Zeus News è un notiziario dedicato a quanto avviene nel mondo di Internet, dell'informatica, delle nuove tecnologie e della telefonia fissa e mobile: non è un semplice amplificatore di comunicati stampa ma riserva ampio spazio ai commenti e alle riflessioni, proponendosi quale punto di osservazione libero e indipendente.

Sondaggio
Immaginiamo un mondo popolato dalle auto di Google: senza pilota, senza sterzo e senza pedali. Qual è il maggior svantaggio? (vedi anche i vantaggi)
L'auto di Google è veramente brutta! Più che un auto è un'ovovia.
Ci toglierà il piacere di guidare e la nostra vita sarà un po' più triste.
Avrà un costo non sostenibile per la maggior parte degli utenti.
Ci sarà maggior traffico: con un'auto senza pilota il trasporto privato verrebbe incentivato rispetto al trasporto pubblico.
Il Gps incorporato potrebbe non essere efficiente, costringendoci a fare percorsi più lunghi o più lenti o addirittura non portandoci mai a destinazione.
Ho timori soprattutto per la privacy: le auto di Google potranno collezionare dati su come mi sposto e quando.
In caso di incidente con nessuno al volante, non è chiaro di chi sarà la responsabilità civile. E a chi tocca pagare l'assicurazione? All'utente o a Google? O allo Stato?
Sarà esposta ad attacchi hacker o terroristici: di fatto avremo minore sicurezza sulle strade.
Se il sistema prevede un urto inevitabile, potrebbe trovarsi di fronte a scelte etiche insormontabili. Uccidere un anziano o un bambino? Due uomini o un bambino? Un uomo o una donna? Uscire di strada o urtare altri veicoli o pedoni? Andare addosso a un SUV o a un'utilitaria?
Rispetto alle auto tradizionali impiegheranno troppo tempo ad arrivare a destinazione, non potendo superare i limiti di velocità o fare manovre azzardate.
I tassisti non esisteranno più: già immagino le loro legittime proteste.

Mostra i risultati (622 voti)
Settembre 2014
Sfondare le reti Wi-Fi al primo tentativo
Come disinstallare definitivamente il software
Agosto 2014
Così si aggira la censura, anche da smartphone
Il divano che si trasforma in letto a castello
Come ti buco l'app di Gmail (e non solo)
Il video dell' ''alieno'' sulla Luna
Microsoft accelera e toglie i veli a Windows 9 a settembre
Curriculum vitae per aziende hi-tech
Google offre un milione a chi creerà un piccolo inverter
La batteria al grafene che ricarica l'auto in pochi minuti
Ripulire l'isola di plastica del Pacifico
Si fotografa nuda nel palazzo del governo
L'estensione per gli ebook di Amazon in versione pirata
Il robot-origami è il primo vero transformer
Napoli lascia il Pinguino e ritorna con Microsoft
Tutti gli Arretrati

Stampa 3D del nascituro

Partendo dalle ecografie, un'azienda giapponese si offre di creare ''statuette'' dei bambini non ancora nati. [Video]



[ZEUS News - www.zeusnews.it - 19-08-2012]

fasotec nascituro

Al giorno d'oggi è normale, per le donne incinte, vedersi consegnare dall'ospedale un CD o un DVD contenente le immagini dell'ecografia del proprio bambino.

La giapponese Fasotec, azienda specializzata nel creare modelli 3D destinati all'industria sanitaria (e non solo), ha deciso di far evolvere questa possibilità. L'articolo continua qui sotto.

Sondaggio
Quando acquisti un elettrodomestico per la casa, valuti soprattutto...
che il CONSUMO energetico non sia elevato.
che lo SPAZIO occupato non sia eccessivo.
che mi faccia risparmiare TEMPO.
che il COSTO di acquisto sia basso.

Mostra i risultati (1469 voti)
Leggi i commenti
Ha lanciato un nuovo servizio che, a partire dai dati raccolti con una ecografia o una risonanza magnetica, è in grado di realizzare con una stampante 3D una "statuetta" del feto.

La tecnica utilizzata è stata chiamata Bio-Texture Modeling e permette di partire da immagini a due dimensioni per ricavare tutte le informazioni necessarie alla stampante 3D.

Questa utilizza due resine: la prima è trasparente e riproduce la porzione del corpo della madre all'interno della quale si trova il bambino, realizzato invece con la seconda resina, di colore bianco.

Si ottiene così un oggetto che misura circa 40x60x90 millimetri e pesa sui 200 grammi; il prezzo dell'intera operazione è di 100.000 yen, pari a poco più di 1.000 euro, e sono disponibili anche dimensioni e forme personalizzate: grazie a queste opzioni si possono creare ciondoli o portachiavi.

Se l'iniziativa avrà successo, Fasotec ha intenzione di espandere il proprio catalogo di possibilità, aumentando il numero di dimensioni e forme disponibili (con gli inevitabili adeguamenti del prezzo, s'intende).

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con Zeus News ti consigliamo di iscriverti alla Newsletter gratuita.

Inoltre puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, inserire un commento (anche anonimo) sotto o segnalare un refuso.

Approfondimenti
La cintura che fa sentire incinti gli uomini
L'ecografia 3D come mai vista prima
Biostampante 3D per la cartilagine del ginocchio

Commenti all'articolo (3)


mda
Bell'idea ma che prezzo!!! :shock: :shock: :shock: Ciao
21-8-2012 15:27

Martini
Avere una buona idea da sola non basta, se poi non sai gestire tutto quello che c'e' dopo; in Italia, in Giappone in America...
20-8-2012 16:50

proteus75
Visto cosa succede in Italia? Negli USA sarei milionario. c'avevo pensato pure io un paio d'anni fa, all'apparire delle prime macchine modellanti il polistirolo :P
20-8-2012 10:08

Inserisci un commento - anche se NON sei registrato

La liberta' di parola e' un diritto inviolabile, ma nei forum di Zeus News vige un regolamento che impone delle restrizioni e che l'utente e' tenuto a rispettare. I moderatori si riservano il diritto di cancellare o modificare i commenti inseriti dagli utenti, senza dover fornire giustificazione alcuna. Gli utenti non registrati al forum inoltre sono sottoposti a moderazione preventiva. La responsabilita' dei commenti ricade esclusivamente sui rispettivi autori. I principali consigli: rimani sempre in argomento; evita commenti offensivi, volgari, violenti o che inneggiano all'illegalita'; non inserire dati personali, link inutili o spam in generale.


web metrics