La diplomazia digitale

Tra politica estera e social media, come sono cambiati i siti istituzionali della diplomazia?



[ZEUS News - www.zeusnews.it - 14-08-2012]

diplomaziadigitale

In Diplomazia Digitale, Antonio Deruda fa un'analisi di come la diplomazia internazionale abbia scoperto e si sia appropriata, in modo più o meno efficace e più o meno timido, degli strumenti messi a disposizione dalla rete e in particolare dei più diffusi social media.

Si raccontano i primi approcci degli albori: all'inizio un sito istituzionale di solito prevedeva poca interazione e veniva usato principalmente per mettere a disposizione degli utenti moduli, informazioni e documenti: primi tra tutti quelli legati alla richiesta di un visto per avere accesso alla nazione che si rappresenta.

Successivamente i siti conobbero l'uso della promozione vera e propria, e poi ancor più di interazione, l'ultimo gradino di una scala lunga e irta di ostacoli.

Una cosa è certa: la diplomazia come la conoscevamo non esiste più. Finora era raffigurata nell'immaginario collettivo come composta da paludati rappresentanti che si muovono a passi felpati in stanze dagli alti soffitti, introdotti da lettere di presentazione piene di svolazzi.

Oggi queste stesse persone sono state soppiantate da diplomatici che hanno un proprio account su Twitter, dove interagiscono con i propri lettori con uno stile informale impensabile fino a qualche anno fa.

Gli Stati Uniti usano Internet ormai da anni e gli esempi riusciti di diplomazia online sono numerosi e stanno facendo scuola; più timidi gli stati europei, anche se qualche eccellenza c'è, per esempio la Gran Bretagna.

L'Italia – che pure qualche tentativo di dotarsi degli strumenti necessari l'ha fatto – non ha ancora trovato una sua dimensione: leggendo il libro si ha l'impressione che siamo ancora troppo rivolti verso l'interno, mentre lo scopo della diplomazia digitale è l'esatto opposto, ovvero farci conoscere all'esterno.

Sorprendente è l'apertura di nazioni insospettabili come la Corea del Nord, uno dei Paesi più inaccessibili al mondo, che però ha una comunicazione solo di tipo informativo/propagandistico.

Anche la Cina, che invece si trova nella scomoda situazione di doversi aprire al mondo, deve allo stesso tempo spiegare come mai applica una censura pesantissima nei confronti della propria popolazione: le incongruenze vengono alla luce i governanti devono farci i conti.

Sondaggio
E' corretto utilizzare i social network in ufficio?
Sì, perché offrono numerose occasioni per migliorare la propria produttività.
Sì, perché sono strumenti validi per condividere opinioni lavorative con amici e colleghi.
Sì ma con moderazione: una pausa di cinque minuti ogni tanto allenta la tensione e migliora la produttività.
No, perché la commistione tra aspetti privati e professionali generata dall'utilizzo di questi strumenti potrebbe causare problemi sul posto di lavoro.
No, perché non è corretto scambiare opinioni relative a questioni lavorative attraverso i social media.
No, perché hanno un impatto negativo sulla produttività.
Non saprei.

Mostra i risultati (1517 voti)
Leggi i commenti (15)

Di tutto questo si parla nel saggio e di molto altro: ogni esempio, supportato dall'immagine del tweet o della pagina a cui fa riferimento, è analizzato nel dettaglio, spiegando i retroscena che fanno di messaggi apparentemente innocenti delle vere e proprie bombe a tempo, che a volte sono scoppiate tra le mani degli incauti postatori.

Anche se Diplomazia Digitale non è un manuale operativo in senso stretto e anche se non tutti lavoriamo presso ambasciate o ministeri degli esteri, molti sono gli spunti di riflessione che possono tornare utili anche a piccole aziende. Per esempio, anche lo stile più informale ha in realtà dietro di sé una strategia e spesso un investimento economico, ma soprattutto di riorganizzazione della comunicazione non indifferente. In ogni caso, conoscere i problemi avuti a un così alto livello può aiutare a evitare quelli più comuni a un'entità meno in vista.

