematica) e dissentono... Leggi tutto
5-7-2012 13:03


Zievatron
@Roberto 1960 Perchè? A far stampare moneta nuova, invece, con questi banditi ti fideresti? :shock: Io direi che la produzione di disastri sarebbe automatica. Leggi tutto
4-7-2012 18:36

Roberto1960
Non mi sono spiegato bene. Intendevo dire che i neoliberisti profetizzano sventure in caso di emissione di nuova carta-moneta. La loro teoria associa in automatico nuova moneta con aumento di inflazione, cosa su cui la teoria keynesiana dissente totalmente. Profetizzano anche la crescita continua, vero, e anche questa è un'altra... Leggi tutto
4-7-2012 16:00


Zievatron
@Roberto 1960 Da quando in quà sono i "sè-dicenti" profeti del liberismo/neo-liberismo a fare le profezie di sventura economica? A me sembra che sono loro che profetizzano ancora la crescita infinita a dispetto di chi li vorrebbe dichiarare fuori di testa. Poi, mi sembra ovvio che a loro interessa solo la loro crescita... Leggi tutto
4-7-2012 14:49


La liberta' di parola e' un diritto inviolabile, ma nei forum di Zeus News vige un regolamento che impone delle restrizioni e che l'utente e' tenuto a rispettare. I moderatori si riservano il diritto di cancellare o modificare i commenti inseriti dagli utenti, senza dover fornire giustificazione alcuna. Gli utenti non registrati al forum inoltre sono sottoposti a moderazione preventiva. La responsabilita' dei commenti ricade esclusivamente sui rispettivi autori. I principali consigli: rimani sempre in argomento; evita commenti offensivi, volgari, violenti o che inneggiano all'illegalita'; non inserire dati personali, link inutili o spam in generale.


web metrics