CasaleggioGate, lo scandalo inesistente

Il PD accusa Casaleggio di spiare le email dei parlamentari del M5S. Ma in realtà è così che funziona il movimento.



[ZEUS News - www.zeusnews.it - 08-03-2016]

Casaleggio

Il senatore Stefano Esposito, del PD, è molto noto per le polemiche furibonde e verbalmente violente portate avanti contro i NoTav e per aver proposto, durante il breve periodo passato come assessore ai trasporti del Comune di Roma, che i romani pulissero tram ed autobus in occasione del Giubileo volontariamente e a titolo gratuito (il senatore è laico e quindi non si trattava di una penitenza, ma solo di far risparmiare soldi al Comune).

In questi giorni il senatore Esposito ha presentato un'interrogazione parlamentare urgente al Governo e al Ministero degli Interni perché, a suo parere, la Casaleggio Associati, l'agenzia di comunicazione del leader del Movimento 5 Stelle Gianroberto Casaleggio, avrebbe spiato le email dei deputati e senatori grillini.

La Casaleggio Associati lavora molto per lo stesso movimento, è pagata con i soldi del finanziamento ai gruppi parlamentari (al finanziamento dei partiti i 5 Stelle hanno rinunciato da sempre per programma elettorale), ed è accusata di gestire con troppa disinvoltura l'accesso che avrebbe al server di posta elettronica usato da senatori e deputati del movimento, anche perché sarebbe una società per la sicurezza informatica collegata proprio alla Casaleggio Associati a curarne la sicurezza.

La notizia è grave: ci si potrebbe chiedere perché il senatore Esposito, se è al corrente di questo fatto in modo certo, non abbia informato la Procura della Repubblica e le forze dell'ordine: si configurerebbe infatti un reato quale l'accesso abusivo a un sistema informatico, aggravato dal fatto che le vittime son parlamentari e pertanto si potrebbe addirittura ipotizzare un reato contro gli organi costituzionali.

È evidente però che un esposto del genere sarebbe potuto diventare oggetto di una querela per diffamazione o per calunnia da parte della Casaleggio Associati, mentre un'interrogazione parlamentare è insindacabile dalla magistratura ordinaria: un parlamentare non può essere perseguito per atti e parole pronunciate nell'esercizio delle sue funzioni.

Il punto è però un altro: bisogna infatti capire innanzitutto di che cosa stiamo parlando. L'intrusione e lo spionaggio sarebbero avvenuti non ai danni delle caselle di posta elettronica dei parlamentari aperte presso i server di Camera e Senato, ma sarebbero invece coinvolte le caselle di posta elettronica aperte su un sito interno ai gruppi parlamentari 5 Stelle, diverso da quello istituzionale, e che serve anche ai cittadini comuni quando vogliono scrivere proteste, lamentele e richieste al parlamentare del proprio territorio.

Infatti sarebbe logico pensare che se la Casaleggio avesse voluto accedere al server della Camera lo avrebbe fatto per spiare tutti i parlamentari, non solo quelli pentastellati ma anzi soprattutto quelli dei partiti avversi al M5S.

Sondaggio
La discriminazione è più difficile da vedere rispetto al passato, ma c'è sempre. Quale di queste affermazioni ti senti di condividere maggiormente?
Le donne spesso sono additate come più pettegole degli uomini e ritenute meno simpatiche.
Le donne hanno più difficoltà degli uomini a ricevere il giusto credito quando partecipano a progetti di gruppo.
Le donne sono giudicate più severamente degli uomini per il loro aspetto.
Le donne in genere ricevono delle proposte economiche più basse degli uomini, a parità di posizione.
Le donne sono ritenute non qualificate fino a quando non hanno dato prova di esserlo, agli uomini accade meno spesso.
Le donne vengono promosse in base ai risultati, gli uomini (anche) in base al potenziale.
Le donne spesso non vengono invitate tanto quanto gli uomini a eventi di socializzazione come le uscite al pub o a vedere le partite.

Mostra i risultati (812 voti)
Leggi i commenti (8)

Per Esposito, ma anche per altri autorevoli esponenti del PD, la vicenda sarebbe invece la prova che i parlamentari 5 Stelle non sarebbero liberi ma sottoposti a un controllo pervicace e oppressivo da parte di Gianroberto Casaleggio.

Sull'autonomia dei parlamentari eletti nel Movimento 5 Stelle, una parte non piccola dei quali è già stata espulsa dallo stesso movimento con procedure e motivazioni spesso singolari e non poco discutibili, si potrebbe parlare molto.

Allo stesso modo si potrebbe discorrere per diverso tempo sui non pochi parlamentari grillini che hanno abbandonato il movimento con motivazioni anche valide ma senza sentire il naturale bisogno di dimettersi dalla carica e rinunciare al relativo emolumento.

Il vero cuore della questione è però il fatto che il network interno ai gruppi parlamentari dei 5 Stelle è stato costruito proprio perché i responsabili della comunicazione abbiano un accesso assoluto, in nome della trasparenza, a tutte le comunicazioni interne, cosa che peraltro non ha impedito a molti parlamentari che dissentivano dai vertici 5 Stelle di organizzarsi per conto loro.

