Sondaggio
Sei favorevole all'utilizzo dei tablet al posto dei libri di scuola?
Sì. L'iPad con i libri multimediali è una figata.
No. È una spesa in più a carico delle famiglie.
Sì. Salviamo gli alberi e inquiniamo con l'e-garbage.
No. I tablet hanno un'obsolescenza tecnologica che galoppa: dopo cinque anni, usati tutti i giorni, sarebbero completamente da buttare.
Sì. Cambia la forma ma non la sostanza e la qualità dell'insegnamento.
No. Gli studenti non imparerebbero più a prendere appunti su carta, a scrivere e a fare i conti a mente.
Sì, ma dalle scuole medie in avanti: alle elementari un bambino dovrebbe imparare a leggere su libri veri. Dovrebbe imparare a consultare l'indice in fondo al libro e a cercare dei documenti in una biblioteca vera e organizzarli, non a fare copia e incolla da internet.
No. Gli stessi docenti, in molti casi, non avrebbero la più pallida idea di come utilizzarli. Per non parlare del Ministero che dovrebbe decidere quali programmi si devono o non si devono usare.

Mostra i risultati (1167 voti)
Gennaio 2015
Se la prof invia un selfie sexy agli studenti
Windows 10 è gratis per gli utenti di Windows 7 e 8
Antibufala: SismAlarm
Quei cellulari cinesi preinfettati in fabbrica
Bandire WhatsApp
Oltre 2.000 giochi per DOS disponibili gratis nel browser
Nasa, scoperti otto nuovi fratelli della Terra
Ventiduenne svela il trucco per trovare voli sottocosto
iPad da 12 pollici, spuntano le prime foto
Addio Internet Explorer, arriva Spartan
Dicembre 2014
Per rubare le impronte digitali basta una foto
Nuovo blackout Wind (risolto), utenti senza Internet e telefono
Agcom: ''Contratti di telefonia siano sempre in forma scritta''
Uomo entra in Facebook. Sul computer della casa che sta svaligiando
Amazon regala 175 euro di app per Natale
Tutti gli Arretrati

Come diventare esperti di sicurezza informatica

Il famoso crittografo Bruce Schneier dà alcuni consigli preziosi per trasformarsi in esperti di sicurezza.



[ZEUS News - www.zeusnews.it - 24-07-2012]

Bruce Schneier sicurezza
Bruce Schneier

La sicurezza informatica è più di un hobby: per gli utenti comuni è una necessità, per alcuni una passione, per altri una sfida.

Diventare veri esperti in questo campo, inoltre, può essere un buon punto di partenza per trovare un posto di lavoro; il problema è: come si fa a diventare degli esperti?

Brian Krebs l'ha chiesto a Bruce Schneier, crittografo di fama mondiale e certamente una delle persone più adatte a spiegare da che parte iniziare se ci si vuole occupare di sicurezza.

I punti chiave sono tre: studio, pratica e dimostrazione.

Lo studio, va da sé, serve ad acquisire le conoscenze necessarie. In questa categoria Schneier fa rientrare non solo i corsi veri e propri, ma anche la partecipazione a conferenze come SANS o Offensive Security e la lettura della grande mole di materiale - sotto forma di libri o interventi sui blog tematici - che la Rete può offrire.

Sondaggio
Secondo te come stanno cambiando gli attacchi informatici?
Ci sono sempre più attacchi automatizzati verso i server anziché verso gli individui.
Gli attacchi sono più globali, dall'Europa all'America all'Asia all'Australia.
L'impatto maggiore è sui conti aziendali e sui patrimoni medio alti.
Gli attacchi colpiscono istituzioni finanziarie di tutte le dimensioni.
Gli hacker sono sempre più veloci.
I tentativi di transazioni sono più estesi e più elevati.
Gli attacchi sono più difficili da rilevare.
E' aumentata la sopravvivenza dei server.

Mostra i risultati (1155 voti)
Leggi i commenti

La pratica è un secondo punto indispensabile: la sicurezza informatica si impara mettendo alla prova sul campo le nozioni apprese. «Ciò significa» - spiega Schneier - «usare ciò che si è imparato per configurare sistemi di sicurezza, progettare nuovi sistemi e - certo - violare sistemi esistenti».

Infine, la dimostrazione: una volta diventati degli esperti, se si vuole che questa passione diventi un lavoro, è necessario dimostrare di saperci fare. Non soltanto in un colloquio di lavoro, ma anche tramite canali meno "ufficiali" come un proprio blog, o la pubblicazione di podcast tematici, o la scrittura di documenti per le conferenze, e via di seguito.

Tutte queste, come ammette Schneier stesso, sono tuttavia indicazioni generalmente valide per affrontare qualunque area di studio. Ciò che di specifico la sicurezza informatica richiede è una speciale forma mentis, ossia la capacità di pensare non tanto a come funziona un sistema, quanto a come si possa violare quel sistema.

Si tratta di possedere un'intuizione adatta a scovare i punti deboli di quanto ci si trova di fronte, così da poter notare al volo i potenziali problemi di sicurezza. «È un modo di pensare che non è naturale per la maggior parte della gente. Ma se non si vede il mondo in questo modo, non si noterà mai la maggior parte dei problemi di sicurezza».

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con Zeus News ti consigliamo di iscriverti alla Newsletter gratuita. Inoltre puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, inserire un commento (anche anonimo) sotto o segnalare un refuso.

Approfondimenti
Crittografia quantica, un passo avanti significativo

Commenti all'articolo (2)

maxstirner
Io credo che un ottimo poliziotto debba avere le stesse doti che possiede un ottimo ladro e solo il destino personale e circostanze misteriose indirizzano il soggetto da una parte o dall'altra: due faccie della stessa medaglia. Trovo conferme a questa tesi anche nella letteratura. Quando ero bambino immaginavo quanto sarebbe stato... Leggi tutto
25-7-2012 21:37

{george}
Commento fuori tema o non conforme al regolamento del forum.
24-7-2012 16:43


La liberta' di parola e' un diritto inviolabile, ma nei forum di Zeus News vige un regolamento che impone delle restrizioni e che l'utente e' tenuto a rispettare. I moderatori si riservano il diritto di cancellare o modificare i commenti inseriti dagli utenti, senza dover fornire giustificazione alcuna. Gli utenti non registrati al forum inoltre sono sottoposti a moderazione preventiva. La responsabilita' dei commenti ricade esclusivamente sui rispettivi autori. I principali consigli: rimani sempre in argomento; evita commenti offensivi, volgari, violenti o che inneggiano all'illegalita'; non inserire dati personali, link inutili o spam in generale.


web metrics