Vita facile in prigione, per una celebrità

Le confessioni di un cammer



[ZEUS News - www.zeusnews.it - 01-01-2016]

cammer03

Questo è un articolo su più pagine: ti invitiamo a leggere la pagina iniziale
Le confessioni di un cammer.

Dopo l'arresto, l'euforia ha lasciato il posto alla comprensione. «È stato solo quando sono stato arrestato che mi sono reso conto in che razza di guaio mi fossi cacciato. Solo che all'epoca non mi importava: l'avevo fatta ai ricconi di Hollywood ed era tutto ciò che mi interessasse».

A quel punto sono iniziati i processi, gli appelli, e quindi la condanna definitiva. «Soltanto un anno dopo, quando mi sono trovato davvero in un'aula di tribunale, ho capito che rischiavo una lunga reclusione per ciò che avevo fatto, e che i ricconi di Hollywood mi avevano battuto al mio stesso gioco».

Pur avendo commesso dei reati che non avevano causato vittime, Dansk si è trovato in prigione con persone che avevano commesso ogni genere di reati violenti: «Ricordo un tizio con cui lavoravo in cucina e che era stato condannato a 18 anni per aver ucciso qualcuno. È uscito e sei ore dopo era già stato arrestato di nuovo per aver ucciso un amico della sua vittima» racconda TheCod3r.

Il fatto è che - come spiega Dansk - la prigione per lui e per molti altri non è poi troppo dura in sé. Anzi, Dansk addirittura era «quasi una celebrità, sia tra i prigionieri sia tra il personale. Nessuno credeva che la mia punizione fosse adeguata al reato da me commesso».

Inoltre, la vita in prigione era confortevole. «Personalmente ritengo che rinchiudere le gente in prigione non funzioni: oggigiorno la prigione è più facile che mai. Avevo in cella (come tutti) un televisore Sharp da 22 pollici con 135 canali, un telefono, un bollitore, una doccia e un bagno privati. In tutta onestà, la prigione era comoda. Non sono mai stato spaventato e nemmeno preoccupato delle persone intorno a me. Quindi no, la prigione non funziona. La prigione non è un deterrente per i crimini più efferati, figuriamoci per un "furto di diritto d'autore"» ricorda l'uomo.

Sondaggio
Hai inserito username e password della tua webmail. Il browser ti chiede se desideri salvare le credenziali di accesso per il futuro. Cosa fai?
Uso questa opzione perché è comoda, così non devo inserire ogni volta username e password
Clicco su No e disattivo l'opzione “Resta collegato”
Non accedo alla mail attraverso siti di webmail ma solo attraverso applicazioni installate sul dispositivo

Mostra i risultati (1008 voti)
Leggi i commenti (12)

Tuttavia, la privazione della libertà ha comunque i suoi lati negativi: il problema è che il tempo che Dansk ha passato rinchiuso ha avuto degli effetti sulla sua vita, una volta tornato fuori.

«Ho perso la casa, perché non potevo pagare l'affitto. Ho perso l'auto, il lavoro, e dovunque vada non mi considerano uno che fa cose buone, ma sono solo "il tizio che è stato in prigione". La scorsa settimana ho cercato lavoro in un negozio di articoli sportivi in cui avevo già lavorato e di cui conosco il direttore da 13 anni. Mi ha risposto: "Non diamo lavoro agli ex-galeotti". Quindi è anche difficile trovare un lavoro».

Anche i rapporti con la famiglia ne hanno risentito: poiché Dansk non aveva denaro, i suoi familiari dovevano inviargliene perché ricaricasse il telefono e potesse parlare con loro, e si preoccupavano molto quando non riusciva a chiamarli. Inoltre non ha potuto partecipare al funerale di due suoi zii e di suo nonno, morti mentre era in prigione.

«Andare in prigione è tecnicamente la punizione definitiva» commenta ora. «Alla fine sono io quello che nel lungo periodo ha perso: la casa, il lavoro, l'auto e la libertà. Questo decisamente non è una vittoria».

Ti invitiamo a leggere la pagina successiva di questo articolo:
0-day: ne valeva la pena?.

