Scuola, hackerare i voti sul registro? In Italia è facile

Una falla nel programma adoperato dai professori mina la sicurezza dei registri elettronici.



[ZEUS News - www.zeusnews.it - 11-10-2013]

M registro elettronico scuola
Foto via Fotolia

Da qualche tempo in qua (da quando il governo Monti ha approvato la norma relativa) nelle scuole si sta introducendo il registro elettronico in luogo di quello cartaceo.

L'obiettivo è ridurre i costi e semplificare la condivisione dei dati (voti, note disciplinare e via di seguito) all'interno della scuola stessa e con le famiglie.

Ovviamente è necessario che dati così delicati siano adeguatamente protetti: serve insomma un software che garantisca, per esempio, che nessuno possa sottrarre le chiavi d'accesso utilizzate dai professori.

Il problema è che, stando a quanto segnalato dal Corriere della Sera, tale sicurezza non c'è.

A essere messo sotto accusa è il software SissiWeb, che presenterebbe un problema non indifferente: pare che trasmetta in chiaro le informazioni di login.

Ciò significa che qualche studente con una conoscenza dei computer appena sopra il minimo indispensabile potrebbe riuscire a impadronirsene: l'operazione non sarà immediata, ma uno scenario in cui un professore lascia incustodito per qualche momento il computer e lo studente ne approfitta per installare un programma adatto a carpire le informazioni trasmesse in chiaro non è nemmeno tanto fantascientifico.

Non è nemmeno necessario che lo studente malintenzionato abbia accesso al computer una seconda volta: dato che - come confermato da un consulente del Miur - studenti e docenti adoperano la medesima (W)LAN, diventa possibile accedere al computer del professore da remoto.

Sondaggio
Come proteggi il tuo computer?
Proteggere? Dai ladri, forse?
Ogni tanto utilizzo un antivirus online.
Ho un antivirus e tengo aggiornato il sistema operativo.
Ho antivirus, firewall, antispyware, parental control e ogni sorta di protezione.
Utilizzo Linux.
L'unico computer sicuro è un computer offline.

Mostra i risultati (4422 voti)
Leggi i commenti (48)

Dopotutto è già capitato che alcuni studenti riuscissero a installare un keylogger sul PC usato dai professori e, in questo modo, si siano alzati i voti.

La vera domanda è però perché mai Sissiweb abbia al proprio interno una tale debolezza. La risposta viene dall'amministratore delegato di Axios (l'azienda che ha realizzato il software), il quale ha affermato che, pur possedendo un certificato VeriSign, al momento non ha potuto attivare la connessione sicura a causa della migrazione della piattaforma su nuovi server. Il problema dovrebbe però rientrare in breve tempo.

Intanto, però, le circa 1.300 scuole che utilizzano Sissiweb (avendo acquistato una licenza annuale da 300 euro) si trovano esposte.

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con Zeus News ti consigliamo di iscriverti alla Newsletter gratuita. Inoltre puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, inserire un commento (anche anonimo) sotto o segnalare un refuso.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Approfondimenti
OCSE: Il computer in classe non aiuta gli studenti
Risarcimento record a ragazzina spiata su Facebook dalla scuola
Studenti consigliano come far licenziare professori
Pubblicati 500mila codici fiscali e targhe auto lombarde
Vietato fotografare i piatti della mensa scolastica
Ebook obbligatorio a scuola, lo stop del governo
Scuola, collassa il sito per le iscrizioni online
Scarica cartoni animati per l'asilo ma era un porno
Violano i computer della scuola per alzarsi i voti

Commenti all'articolo (ultimi 5 di 21)

@spacexplorer C'è una sentenza in merito relativa alla buona fede di chi effettua la raccomandata. Caratteristica di questa che c'è sempre un contenuto. Insomma questo trucco "sparisce". --- Comunque per la cronaca le ultime modifiche FD (firma digitale) sono con la pubblicazione in Gazzetta Ufficiale del d.p.c.m. 22... Leggi tutto
19-10-2013 11:19

