Sondaggio
Quale mezzo di trasporto pubblico sostituirà quelli attuali nel giro dei prossimi 50 anni?
Evacuated Tube Transport: l'evoluzione dei treni a levitazione magnetica; questi veicoli sono in grado di raggiungere i 6.500 km/h perché viaggiano all'interno di tunnel in cui è creato il vuoto.
String Transport System: cabine sospese fino a 30 metri dal suolo che corrono su binari di acciaio e cemento a oltre 500 km/h.
Tubular Rails: i treni viaggiano a 240 km/h all'interno di anelli sollevati dal suolo che contengono i motori e le ruote, mentre le carrozze ospitano i binari.
I bus viaggiano al di sopra del traffico automobilistico, il quale scorre sotto di loro, usando piccole rotaie poste ai lati della strada.
Shweeb: monorotaia monoposto sospesa e a pedali che permette di raggiungere i 45 km/h.
SolarBullet: il treno ad alta velocità (354 km/h) alimentato a energia solare attualmente allo studio in Arizona (USA).
Treni elettrici che non necessitano di binari perché viaggiano su strada e ricevono l'energia dal sistema contactless installato al di sotto dell'asfalto.
SARTRE: le automobili viaggiano in convogli gestiti dall'intelligenza artificiale; si uniscono i vantaggi del trasporto pubblico alla flessibilità del trasporto privato.
Startram, il maglev orbitale: gli ultimi 20 chilometri del tracciato (di oltre 1.600 km) puntano verso l'alto per portare in orbita i treni.
Ascensore spaziale: una stazione posta a quasi 100.000 km da terra e collegata al suolo da cavi costituiti da nanotubi di carbonio, per portare in orbita uomini e materiali con costi relativamente contenuti.

Mostra i risultati (2256 voti)
Maggio 2015
Navigazione più privata e sicura con Freedome
Paypal, multa di 25 milioni per il credito ''revolving''
Google manda le multe ai pirati
Halfbike, bicicletta a metà
I server virtuali hanno un bug peggiore di Heartbleed
Le 7 versioni di Windows 10
Wind e 3 Italia, fusione in vista
8 errori da evitare per non essere hackerati
Da Tesla il Powerwall per risparmiare elettricità in casa
Falla in Wordpress, milioni di siti vulnerabili
Microsoft logga gli IP dei pirati di Windows 7
Se la stazione rivela la password in diretta TV
Fastweb e Telecom Italia si alleano per la banda larga
La batteria all'alluminio che ricarica lo smartphone in 1 minuto
Aprile 2015
Copyright sui trattori, i contadini non possono ripararli
Tutti gli Arretrati

Le tendenze irreversibili della storia

Information technology e agricoltura alleate contro le multinazionali?



[ZEUS News - www.zeusnews.it - 25-03-2003]

Per chi crede in un mondo migliore non sono tempi buoni. Il potere non esita a inventarsi una guerra inseguendo chissà mai quali interessi; istanze come globalizzazione dal basso, giustizia sociale, rispetto per l'ambiente rischiano di apparire patetiche.

Chi le persegue viene travolto da un senso di impotenza, eppure vi sono segni tangibili che qualcosa sta cambiando, a livello economico e sociale.

Il popolo di Seattle, con le sue innumerevoli diramazioni e sfaccettature, è un fatto singolare in quanto movimento auto-organizzato, la cui nascita e prepotente diffusione hanno messo in difficoltà anche i partiti della sinistra tradizionale.

A voler guardare il bicchiere mezzo pieno, le manifestazioni spontanee contro la guerra in Iraq sono state uno straordinario precedente, segno che i movimenti popolari non partono necessariamente dal vertice.

Sul piano squisitamente economico, può essere utile per il nostro umore osservare le rivoluzioni nei settori dell'agricoltura e dell'informatica.

Proprio così: la stessa spinta al cambiamento (di sé stessi e dell'intero sistema economico) accomuna il settore che produce derrate alimentari, quello primario, e quello che elabora le informazioni, il terziario più avanzato. Se vogliamo i piedi e la testa del sistema economico.

