Zeus News è un notiziario dedicato a quanto avviene nel mondo di Internet, dell'informatica, delle nuove tecnologie e della telefonia fissa e mobile: non è un semplice amplificatore di comunicati stampa ma riserva ampio spazio ai commenti e alle riflessioni, proponendosi quale punto di osservazione libero e indipendente.

Sondaggio
Chi di questi 10 non ha meritato il premio Nobel per la Pace?
Elihu Root, segretario di Stato USA, vincitore nel 1912, indagato per la repressione degli indipendentisti filippini.
Aristide Briand, politico francese, vincitore nel 1926, nonostante molti sostengano che gli accordi da lui voluti abbiano portato la Germania a tentare la successiva espansione verso est.
Frank Kellogg, vincitore nel 1929: la sua idea per evitare le guerre fu sconfessata di lì a breve dalla politica tedesca.
Carl von Ossietzky, giornalista tedesco, vincitore nel 1935 per aver rivelato la politica tedesca di riarmo in violazione dei trattati. Meritava il premio, ma la tempistica fu pessima: venne deportato in un campo di concentramento.
Nessuno: nel 1948 il premio non venne assegnato. Sarebbe potuto andare a Mohandas Ghandi, ma era stato assassinato e il Comitato non permise che il premio fosse assegnato alla memoria.
Henry Kissinger e Le Duc Tho, vincitori nel 1973 per aver negoziato il ritiro delle truppe USA dal Vietnam. Il primo però approvò il bombardamento contro la Cambogia; il secondo rifiutò il premio.
Yasser Arafat, Shimon Peres e Yitzakh Rabin, vincitori nel 1994, sebbene gli accordi di Oslo abbiano avuto effetti molto brevi.
Kofi Annan e le Nazioni Unite, vincitori nel 2001, investigato nel 2004 per il coinvolgimento del figlio in un caso di pagamenti illegali nel programma Oil for Food.
Wangari Muta Maathai, vincitrice nel 2004, convinta che il virus HIV sia stato creato in laboratorio e sfuggito per errore.
Barack Obama, vincitore nel 2009, appena eletto presidente degli USA.

Mostra i risultati (997 voti)
Dicembre 2014
La chiavetta USB che ti hackera il PC in meno di un minuto
Chiude la CEC-PAC, un fallimento da 19 milioni di euro
Telefonini e promozioni natalizie: quale operatore offre di più
Da BMW l'auto che si cerca il parcheggio da sola
Honor T1, il tablet economico di Huawei
Windows 10 integra Cortana e l'app per la Xbox
Treviso, ragazzini condividono filmato hard con Whatsapp
Il reggiseno bionico che solleva e sistema il seno alla perfezione
Il macchinario che trasforma l'acqua in petrolio
Serve davvero proteggere smartphone e tablet Android con un antivirus?
Sony, migliaia di password in una cartella chiamata ''Password''
Mandare in crash WhatsApp con un singolo messaggio di testo
Lo shopping online? Adesso si fa col Bancomat
Novembre 2014
TIM e Vodafone, LTE fino a 225 Mbit/s
Google rende più semplice vedere tutti i dispositivi connessi al proprio account
Tutti gli Arretrati

Apple, l'ex CEO Sculley vuole BlackBerry

L'uomo che cacciò Steve Jobs è interessato ad acquistare l'azienda in crisi.



[ZEUS News - www.zeusnews.it - 25-10-2013]

jobs sculley
Steve Jobs e John Sculley negli anni '80 (Fai clic sull'immagine per visualizzarla ingrandita)

Coloro che seguono le vicende di Apple da tempo ricordano il nome di John Sculley senza alcun piacere.

Chiamato alla guida di Apple nel 1983, fu il responsabile della cacciata di Steve Jobs nel 1985 e della crisi cui l'azienda andò incontro negli anni seguenti. Lasciò l'incarico - dietro pressioni da parte del Consiglio di Amministrazione - nel 1993.

Se il suo nome torna ora alla ribalta delle cronache è perché Sculley ha lasciato chiaramente intendere in un'intervista che tra i molti desiderosi a mettere le mani su BlackBerry c'è anche lui.

Non da solo, ovviamente: Sculley sarebbe a capo di un gruppo di investitori interessato a rilevare l'azienda in difficoltà, nei prodotti della quale ha sempre creduto molto.

«Penso ci sia una grande valore futuro per BlackBerry» - ha dichiarato Sculley, - «ma, senza persone esperte che hanno esperienza in questo tipo di attività e senza un piano strategico, è davvero impegnativo. Chi acquista deve avere un piano strategico credibile e potrebbe avere successo grazie anche ad un team di esperti in grado di attuare questo piano».

Sondaggio
La NSA non spiava solo i cittadini USA ma anche i governi di Francia, Germania e Italia. Qual è la tua reazione di fronte a questa notizia? (se vuoi dare risposte multiple o commentare ulteriormente, usa il forum)
Sono profondamente indignato: come si sono permessi?
Sono stupito che gli USA siano arrivati a questo punto.
In fondo lo fanno per prevenire gli attentati; quindi li giustifico, almeno parzialmente.
Non mi sorprende. E' da un po' che l'Europa non conta più un tubo.
Accidenti! Avranno ascoltato anche le telefonate con la mia fidanzata/o.
I nostri politici non hanno nulla di più importante di cui preoccuparsi?
Lo so perfino io che i telefoni sono spiati, figuriamoci i terroristi.
Avevano ragione quelli di Zeus News, quando già nel 2001 scrivevano di Echelon.

Mostra i risultati (1832 voti)
Leggi i commenti (15)

Sono davvero molti, a questi punto, a disputarsi BlackBerry: insieme a Sculley ci sono infatti nomi come Lenovo, Google, Cisco e SAP, ma anche Mike Lazaridis e Douglas Fregin, fondatori di RIM, e naturalmente il fondo d'investimenti Fairfax Holdings, tuttora in prima posizione.

A chi andrà l'azienda canadese? Non ci vorranno ancora molti giorni per scoprirlo. Il termine è fissato per il prossimo 4 novembre.

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con Zeus News ti consigliamo di iscriverti alla Newsletter gratuita.

Inoltre puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, inserire un commento (anche anonimo) sotto o segnalare un refuso.

Approfondimenti
Blackberry prospetta addio agli smartphone
Lenovo vuole comprare BlackBerry
Da Google a Samsung, tutti vogliono BlackBerry

Commenti all'articolo (2)



Gladiator
Beh in questo caso partirebbe molto avvantaggiato: RIM è messa molto peggio di quanto non lo fosse Apple quando lui cacciò Jobs... :wink: :lol:
27-10-2013 10:44

amldc
Riuscirà il nostro eroe a ripetere la straordinaria performance già effettuata in Apple ? :lol:
25-10-2013 13:29


La liberta' di parola e' un diritto inviolabile, ma nei forum di Zeus News vige un regolamento che impone delle restrizioni e che l'utente e' tenuto a rispettare. I moderatori si riservano il diritto di cancellare o modificare i commenti inseriti dagli utenti, senza dover fornire giustificazione alcuna. Gli utenti non registrati al forum inoltre sono sottoposti a moderazione preventiva. La responsabilita' dei commenti ricade esclusivamente sui rispettivi autori. I principali consigli: rimani sempre in argomento; evita commenti offensivi, volgari, violenti o che inneggiano all'illegalita'; non inserire dati personali, link inutili o spam in generale.


web metrics