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con Zeus News ti consigliamo di iscriverti alla Newsletter gratuita. Inoltre puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, inserire un commento (anche anonimo) sotto o segnalare un refuso.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Commenti all'articolo (ultimi 5 di 21)

Sono anch'io d'accordo con GipsytheKid e Danielix!
6-2-2016 14:58

Sei totalmente fuori strada, per diversi motivi, il primo dei quali è l'impiego dei termini “furto, rubare”. Il furto implica necessariamente la sottrazione di un bene: tu possiedi una cosa, io te la rubo, adesso l'ho io e tu non l'hai più. Converrai che nel caso di opere digitali replicabili all'infinito tutta la faccenda non è... Leggi tutto
5-2-2016 00:38

Khelidan ti inalberi perché fraintendi. Si parla di mancati introiti e di come calcolarli, non della posizione etica del singolo. I fatti sono questi: c'è un prodotto, ha il suo mercato e da questo ricava degli introiti. La tesi è che la pirateria intacchi minimamente questi introiti (non che non li intacchi, ma che interferisca in... Leggi tutto
3-2-2016 12:37

Certi ragionamenti di autogiustificazione mi fanno proprio incazzare. Quindi se uno non va al cinema, è autorizzato a rubare lavoro altrui perché tanto al cinema non ci va? Se quel film lo reputi brutto, non lo guardi, se fruisci dell'opera la paghi, punto e stop. In quel film ci hanno lavorato persone che hanno diritto di guadagnare... Leggi tutto
3-2-2016 10:16

La liberta' di parola e' un diritto inviolabile, ma nei forum di Zeus News vige un regolamento che impone delle restrizioni e che l'utente e' tenuto a rispettare. I moderatori si riservano il diritto di cancellare o modificare i commenti inseriti dagli utenti, senza dover fornire giustificazione alcuna. Gli utenti non registrati al forum inoltre sono sottoposti a moderazione preventiva. La responsabilita' dei commenti ricade esclusivamente sui rispettivi autori. I principali consigli: rimani sempre in argomento; evita commenti offensivi, volgari, violenti o che inneggiano all'illegalita'; non inserire dati personali, link inutili o spam in generale.
E' VIETATA la riproduzione dei testi e delle immagini senza l'espressa autorizzazione scritta di Zeus News (P.Iva 06584100967). Tutti i marchi e i marchi registrati citati sono di proprietà delle rispettive società. Informativa sulla privacy. I tuoi suggerimenti sono di vitale importanza per Zeus News. Contatta la redazione e contribuisci anche tu a migliorare il sito: pubblicheremo sui forum le lettere piu' interessanti.
Sondaggio
Qual è la più grande inquietudine che hai a casa e che la domotica potrebbe risolvere?
Sentirsi insicuri in casa quando si è lì da soli.
Che le persone lascino le luci accese quando non serve.
Dimenticarsi se le porte sono state chiuse a chiave o se le finestre sono state chiuse a dovere.
Familiari anziani non autosufficienti quando in casa sono soli.
Preoccuparsi della sicurezza quando siamo lontani.
Perdere tempo a girare per casa ad accendere o spegnere le luci.
Preoccuparsi che le attrezzature della cucina (per esempio il forno) siano state lasciate accese accidentalmente.
Preoccuparsi che la casa sembri vuota quando siamo lontani.
Possibili incidenti nelle zone della casa che non sono adeguatamente illuminate durante la notte.
La casa è troppo calda o troppo fredda per il dovuto comfort.

Mostra i risultati (535 voti)
Luglio 2016
Il simil-MacBook economico di Xiaomi
Windows 10 Anniversary Update, le novità più importanti
Se il Wi-Fi diventa il nemico del popolo
Meglio Telegram, Signal o WhatsApp?
Tim potrebbe licenziare 170 dirigenti su 600
TIM, aumenti in vista per ADSL e fibra
Con Ubuntu Snappy le dipendenze non sono più un incubo
Giugno 2016
In vendita lo smartphone da 3 euro
Godless è il nuovo malware che infetta Android
Mikko Hypponen spiega come hackerare una banca
Se un'auto elettrica finisce in acqua, si rimane folgorati?
Rivoluzione Linux con le snap di Ubuntu ovunque
OnePlus 3, ottimo smartphone a prezzo contenuto
Da Samsung lo smartphone che si srotola e diventa un tablet
Autovelox, riconoscimento targhe e volti tutto in uno
Tutti gli Arretrati


web metrics