Il giudice Garzón difenderà Julian Assange

L'ex procuratore spagnolo assumerà la difesa del fondatore di Wikileaks accusato di stupro.



[ZEUS News - www.zeusnews.it - 25-07-2012]

garzon difende assange
Baltasar Garzón

Baltasar Garzón è il forse giudice spagnolo più famoso nel mondo, noto anche in Italia per aver messo sotto accusa Silvio Berlusconi per un caso di corruzione legato all'emittente Telecinco, di proprietà di Mediaset.

Garzón è anche il giudice che è riuscito a incriminare e far arrestare il dittatore cileno Augusto Pinochet per crimini contro l'umanità. Qualche mese fa, però, la sua brillante carriera in magistratura è terminata.

Radiato dall'ordine giudiziario spagnolo per aver sottoposto a intercettazioni giudicate illegittime dei parlamentari, a Garzón è toccata la sorte che in Italia Berlusconi avrebbe voluto volentieri vedere capitare alla PM milanese Ilda Boccassini, come ha spesso dichiarato pubblicamente l'ex premier.

L'ex giudice è infatti ora un semplice avvocato, ma non per questo è rimasto inattivo: si è già incontrato, presso l'ambasciata dell'Ecuador a Londra, con Julian Assange, fondatore di Wikileaks.

È presso quell'ambasciata, infatti, che Assange ha trovato asilo, ed è lì che Garzón ha accettato l'incarico di suo difensore nel processo per stupro intentatogli in Svezia.

Sondaggio
Wikileaks (con il suo fondatore Julian Assange)...
è un sito pirata, pericolo per l'occidente.
è un paladino della libera informazione e della trasparenza.

Mostra i risultati (2791 voti)
Leggi i commenti (7)

Secondo molti, peraltro, il caso ha un'origine più che altro politica e di vendetta nei confronti dell'hacker che ha rivelato gli altarini di troppi potenti nel mondo.

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con Zeus News ti consigliamo di iscriverti alla Newsletter gratuita. Inoltre puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, inserire un commento (anche anonimo) sotto o segnalare un refuso.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Pier Luigi Tolardo

Commenti all'articolo (2)

{wikileaks}
link
5-8-2012 19:59

Eh già, povero cocco; gli andò male col Berlusca, che neanche andò in processo per la pretesa corruzione, e ora gli è andata ancor peggio perché finalmente i colleghi se lo son tolto dai c******i, prima che si mettesse a intercettare pure loro. E da un "esperto" così, che ti aspettavi? Dio li fa e poi li accoppia; in linguaggio... Leggi tutto
26-7-2012 11:47

La liberta' di parola e' un diritto inviolabile, ma nei forum di Zeus News vige un regolamento che impone delle restrizioni e che l'utente e' tenuto a rispettare. I moderatori si riservano il diritto di cancellare o modificare i commenti inseriti dagli utenti, senza dover fornire giustificazione alcuna. Gli utenti non registrati al forum inoltre sono sottoposti a moderazione preventiva. La responsabilita' dei commenti ricade esclusivamente sui rispettivi autori. I principali consigli: rimani sempre in argomento; evita commenti offensivi, volgari, violenti o che inneggiano all'illegalita'; non inserire dati personali, link inutili o spam in generale.
E' VIETATA la riproduzione dei testi e delle immagini senza l'espressa autorizzazione scritta di Zeus News (P.Iva 06584100967). Tutti i marchi e i marchi registrati citati sono di proprietà delle rispettive società. Informativa sulla privacy. I tuoi suggerimenti sono di vitale importanza per Zeus News. Contatta la redazione e contribuisci anche tu a migliorare il sito: pubblicheremo sui forum le lettere piu' interessanti.
Sondaggio
Sei favorevole all'utilizzo dei tablet al posto dei libri di scuola?
Sì. L'iPad con i libri multimediali è una figata.
No. È una spesa in più a carico delle famiglie.
Sì. Salviamo gli alberi e inquiniamo con l'e-garbage.
No. I tablet hanno un'obsolescenza tecnologica che galoppa: dopo cinque anni, usati tutti i giorni, sarebbero completamente da buttare.
Sì. Cambia la forma ma non la sostanza e la qualità dell'insegnamento.
No. Gli studenti non imparerebbero più a prendere appunti su carta, a scrivere e a fare i conti a mente.
Sì, ma dalle scuole medie in avanti: alle elementari un bambino dovrebbe imparare a leggere su libri veri. Dovrebbe imparare a consultare l'indice in fondo al libro e a cercare dei documenti in una biblioteca vera e organizzarli, non a fare copia e incolla da internet.
No. Gli stessi docenti, in molti casi, non avrebbero la più pallida idea di come utilizzarli. Per non parlare del Ministero che dovrebbe decidere quali programmi si devono o non si devono usare.

Mostra i risultati (1713 voti)
Dicembre 2016
Attacco blocca Internet per quasi un milione di utenti
Netflix, film e serie TV sono anche offline
Novembre 2016
Il display coi pixel di grafene
Android, malware in Google Play scaricato un milione di volte
Secondo Apple la malattia del touch è colpa degli utenti
Gli smartphone low-cost con backdoor incorporata
Tim ci riprova con l'operatore mobile low cost
La GdF sequestra 152 siti di streaming: l'elenco completo
BSA "beccata" a usare software pirata
La stampante che intercetta i cellulari
Il tetto solare invisibile
Ottobre 2016
Come dirottare qualsiasi drone in volo
Antibufala: trovata la soluzione al Triangolo delle Bermude
Il Pc con Linux e Wi-Fi, micro anche nel prezzo: 4 euro
Hackerato l'iPhone 6S protetto da password e impronta digitale
Tutti gli Arretrati


web metrics