@mda Sono CERTO che cambieranno ancora! Il fatto è che se voglio solo mandare una mail non c'è problema, se voglio farlo con tutti i crismi del caso per una qualche questione legale rischio di fregarmi per questi cavilli... Solo per farti un esempio tempo fa ad un conoscente che aveva spedito una raccomandata A/R capitò la risposta:... Leggi tutto
19-10-2013 09:59

@spacexplorer La normativa è confusa quindi potresti firmarli, del resto l'organo certificante non è lo Stato ma la Regione e se la Regione dice (chi se ne frega che non si sono accorti) che è ancora valido... Ok, il classico "cavillo legale", ma valido per firmare PEC anche perchè già la email PEC è autocertificata. Di... Leggi tutto
16-10-2013 13:21

@mda il brutto è che non risponde alla normativa italica come non risponde più FreeSigner del Comune di Trento o Dike in versione GNU/Linux... Non li puoi usare per firmare a valor di legge PEC ed allegati... La PA colpisce ancora, come (pressoché) sempre... PS han pure cambiato alcune CNS, alcuni "certificatori" come le... Leggi tutto
16-10-2013 09:47

La liberta' di parola e' un diritto inviolabile, ma nei forum di Zeus News vige un regolamento che impone delle restrizioni e che l'utente e' tenuto a rispettare. I moderatori si riservano il diritto di cancellare o modificare i commenti inseriti dagli utenti, senza dover fornire giustificazione alcuna. Gli utenti non registrati al forum inoltre sono sottoposti a moderazione preventiva. La responsabilita' dei commenti ricade esclusivamente sui rispettivi autori. I principali consigli: rimani sempre in argomento; evita commenti offensivi, volgari, violenti o che inneggiano all'illegalita'; non inserire dati personali, link inutili o spam in generale.
E' VIETATA la riproduzione dei testi e delle immagini senza l'espressa autorizzazione scritta di Zeus News (P.Iva 06584100967). Tutti i marchi e i marchi registrati citati sono di proprietà delle rispettive società. Informativa sulla privacy. I tuoi suggerimenti sono di vitale importanza per Zeus News. Contatta la redazione e contribuisci anche tu a migliorare il sito: pubblicheremo sui forum le lettere piu' interessanti.
Sondaggio
A Milano l'Ecopass si è trasformato in congestion charge: si paga per accedere al centro anche se si ha un'auto poco inquinante. Sei d'accordo?
Sono favorevole a questo modello, per le grandi città: bisogna usare meno l'auto.
Sono contrario in generale: non serve, è solo una tassa per spillare quattrini ai cittadini.
Era meglio il vecchio modello, in cui le auto meno inquinanti non pagavano (o pagavano di meno).
Il problema non mi tocca: non vivo e non vado mai né a Milano né in altre grandi città.

Mostra i risultati (2015 voti)
Luglio 2016
Windows 10 Anniversary Update, le novità più importanti
Se il Wi-Fi diventa il nemico del popolo
Meglio Telegram, Signal o WhatsApp?
Tim potrebbe licenziare 170 dirigenti su 600
TIM, aumenti in vista per ADSL e fibra
Con Ubuntu Snappy le dipendenze non sono più un incubo
Giugno 2016
In vendita lo smartphone da 3 euro
Godless è il nuovo malware che infetta Android
Mikko Hypponen spiega come hackerare una banca
Se un'auto elettrica finisce in acqua, si rimane folgorati?
Rivoluzione Linux con le snap di Ubuntu ovunque
OnePlus 3, ottimo smartphone a prezzo contenuto
Da Samsung lo smartphone che si srotola e diventa un tablet
Autovelox, riconoscimento targhe e volti tutto in uno
Il keylogger travestito da caricabatterie Usb
Tutti gli Arretrati


web metrics