Per contrastare il monopolio dei latifondi nord e sud americani, con la recente corsa senza regole agli organismi geneticamente modificati, è nata l'agricoltura biologica, con il trionfo del sapore, della trasformazione particolare che solo le micro-aziende sono in grado di gestire convenientemente.

D'altro canto, di fronte al dilagare del monopolio Microsoft e alla morte di tutti i concorrenti più accreditati, è nato il germe della riscossa, che per noi utenti ha assunto la forma di Linux e dell'open source.

Il sistema operativo, con le sue complicazioni, è a disposizione di una pluralità di micro- aziende che, facendo circolare i propri codici sorgenti, contrastano il monopolio del gigante.

Non è un caso che questi due settori così diversi abbiano un comune destino: essi sono i settori più pesantemente investiti nel recente passato dall'innovazione tecnologica, che li ha portati rapidamente al capolinea, ma ha anche fornito loro gli strumenti per una pronta rinascita.

Proprio le biotecnologie ed i dot-com sono stati i pilastri della bolla speculativa della new economy, che ha svuotato le tasche di milioni di piccoli risparmiatori a metà del 2001.

Un'altro segno, recentissimo, di degenerazione e riscossa di un settore economico, è la nascita delle Street TV, proprio nel momento in cui il monopolio televisivo ha celebrato il proprio trionfo con l'elezione del monopolista a Presidente del Consiglio, il disinnesco della possibile bomba 7 (vedi soprattutto qui), e lo svuotamento della residua concorrenza Rai.

La storia, a ben vedere, è dalla nostra parte e nessuno può ignorare le sue tendenze irreversibili. Sono cambiamenti, assestamenti, sconvolgimenti economici, politici e sociali, a cui non ci si può opporre, se non temporaneamente.

Esempi di queste tendenze: la globalizzazione del mercato mondiale, la multirazzialità delle società nazionali, la circolazione libera delle informazioni.

Non è opportuno né utile discutere sulla loro liceità, possiamo solo pensare a come arrivarci, nel modo meno costoso, in termini di sacrifici economici e di vite umane.

Può capitare che un cartello od una multinazionale si mettano consapevolmente contro una di queste tendenze, è il caso per esempio delle majors discografiche contro il file-sharing, o più genericamente quando una qualsiasi multinazionale produce in mercati poveri e vende in quelli ricchi, o quando una lobby di petrolieri spinge verso una guerra pretestuosa contro un regime pur innegabilmente tirannico, che casualmente controlla enormi riserve di petrolio.

Niente paura: essi potranno provocare, a costo di ingenti sforzi, un ritardo alla tendenza irreversibile. Ma la loro sconfitta è certa.

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con Zeus News ti consigliamo di iscriverti alla Newsletter gratuita. Inoltre puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, inserire un commento (anche anonimo) sotto o segnalare un refuso.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Commenti all'articolo (3)

Michele Bottari
Hai ragione, il termine e' un po' infelice. Ma c'e' una legislazione europea, con tanto di marchi, enti certificatori, bollini tondi etc. che l'ha chiamata cosi' (sigh). In Spagna, per esempio, si chiama ecologica (gia' meglio), in Inghilterra organica.Cosi' e', e ci dobbiamo adeguare...P.S. Il... Leggi tutto
16-9-2003 18:00

Alfredo Viti
Perche' BIOLOGICA???? Leggi tutto
15-9-2003 19:18

Renato
Bene Leggi tutto
27-3-2003 10:35


La liberta' di parola e' un diritto inviolabile, ma nei forum di Zeus News vige un regolamento che impone delle restrizioni e che l'utente e' tenuto a rispettare. I moderatori si riservano il diritto di cancellare o modificare i commenti inseriti dagli utenti, senza dover fornire giustificazione alcuna. Gli utenti non registrati al forum inoltre sono sottoposti a moderazione preventiva. La responsabilita' dei commenti ricade esclusivamente sui rispettivi autori. I principali consigli: rimani sempre in argomento; evita commenti offensivi, volgari, violenti o che inneggiano all'illegalita'; non inserire dati personali, link inutili o spam in generale.


web metrics