Microsoft reinventa la webmail con Outlook.com

Interfaccia pulita e integrazione con Facebook e Skype fanno dimenticare la cattiva reputazione di Hotmail.



[ZEUS News - www.zeusnews.it - 01-08-2012]

Outlook.com

Un nuovo servizio di webmail ha debuttato ufficialmente: si chiama Outlook.com ed è frutto del progetto che Microsoft ha sviluppato sino con il nome di NewMail.

L'azienda di Redmond già possiede Hotmail ma è anche ben cosciente della reputazione non eccellente che questo servizio - considerato da molti eccessivamente infestato da banner e pubblicità - s'è guadagnato nel tempo verso il pubblico. L'articolo continua qui sotto.

Sondaggio
Quale di questi grandi portali visiti pių frequentemente?
Libero
Blogspot
YouTube
Virgilio
Facebook
Wikipedia
Live (MSN)
eBay
Google
Yahoo!

Mostra i risultati (3528 voti)
Leggi i commenti (6)
Microsoft ha così deciso di creare da zero un nuovo prodotto, e l'aura di "seriosità" cui Outlook.com mira si evince anche dal nome che questi ha preso, mutuato dall'applicazione per la gestione della posta elettronica (e non solo) parte di Office.
Outlook com 01
(Fai clic sull'immagine per visualizzarla ingrandita)

Il servizio, per quanto ancora nelle fasi iniziali, è aperto a tutti: è possibile registrarsi oppure adoperare un proprio account Microsoft già esistente; Outlook.com offre uno spazio «virtualmente illimitato» e si accompagna ai 7 Gbyte di Skydrive.

La differenza con Hotmail è marcata anche dall'interfaccia, votata al minimalismo e priva di fronzoli.

Outlook com 02
(Fai clic sull'immagine per visualizzarla ingrandita)

Tra le funzionalità che Microsoft ha deciso di inserire sin da subito c'è l'integrazione con Facebook, Twitter e LinkedIn, non solo per attingere dai database dei social network al fine di popolare la lista dei contatti ma anche per poter interagire con i servizi offerti da questi direttamente dalla posta eletronica.

Nel prossimo futuro, inoltre, Outlook.com vedrà debuttare l'integrazione con Skype, che dopotutto è da tempo di proprietà di Microsoft; il modello è Gmail, che integra Google Talk, ma si può immaginare che il successo di questa caratteristica sarà maggiore, considerata l'ampia base utenti di Skype (mentre Google Talk non è troppo apprezzato).

Outlook com 03
(Fai clic sull'immagine per visualizzarla ingrandita)

L'impressione che Outlook.com punti a sottrarre utenti a Gmail pare confermata anche da tutte quelle caratteristiche che il servizio di Microsoft offre in forma potenziata rispetto a quello di Google: oltre al già citato spazio "virtualmente illimitato", Outlook offre un limite massimo per gli allegati pari a 300 Mbyte se si effettua l'upload con SkyDrive e 100 Mbyte se si procede diversamente (contro i 25 di Gmail).

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con Zeus News ti consigliamo di iscriverti alla Newsletter gratuita. Inoltre puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto o segnalare un refuso.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Sondaggio
Dove alloggerai (o hai alloggiato) durante le vacanze, quest'anno?
In un campeggio.
In un hotel.
In una casa in affitto.
In un villaggio turistico.
In un agriturismo.
In un ostello della gioventų.
Nella mia seconda casa.
A casa di parenti o di amici.
A casa mia: niente vacanze quest'anno.

Mostra i risultati (1797 voti)
Febbraio 2016
7 nuove auto tutte ecologiche
Aiuto, un virus ha preso in ostaggio i miei dati e vuole soldi per ridarmeli
iPhone 7, tutti i dettagli
Galaxy S7, il top di gamma di Samsung
Delta V, lo smartphone che si ricarica in tre modi ecologici
La Terra rallenta la rotazione, colpa dei ghiacciai che si sciolgono
Gennaio 2016
Dati sensibili e telefonate sospette
Google progetta di far morire le password
La lampadina a filamento del MIT, più efficiente di quelle a LED
''Sentenza Facebook'', cosa cambia in concreto
Smartphone a prezzi stracciati, armi, droghe e hacker in affitto
Antibufala: scoperto in Austria un telefonino di 800 anni fa!
I 10 siti per torrent più popolari
13 caratteristiche di chi è più intelligente della media
Microsoft, cosa aspettarci nel 2016
Tutti gli Arretrati


web metrics