Sondaggio
Qual è il primo dispositivo che utilizzi, la mattina?
Il cellulare
La Tv
La radio
Il computer
Il rasoio
La macchinetta del caffè
L'asciugacapelli

Mostra i risultati (2190 voti)
Luglio 2015
L'auto che si restringe per parcheggiare meglio
La lampadina a Led più economica del mondo
Giugno 2015
Google Chromebit trasforma la Tv in un Pc
Sabotaggio verso gli utenti di μTorrent
Su Google Play Music la musica adesso è gratis
A cosa serve prenotare Windows 10?
Aggiungere una cartella alla barra delle applicazioni
Jobs Act, permesso il controllo a distanza dei dipendenti
11 bufale hi-tech a cui molti continuano a credere
Navigare senza limiti in 4G LTE? Sì, ma solo di notte
Come passare da MBR a GPT e viceversa
Riutilizzare le vecchie batterie dei telefonini si può
Porn Time è il Popcorn Time a luci rosse
Google Maps, navigatore anche senza la connessione
Rubare soldi al bancomat con l'iPod Nano
Tutti gli Arretrati

Da Ford e Intel l'automobile che si comanda con le gesture

La vettura riconoscerà il proprietario e risponderà ai suoi gesti.



[ZEUS News - www.zeusnews.it - 22-07-2014]

ford intel mobii
(Fai clic sull'immagine per visualizzarla ingrandita)

Etnografi, antropologi e ingegneri: sono queste le menti che Intel e Ford hanno deciso di radunare per dare vita a Project Mobii, ossia Mobile Interior Imaging.

L'idea alla base del progetto è dotare un'auto di videocamere che ripredano l'interno dell'abitacolo, per imparare dalle abitudini di guidatori e passeggeri e trovare nuovi modi per rispondere ai loro comandi.

L'intero progetto è per il momento soltanto uno studio sperimentale senza applicazioni pratiche in vista, ma le due aziende hanno già alcune idee che vorrebbero veder realizzate.

Si potrebbe adoperare la videocamera interna per poter controllare a distanza, dallo smartphone o dal tablet, ciò che succede alla vettura, per assicurarsi che sia al sicuro o per verificare se si è dimenticato qualcosa all'interno.

Oppure, un sistema di riconoscimento delle gesture fornirebbe nuovi modi per azionare i vari comandi.

Per esempio si potrebbe alzare il volume dell'autoradio semplicemente muovendo la mano, oppure dire «Apri» e indicare il soffitto per far sì che l'auto capisca che deve aprire il tettuccio, e non il cofano (situazione che sarebbe oltremodo spiacevole, specialmente se in movimento).

Sondaggio
Immaginiamo un mondo popolato dalle auto di Google: senza pilota, senza sterzo e senza pedali. Qual è il maggior vantaggio? (vedi anche gli svantaggi)
Sarà più comodo viaggiare: non dovremo preoccuparci di guidare e avremo più tempo libero a disposizione.
Potranno spostarsi in auto anche i non vedenti, gli invalidi o in generale le persone non più in grado di guidare.
Si risparmierà carburante grazie all'ottimizzazione: niente accelerazioni o frenate brusche, rispetto dei limiti di velocità e così via.
Con il Gps incorporato ci si smarrirà di meno e non sarà necessario consultare mappe o chiedere indicazioni.
Ci sarà maggiore sicurezza e meno incidenti: niente ubriachi al volante o anziani non più in grado di guidare. Zero distrazioni, zero stanchezza, zero errori del conducente (causa del 90% degli incidenti).
Ci sarà meno traffico: potremo più facilmente condividere un'auto in car sharing che ci venga a prendere e ci porti dove desideriamo andare, trovando parcheggio da sola o rimettendosi a disposizione della comunità.
La casta dei tassisti non avrà più ragione di esistere e sarà finalmente azzerata.

Mostra i risultati (889 voti)
Leggi i commenti (6)

Tramite il riconoscimento facciale l'auto saprebbe riconoscere il proprietario o i vari membri della famiglia, preparando per ognuno un "profilo" particolare: una determinata temperatura, una particolare posizione dei sedili e degli specchietti, limitazioni a quanto possono fare i bambini e via di seguito.

«Il nostro obiettivo con la ricerca Mobii» - spiega Paul Mascarenas di Ford - «è esplorare il modo in cui gli autisti interagiscono con la tecnologia nell'auto e come possiamo rendere più intuitiva e predittiva tale interazione».

Ecco spiegato quindi il motivo per cui, insieme agli ingegneri, Ford e Intel hanno deciso di consultare etnografi e antropologi: affinché aiutino a comprendere il comportamento umano.

Qui sotto, il video di presentazione.

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con Zeus News ti consigliamo di iscriverti alla Newsletter gratuita. Inoltre puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, inserire un commento (anche anonimo) sotto o segnalare un refuso.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Approfondimenti
L'auto che vola a 900 km/h
Nokia, 100 milioni per l'auto intelligente
Anche Mercedes nella sfida dell'auto senza conducente

Commenti all'articolo (ultimi 5 di 8)

E pensa che nel SW dell'auto c'è pure una backdoor che permette di mandare alla casa madre tutti ciò che la telecamera vede in modo che poi possono pubblicare su internet le migliori prestazioni... :wink: :lol:
14-8-2014 14:39

:shock: :shock: :shock: :lol: :lol: :lol: Ma questi in che mondo vivono? :-k Davanti ad una webcam?! :o Leggi tutto
10-8-2014 15:07

Fra tutte le cose che mi possono interessare in un auto e che quindi cercherei all'atto dell'acquisto, questa è proprio l'ultima...
27-7-2014 10:35

Oppure gli mostri il medio sollevandolo bene in alto, e l'auto, diligentemente, ti apre il tettuccio in mezzo a un temporale. :twisted: Mauro Leggi tutto
24-7-2014 16:23

Bella questa gomez :malol: aggiungo che vorrei proprio vedere come interpreta un eventuale gestaccio per mandare affanc...un altro automobilista che ci infastidisce! Magari apre la porta davanti alla prima prostituta che c'è per strada!! :lol: :lol: :lol:
24-7-2014 01:26

La liberta' di parola e' un diritto inviolabile, ma nei forum di Zeus News vige un regolamento che impone delle restrizioni e che l'utente e' tenuto a rispettare. I moderatori si riservano il diritto di cancellare o modificare i commenti inseriti dagli utenti, senza dover fornire giustificazione alcuna. Gli utenti non registrati al forum inoltre sono sottoposti a moderazione preventiva. La responsabilita' dei commenti ricade esclusivamente sui rispettivi autori. I principali consigli: rimani sempre in argomento; evita commenti offensivi, volgari, violenti o che inneggiano all'illegalita'; non inserire dati personali, link inutili o spam in generale.


web metrics