Sondaggio
Come passi maggiormente il tuo tempo online?
Sui social network
Leggendo e scrivendo email
Guardando filmati
Cercando e leggendo informazioni
Giocando online
Leggendo i blog
Sui forum
Ascoltando musica e radio online
Leggendo quotidiani e riviste
Altro (specificare nei commenti)

Mostra i risultati (1016 voti)
Gennaio 2015
Se la prof invia un selfie sexy agli studenti
Windows 10 è gratis per gli utenti di Windows 7 e 8
Antibufala: SismAlarm
Quei cellulari cinesi preinfettati in fabbrica
Bandire WhatsApp
Oltre 2.000 giochi per DOS disponibili gratis nel browser
Nasa, scoperti otto nuovi fratelli della Terra
Ventiduenne svela il trucco per trovare voli sottocosto
iPad da 12 pollici, spuntano le prime foto
Addio Internet Explorer, arriva Spartan
Dicembre 2014
Per rubare le impronte digitali basta una foto
Nuovo blackout Wind (risolto), utenti senza Internet e telefono
Agcom: ''Contratti di telefonia siano sempre in forma scritta''
Uomo entra in Facebook. Sul computer della casa che sta svaligiando
Amazon regala 175 euro di app per Natale
Tutti gli Arretrati

UK, energia dalle maree per centomila famiglie

Un'idea di oltre 1.000 anni fa permette di generare energia in modo pulito.



[ZEUS News - www.zeusnews.it - 03-02-2014]

Swansea Bay Tidal Lagoon 01
(Fai clic sull'immagine per visualizzarla ingrandita)

Una laguna artificiale, che racchiude una superficie paria 11 km2 d'acqua, può essere il mezzo per dare energia a più di 100.000 case in modo totalmente pulito.

È questa la sfida del progetto Tidal Lagoon Swansea Bay, dal costo previsto di 650 milioni di sterline e che potrebbe essere completato (una prima valutazione ambientale è già stata conclusa con esito positivo) entro il 2017 nella baia di Swansea, in Galles.

L'idea prevede la costruzione di una grande muraglia grossomodo circolare, che inizia e finisce sulla terraferma, lunga circa 10 km: è questa che realizza la laguna artificiale.

La muraglia contiene le infrastrutture necessarie per realizzare una centrale mareomotrice: sfruttando la differenza del livello dell'acqua all'interno e all'esterno della laguna, che varia in base alle maree, è possibile azionare delle turbine che generino energia elettrica.

Il concetto è antico: veniva infatti applicato già nel VII secolo per azionare le macine dei mulini; con l'alta marea si raccoglieva l'acqua in un bacino, separato dal mare (proprio come la laguna artificiale di Swansea) tramite una paratia che poi veniva chiusa. Con la bassa marea si faceva defluire l'acqua verso il mare, azionando così una ruota collegata alla macina.

Sondaggio
Secondo te quale di queste previsioni si realizzerà per prima?
La maggior parte degli acquisti avverrà attraverso il web.
Ci sarà in media uno smartphone per ogni abitante del pianeta.
Le aziende utilizzeranno Facebook e Twitter come mezzo principale di assistenza ai clienti.
La maggior parte dei nostri dati saranno sul cloud, non sui nostri Pc.
La maggior parte degli utenti accederanno al web tramite rete mobile.

Mostra i risultati (1410 voti)
Leggi i commenti (7)

I progettisti ritengono che, potendo utilizzare questo sistema sia con l'alta e con la bassa marea, si possa arrivare a produrre energia quattro volte al giorno.

Sfruttando al massimo i luoghi in cui è possibile la costruzione di questi impianti nel Regno Unito, l'ente che gestisce le acque territoriali britanniche ritiene che teoricamente si possa arrivare a generare in totale una potenza di 14 Gigawatt e 25 TWh di energia ogni anno, pari al 7% dell'attuale fabbisogno energetico britannico.

Il solo impianto della baia di Swansea potrebbe arrivare a 240 MW e 400 GWh l'anno.

Ci sono ovviamente delle obiezioni alla costruzioni di opere di questo tipo. La prima è di tipo ambientale, dato che la muraglia inevitabilmente andrà a incidere sul paesaggio ma anche sull'habitat marino, sebbene i costruttori affermino che, secondo gli studi, in realtà l'impatto sulla vita animale e vegetale sia minimo.

Swansea Bay Tidal Lagoon 02
(Fai clic sull'immagine per visualizzarla ingrandita)

La seconda riguarda i costi necessari e realizzare impianti che hanno requisiti molto rigidi in quanto alla scelta dei luoghi per la loro installazione: è necessario infatti che la marea abbia un'ampiezza minima di 4 metri e che le acque non siano troppo profonde (non più di 25 metri sotto il livello medio del mare) per minimizzare i costi di costruzione. Tutto ciò si traduce nella possibilità che non si riesca a far diventare sufficientemente competitivo il costo dell'energia al kWh.

Infine occorre considerare l'opinione pubblica, che potrebbe avanzare verso le lagune artificiali obiezioni simili a quelle già sentite quando si parla di centrali eoliche.

Swansea Bay Tidal Lagoon 03
(Fai clic sull'immagine per visualizzarla ingrandita)
Swansea Bay Tidal Lagoon 04
(Fai clic sull'immagine per visualizzarla ingrandita)
Swansea Bay Tidal Lagoon 05
(Fai clic sull'immagine per visualizzarla ingrandita)

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con Zeus News ti consigliamo di iscriverti alla Newsletter gratuita. Inoltre puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, inserire un commento (anche anonimo) sotto o segnalare un refuso.

Approfondimenti
Energia dall'acqua che evapora
Un parco marino per sfruttare moto ondoso, maree e correnti

Commenti all'articolo (3)



Zievatron
Idea molto buona. Sommando insieme le diverse possibilità di produzione di energia pulita, si può avere sicuramente abbastanza energia per una umanità stabilizzatasi a circa un miliardo di abitanti. E' il modo in cui l'umanità passerà dagli attuali oltre 7 miliardi ad 1 miliardo che mi preoccupa. :roll:
8-2-2014 13:43


Gladiator
Sicuramente è sempre meglio una bella centrale a carbone o nucleare basta che la costruiscano a casa degli altri vero? Peccato che, alla fine, i danni che fanno si ripercuotono su tutto il pianeta... :twisted: Leggi tutto
5-2-2014 19:13


fuocogreco
L' idea può essere buona ma.. tra il dire e il fare c' è di mezzo il mare :malol:
4-2-2014 01:06


La liberta' di parola e' un diritto inviolabile, ma nei forum di Zeus News vige un regolamento che impone delle restrizioni e che l'utente e' tenuto a rispettare. I moderatori si riservano il diritto di cancellare o modificare i commenti inseriti dagli utenti, senza dover fornire giustificazione alcuna. Gli utenti non registrati al forum inoltre sono sottoposti a moderazione preventiva. La responsabilita' dei commenti ricade esclusivamente sui rispettivi autori. I principali consigli: rimani sempre in argomento; evita commenti offensivi, volgari, violenti o che inneggiano all'illegalita'; non inserire dati personali, link inutili o spam in generale.


web metrics