Amnesty contro i giganti hi-tech: il cobalto per le batterie è estratto da minori

Apple, Samsung, Microsoft e altri sotto accusa: i minerali usati nei loro prodotti sarebbero ottenuti sfruttando il lavoro minorile.



[ZEUS News - www.zeusnews.it - 29-01-2016]

miniere cobalto amnesty international

L'accusa proviene da Amnesty International: il cloruro di cobalto presente anche nelle batterie degli smartphone sarebbe ottenuto con il lavoro minorile.

Il cobalto è un componente fondamentale delle batterie agli ioni di litio, il cui impiego è molto ampio: non soltanto in smartphone e tablet ma in pressoché ogni dispositivo che adoperi una batteria, comprese le automobili elettriche.

Risalendo la catena di produzione del cobalto, Amnesty International è arrivata fino alle miniere della Repubblica Democratica del Congo, da cui viene estratto oltre il 50% del cobalto adoperato nelle batterie.

Gli autori della ricerca hanno scoperto che in quelle miniere vengono impiegati anche bambini di appena sette anni, che spesso vengono obbligati a lavorare per 12 ore al giorno, senza equipaggiamento protettivo (che non è fornito nemmeno agli adulti) nonostante la pericolosità del lavoro.

Un minatore quattordicenne, intervistato dagli autori, ha raccontato che gli capita di lavorare per 24 ore consecutive in una miniera: «Arrivo alla mattina e me ne vado la mattina seguente». Inoltre, secondo il rapporto almeno 80 minatori sono morti durante il lavoro tra settembre 2014 e dicembre 2015.

Nell'indagine Amnesty International ha puntato il dito contro diverse grandi aziende come Microsoft, Samsung, Apple, Sony, Volkswagen e Daimler, affermando che non si sono mai preoccupate di andare fino in fondo nella faccenda, fino a scoprire da dove arrivi il prezioso materiale da esse impiegato.

Sondaggio
Quanti dispositivi sono connessi al tuo Wi-Fi domestico?
Nessuno.
Da 1 a 2
Da 3 a 5
Da 6 a 10
Oltre 10

Mostra i risultati (2019 voti)
Leggi i commenti (12)

«È un grande paradosso dell'era digitale il fatto che alcune delle aziende più ricche e più innovative del mondo riescano a vendere dispositivi incredibilmente sofisticati senza che siano obbligate a mostrare da dove ottengono le materie prime per i loro componenti» ha commentato Emmanuel Umpula, uno degli autori del rapporto.

Quanto ai giganti coinvolti, alcuni si sono difesi affermando di adottare una politica di «tolleranza zero» nei confronti del lavoro minorile (Apple e Samsung), altri - come Microsoft - hanno sostenuto di essere sempre rimasti all'oscuro di tutto, e qualcun altro ancora, infine, ha spiegato di stare lavorando per risolvere il problema: è questa la posizione di Sony.

«I pericoli per la salute e la sicurezza» - ribatte Mark Dummett, ricercatore di Amnesty International - «rendono il lavoro in miniera una della forme peggiori di lavoro minorile. Aziende i cui profitti globali complessivi ammontano a 125 miliardi di dollari non possono pensare di essere credibili quando affermano di non essere in grado di verificare da dove arrivano i minerali chiave dei loro prodotti».

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con Zeus News ti consigliamo di iscriverti alla Newsletter gratuita. Inoltre puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, inserire un commento (anche anonimo) sotto o segnalare un refuso.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Approfondimenti
Apple, anche Pegatron sfrutta i lavoratori
Quei telefonini fabbricati da bambini sfruttati

Commenti all'articolo (ultimi 5 di 16)

{lazarusso}
Ora che è emerso l'1 percento, aspetto che emerga il restante 99 percento. Ma capisco che è un'utopia, sarebbe come aspettarsi che: - l'italia diventi una paese senza corruzione (che pesa quanto e più dell'evasione), - che gli usa, l'europa, la russia e la cina smettano di fomentare guerre e... Leggi tutto
31-1-2016 19:39

E vero,adesso non ci riesco più a trovare quel caso in norvegia,ma ho letto io, parlava di un professore che ha abusato una studentessa di 8 anni,che l'ha denunciato,ma e stata condannata a pagare sugli 17.000 euro di danni al professore,perché non credibile l'accusa!
31-1-2016 13:23

