Netflix, stretta su VPN e proxy

Il gigante dello streaming minaccia di bloccare l'account di quelli che aggirano le restrizioni geografiche.



[ZEUS News - www.zeusnews.it - 18-01-2016]

netflix vpn proxy

Con l'inizio del 2016, Netflix ha superato il traguardo dei 130 Paesi raggiunti dal suo servizio e ha giustamente festeggiato.

Si tratta di una buona notizia per tutti gli amanti delle serie TV e dei film che non vogliono darsi alla pirateria per godersi i propri contenuti preferiti ma volentieri pagano una quota mensile per restare nella legalità.

Tutto ciò si accompagna tuttavia al solito problema: i contenuti che Netflix rende disponibili variano da Paese a Paese, in base agli accordi sottoscritti con i vari detentori dei diritti d'autore. Per esempio, il catalogo Netflix italiano è più ridotto di quello britannico o americano.

Si tratta delle cosiddette restrizioni geografiche contro le quali si è espressa anche l'Unione Europea ma con cui gli utenti di Netflix sono tuttora costretti a fare i conti.

In attesa che queste restrizioni vengano abolite per sempre, ci si ingegna come si può: usando proxy e VPN si riesce con relativa facilità ad aggirare i blocchi e accedere ai contenuti disponibili all'estero.

Finora Netflix, pur nominalmente contraria a questi comportamenti (altrimenti i detentori del copyright non le consentirebbero di operare), aveva sempre chiuso un occhio. Ma dall'inizio del mese non è più così.

Il giro di vite è iniziato il 3 gennaio, quando Netflix ha iniziato a bloccare gli account degli utenti di VPN. Ha così dato portato a un nuovo livello l'operazione che era già iniziata alcune settimane prima con la modifica imposta all'app per Android, che ora impone l'uso dei DNS di Google per evitare che i blocchi basati sui DNS vengano aggirati.

Sondaggio
Telecom Italia ha scelto il marchio TIM per tutta la sua offerta commerciale di telefonia fissa, mobile e Internet, cambiando il logo. Cosa pensi del nuovo logo? Scegli un'opzione tra le seguenti e commenta nel forum.
Mi piace.
Non mi piace.
Preferivo il precedente.
Non mi interessa.
Sempre di più si dà troppa importanza all'immagine e poca alla sostanza.

Mostra i risultati (1283 voti)
Leggi i commenti (9)

Poi, il 14 gennaio, Netflix ha dichiarato ufficialmente guerra ai proxy e alle VPN con un post sul blog aziendale.

Cercando di indorare la pillola, il vicepresidente David Fullagar spiega che Netflix continuerà a impegnarsi per «far crollare i confini» che causano le differenze tra i vari Paesi, ma egli stesso afferma che d'ora in avanti saranno condotte azioni più decise verso quanti usano i mezzi che la tecnologia mette a disposizione per vanificare le limitazioni.

«Ciò significa che nelle prossime settimane tutti coloro i quali fanno uso di proxy potranno accedere soltanto ai servizi disponibili nel Paese in cui al momento si trovano» scrive Fullagar. E tra le misure più estreme non è escluso il blocco dell'account.

Ti invitiamo a leggere la pagina successiva di questo articolo:
Netflix rischia l'effetto boomerang.

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con Zeus News ti consigliamo di iscriverti alla Newsletter gratuita. Inoltre puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, inserire un commento (anche anonimo) sotto o segnalare un refuso.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Approfondimenti
L'Europa rinuncia a combattere il geoblocking nei video
Smartflix, l'intero catalogo di Netflix a portata di clic
Netflix contro le Vpn, sale la protesta
Il sito che rivela tutti i contenuti di Netflix paese per paese
L'UE vuole mettere al bando le restrizioni geografiche online

Commenti all'articolo (ultimi 5 di 10)

La questione piu' importante sono gli scarsi contenuti. Leggi tutto
18-2-2016 18:04

Quello è vero, però i servizi di streaming online e di e-commerce li stiamo implementando al meglio possibile (mi viene in mente anche per esempio Smart che ha aperto uno shop online da cui puoi ordinare direttamente l'auto Smart, appunto) Poi per internet e l'adsl lenta quella è una cosa strutturale che chissà quando verrà parificata... Leggi tutto
26-1-2016 16:32

Su questo non posso che essere d'accordo... Leggi tutto
24-1-2016 11:26

ricordati che siamo in italia,paese non del terzo mondo,bensi' 15esimo..............hahahaha.............abbiamo ancora l'adsl a 3 mega per i piu' fortunati.........
21-1-2016 17:24

La liberta' di parola e' un diritto inviolabile, ma nei forum di Zeus News vige un regolamento che impone delle restrizioni e che l'utente e' tenuto a rispettare. I moderatori si riservano il diritto di cancellare o modificare i commenti inseriti dagli utenti, senza dover fornire giustificazione alcuna. Gli utenti non registrati al forum inoltre sono sottoposti a moderazione preventiva. La responsabilita' dei commenti ricade esclusivamente sui rispettivi autori. I principali consigli: rimani sempre in argomento; evita commenti offensivi, volgari, violenti o che inneggiano all'illegalita'; non inserire dati personali, link inutili o spam in generale.
E' VIETATA la riproduzione dei testi e delle immagini senza l'espressa autorizzazione scritta di Zeus News (P.Iva 06584100967). Tutti i marchi e i marchi registrati citati sono di proprietà delle rispettive società. Informativa sulla privacy. I tuoi suggerimenti sono di vitale importanza per Zeus News. Contatta la redazione e contribuisci anche tu a migliorare il sito: pubblicheremo sui forum le lettere piu' interessanti.
Sondaggio
A Milano l'Ecopass si è trasformato in congestion charge: si paga per accedere al centro anche se si ha un'auto poco inquinante. Sei d'accordo?
Sono favorevole a questo modello, per le grandi città: bisogna usare meno l'auto.
Sono contrario in generale: non serve, è solo una tassa per spillare quattrini ai cittadini.
Era meglio il vecchio modello, in cui le auto meno inquinanti non pagavano (o pagavano di meno).
Il problema non mi tocca: non vivo e non vado mai né a Milano né in altre grandi città.

Mostra i risultati (2016 voti)
Luglio 2016
Lo smartphone da 50 dollari di Amazon
Il simil-MacBook economico di Xiaomi
Windows 10 Anniversary Update, le novità più importanti
Se il Wi-Fi diventa il nemico del popolo
Meglio Telegram, Signal o WhatsApp?
Tim potrebbe licenziare 170 dirigenti su 600
TIM, aumenti in vista per ADSL e fibra
Con Ubuntu Snappy le dipendenze non sono più un incubo
Giugno 2016
In vendita lo smartphone da 3 euro
Godless è il nuovo malware che infetta Android
Mikko Hypponen spiega come hackerare una banca
Se un'auto elettrica finisce in acqua, si rimane folgorati?
Rivoluzione Linux con le snap di Ubuntu ovunque
OnePlus 3, ottimo smartphone a prezzo contenuto
Da Samsung lo smartphone che si srotola e diventa un tablet
Tutti gli Arretrati


web metrics