Si tratta di un sistema che nelle sue modalità può essere rifiutato e criticato ma che è fin dall'inizio accettato dai parlamentari del M5S che hanno ritenuto e deciso di rimanere in questo partito, pur con tutti i suoi limiti, contraddizioni e giravolte.

In realtà non c'è quindi alcun CasaleggioGate se non, forse, in una campagna elettorale sempre aperta e di straordinaria virulenza che vede PD e 5 Stelle darsi fendenti da orbi, spesso anche a vanvera.

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con Zeus News ti consigliamo di iscriverti alla Newsletter gratuita. Inoltre puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, inserire un commento (anche anonimo) sotto o segnalare un refuso.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Pier Luigi Tolardo

Commenti all'articolo (ultimi 5 di 9)

@Maary Il controllo dovrebbe essere esercitato dagli elettori con l'ausilio di un FOIA degno di questo nome e non come sta cercando di metterlo in piedi il Berlusconino che, come tante sue grandi riforme, ha una facciata altisonante ed un contenuto totalmente inefficace. In quanto al conflitto di interessi è palese ed è quello che si è... Leggi tutto
14-3-2016 18:01

Il punto è proprio questo: " nel caso in cui non facciano l'interesse del paese e degli elettori vengano sanzionati e non rieletti," ma in che modo? O meglio, in quale altro modo? Purtroppo si finisce per dare limitare la libertà individuale in favore della trasparenza. Penso che non sia giusto però, che tutto questo potere... Leggi tutto
14-3-2016 17:51

@Maary Che i parlamentari siano controllati e, nel caso in cui non facciano l'interesse del paese e degli elettori vengano sanzionati e non rieletti, mi sta benissimo ed in questo caso sono anch'io estremista poiché in una vera democrazia questo non dovrebbe avvenire perché, poi, chi controlla il controllore... Mi sta molto meno bene... Leggi tutto
13-3-2016 15:23

@gladiator Sarò estremista io, ma penso che sia giusto che i parlamentari siano controllati da qualcuno, potremo discutere su chi non sia adatto, o su quanti dovrebbero farlo, e come questi dovrebbero essere selezionati, ecc.. Ci sono troppe ruberie in politica, magari ruberebbero lo stesso dirai, se vogliono farlo, o se mirano proprio... Leggi tutto
13-3-2016 15:15

Il punto nodale della questione a mio giudizio sta in questa frase: e nella seguente domanda conseguente: Cosa porta delle persone che vorrebbero cambiare drasticamente il modo di fare politica in Italia ad accettare supinamente di essere continuamente controllati e pilotati in modo assi più totale pervasivo e costrittivo di quanto non... Leggi tutto
12-3-2016 11:40

La liberta' di parola e' un diritto inviolabile, ma nei forum di Zeus News vige un regolamento che impone delle restrizioni e che l'utente e' tenuto a rispettare. I moderatori si riservano il diritto di cancellare o modificare i commenti inseriti dagli utenti, senza dover fornire giustificazione alcuna. Gli utenti non registrati al forum inoltre sono sottoposti a moderazione preventiva. La responsabilita' dei commenti ricade esclusivamente sui rispettivi autori. I principali consigli: rimani sempre in argomento; evita commenti offensivi, volgari, violenti o che inneggiano all'illegalita'; non inserire dati personali, link inutili o spam in generale.
E' VIETATA la riproduzione dei testi e delle immagini senza l'espressa autorizzazione scritta di Zeus News (P.Iva 06584100967). Tutti i marchi e i marchi registrati citati sono di proprietà delle rispettive società. Informativa sulla privacy. I tuoi suggerimenti sono di vitale importanza per Zeus News. Contatta la redazione e contribuisci anche tu a migliorare il sito: pubblicheremo sui forum le lettere piu' interessanti.
Sondaggio
Quali tra queste informazioni ti piacerebbe che fossero rese pubbliche?
I provvedimenti sanitari relativi a bar, ristoranti e altri locali pubblici.
Il casellario giudiziale con le fedine penali dei cittadini.
Le valutazioni sulle performance degli insegnanti scolastici e dei professori universitari.
Le transazioni immobiliari effettuate da ciascun cittadino.
I mutui accesi da ciascun cittadino.
Le dichiarazioni dei redditi di ciascun cittadino.

Mostra i risultati (1203 voti)
Febbraio 2017
Il malware che ti spia dal microfono del PC
WhatsApp attiva l'antifurto: verifica in due passaggi
Il sito per stalkerare chiunque su Facebook
Monaco molla Linux e torna a Windows
Cerber, il ransomware che prende di mira gli utenti italiani
Mozilla uccide Firefox OS e licenzia
Il trojan che imperversa sui sistemi Linux
Gennaio 2017
La rivincita delle musicassette
I 10 siti di torrent più popolari
Microsoft termina il supporto al Windows 10 originale
La backdoor in WhatsApp che permette di intercettare i messaggi
Quei titoloni su Draghi, Renzi e Monti ''hackerati'' sono una bufala
Galaxy S8, lo smartphone che è anche un PC
Sì, le smart TV sono infettabili
Dicembre 2016
Quanto guadagna una celebrità da una foto su Instagram o Twitter? Tanto
Tutti gli Arretrati


web metrics