OK, hai confuso le 2 notizie. Il primo caso è italiano, di tipica giustizia all'italiana. Meglio che non mi esprima su che fine dovrebbe fare il professore. Il caso 2, fa pensare molto male...pensa che in Olanda un pedofilo ha delle attenuanti in fase di processo, in quanto considerato facente parte di una minoranza sessuale...
31-1-2016 12:59

link
31-1-2016 12:42

Ecco un link: link OOps ho sbagliato
31-1-2016 12:32

La liberta' di parola e' un diritto inviolabile, ma nei forum di Zeus News vige un regolamento che impone delle restrizioni e che l'utente e' tenuto a rispettare. I moderatori si riservano il diritto di cancellare o modificare i commenti inseriti dagli utenti, senza dover fornire giustificazione alcuna. Gli utenti non registrati al forum inoltre sono sottoposti a moderazione preventiva. La responsabilita' dei commenti ricade esclusivamente sui rispettivi autori. I principali consigli: rimani sempre in argomento; evita commenti offensivi, volgari, violenti o che inneggiano all'illegalita'; non inserire dati personali, link inutili o spam in generale.
E' VIETATA la riproduzione dei testi e delle immagini senza l'espressa autorizzazione scritta di Zeus News (P.Iva 06584100967). Tutti i marchi e i marchi registrati citati sono di proprietà delle rispettive società. Informativa sulla privacy. I tuoi suggerimenti sono di vitale importanza per Zeus News. Contatta la redazione e contribuisci anche tu a migliorare il sito: pubblicheremo sui forum le lettere piu' interessanti.
Sondaggio
Immaginiamo un mondo popolato dalle auto di Google: senza pilota, senza sterzo e senza pedali. Qual è il maggior svantaggio? (vedi anche i vantaggi)
L'auto di Google è veramente brutta! Più che un auto è un'ovovia.
Ci toglierà il piacere di guidare e la nostra vita sarà un po' più triste.
Avrà un costo non sostenibile per la maggior parte degli utenti.
Ci sarà maggior traffico: con un'auto senza pilota il trasporto privato verrebbe incentivato rispetto al trasporto pubblico.
Il Gps incorporato potrebbe non essere efficiente, costringendoci a fare percorsi più lunghi o più lenti o addirittura non portandoci mai a destinazione.
Ho timori soprattutto per la privacy: le auto di Google potranno collezionare dati su come mi sposto e quando.
In caso di incidente con nessuno al volante, non è chiaro di chi sarà la responsabilità civile. E a chi tocca pagare l'assicurazione? All'utente o a Google? O allo Stato?
Sarà esposta ad attacchi hacker o terroristici: di fatto avremo minore sicurezza sulle strade.
Se il sistema prevede un urto inevitabile, potrebbe trovarsi di fronte a scelte etiche insormontabili. Uccidere un anziano o un bambino? Due uomini o un bambino? Un uomo o una donna? Uscire di strada o urtare altri veicoli o pedoni? Andare addosso a un SUV o a un'utilitaria?
Rispetto alle auto tradizionali impiegheranno troppo tempo ad arrivare a destinazione, non potendo superare i limiti di velocità o fare manovre azzardate.
I tassisti non esisteranno più: già immagino le loro legittime proteste.

Mostra i risultati (1481 voti)
Febbraio 2017
Google ha violato la crittografia SHA-1
Il malware che ti spia dal microfono del PC
WhatsApp attiva l'antifurto: verifica in due passaggi
Il sito per stalkerare chiunque su Facebook
Monaco molla Linux e torna a Windows
Cerber, il ransomware che prende di mira gli utenti italiani
Mozilla uccide Firefox OS e licenzia
Il trojan che imperversa sui sistemi Linux
Gennaio 2017
La rivincita delle musicassette
I 10 siti di torrent più popolari
Microsoft termina il supporto al Windows 10 originale
La backdoor in WhatsApp che permette di intercettare i messaggi
Quei titoloni su Draghi, Renzi e Monti ''hackerati'' sono una bufala
Galaxy S8, lo smartphone che è anche un PC
Sì, le smart TV sono infettabili
Tutti gli Arretrati


web metrics