Per chi volesse approfondire l'affascinante argomento, l'autore, esperto in comunicazione e che ha egli stesso lavorato nelle ambasciate, gestisce un blog con il medesimo titolo del libro.

Visto il tipo di testo e il target a cui è rivolto, è invece strano che non esista la possibilità di acquistare il libro in formato e-book: peccato, avrebbe probabilmente avuto un buon successo.

Scheda

Titolo: Diplomazia Digitale
Sottotitolo: La politica estera e i social media
Autore: Antonio Deruda
Editore: Apogeo
ISBN: 9788850331246
Pagine: 215 + bibliografia
Prezzo: Euro 14,00

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con Zeus News ti consigliamo di iscriverti alla Newsletter gratuita. Inoltre puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, inserire un commento (anche anonimo) sotto o segnalare un refuso.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Commenti all'articolo (0)


La liberta' di parola e' un diritto inviolabile, ma nei forum di Zeus News vige un regolamento che impone delle restrizioni e che l'utente e' tenuto a rispettare. I moderatori si riservano il diritto di cancellare o modificare i commenti inseriti dagli utenti, senza dover fornire giustificazione alcuna. Gli utenti non registrati al forum inoltre sono sottoposti a moderazione preventiva. La responsabilita' dei commenti ricade esclusivamente sui rispettivi autori. I principali consigli: rimani sempre in argomento; evita commenti offensivi, volgari, violenti o che inneggiano all'illegalita'; non inserire dati personali, link inutili o spam in generale.
E' VIETATA la riproduzione dei testi e delle immagini senza l'espressa autorizzazione scritta di Zeus News (P.Iva 06584100967). Tutti i marchi e i marchi registrati citati sono di proprietà delle rispettive società. Informativa sulla privacy. I tuoi suggerimenti sono di vitale importanza per Zeus News. Contatta la redazione e contribuisci anche tu a migliorare il sito: pubblicheremo sui forum le lettere piu' interessanti.
Sondaggio
Qual è il motivo principale che ti può far desistere (oppure no) dal compiere un acquisto online?
La scarsa accessibilità del sito di ecommerce.
I tempi di consegna non certi.
La scomodità di dover rimanere a casa o di dover concordare la consegna con il corriere.
La possibilità che il pacco vada perso, se la spedizione non è tracciata.
La poca fiducia riposta nel negozio online.
Il prezzo maggiore del prodotto.
Le spese di spedizione elevate.
Il sovrapprezzo applicato per la spedizione contrassegno.
La scomodità di dover rispedire il pacco qualora la merce ricevuta sia danneggiata o difettosa.
La maggior difficoltà a far valere le condizioni di garanzia.
L'impossibilità di trattare sul prezzo o di chiedere uno sconto.
La poca fiducia riposta nei sistemi di pagamento online disponibili.

Mostra i risultati (1736 voti)
Agosto 2016
WhatsApp condivide i dati dell'utente con Facebook
La realtà virtuale di Google è pronta al lancio
Android 7.0 Nougat, ecco le novità
L'NSA si lascia sfuggire armi informatiche segrete
Fuchsia, il nuovo sistema operativo di Google
Bug di Linux, a rischio un miliardo e mezzo di smartphone Android
Tutte le Volkswagen vendute dopo il 1995 si possono aprire con Arduino
10.000 titoli Amiga giocabili gratuitamente nel browser
Sì, le chiavette USB lasciate in giro come esca funzionano
Cambiare le password troppo spesso fa male alla sicurezza
I 10 siti torrent più popolari
Andate in vacanza? Usare una VPN per proteggervi può portarvi in carcere
Luglio 2016
Lo smartphone da 50 dollari di Amazon
Il simil-MacBook economico di Xiaomi
Windows 10 Anniversary Update, le novità più importanti
Tutti gli Arretrati


web metrics