Esisteranno i call center in Italia nel 2020?

Con i 1.666 licenziamenti della sede di Roma di Almaviva si chiude un'epoca. Sopravviveranno i call center?



[ZEUS News - www.zeusnews.it - 30-12-2016]

almaviva

I sindacati del settore parlano di 50.000 posti di lavoro a rischio in tutta Italia nel settore dei call center: i primi a partire sono i 1.666 licenziati di Almaviva a Roma. Chiude uno dei più grandi e più vecchi call center italiani, già di Atesia del gruppo Telecom Italia e poi ceduto ai fratelli Tripi e alla loro Cos che fondendosi con Finsiel, l'azienda informatica del gruppo Telecom, dette vita ad Almaviva.

Resistono gli 800 di Napoli che hanno accettato un accordo ponte; ma a marzo 2017 conosceranno la loro sorte. A Roma nel call center si è girato il video "Sante parole", documentario di interviste sulla vita degli operatori Almaviva e il film con Sabrina Ferilli "Il mondo deve sapere" ambientato in un call center.

Tim reinternalizza le attività un tempo affidate al call center di Almaviva, ma intanto trasferisce 500 suoi operatori dal call center 187 commerciale all'assistenza tecnica interna ed esterna. Inoltre sarà utilizzata maggiormente Telecontact (TCC), la società interna al gruppo Tim i cui operatori sono inquadrati a livelli inferiori di quelli della casa madre e non percepiscono le indennità degli operatori Tim e l'elemento retributivo aziendale.

La crisi è però generalizzata: anche Comdata, azienda piemontese di call center, applica i contratti di solidarietà; e così Teleperformance di Taranto, contratti di solidarietà con il ricatto del licenziamento.

Gli utenti telefonici italiani però non possono certo esultare: continueranno ad essere chiamati più volte al giorno per sentirsi offrire pay Tv e collegamenti in fibra ottica, ma lo faranno operatori rumeni o albanesi che costano meno di dieci euro all'ora, laureati e poliglotti.

Sondaggio
Preferiresti lavorare da casa piuttosto che andare in ufficio?
Sì, ma in azienda non me lo permettono.
No.
Sì, ma solo alcuni giorni alla settimana.
Sì, ma solo alcuni giorni al mese.
Sono costretto a farlo ma preferirei di no.
Non lo so.
Non ho un lavoro.

Mostra i risultati (1854 voti)
Leggi i commenti (17)

La prima avvisaglia di questa crisi era stata la lotta disperata, per mesi e mesi, nel 2015 delle lavoratrici e dei lavoratori di "Time Up", una società che aveva gestito i servizi di call center delle Poste per anni e che aveva visto interrompere la commessa ed eliminati i posti di lavoro.

Intanto è arrivato il Jobs Act con più possibilità di controllare a distanza l'intera prestazione lavorativa minuto per minuto e la possibilità di licenziare i lavoratori "vecchi", tutelati dall'articolo 18 contro i licenziamenti senza giusta causa. Gli stessi lavoratori vengono poi abitualmente ri-assunti a fare lo stesso lavoro in nuove aziende, senza l'ombrello dell'articolo 18 e con il contratto a tutele crescenti: così è stato proposto da Almaviva ai sindacati durante la trattativa, ottenendo il rifiuto di questa soluzione.

Il settore dei call center per un decennio era diventato l'unica industria che dava occupazione in regioni come la Campania, la Calabria e la Sicilia; ma oggi sta rapidamente franando, anche dopo la fine dei generosi incentivi che le regioni del Sud avevano concesso ai call center nel loro territorio. E non erano mancati gli annessi scandali, come la bancarotta fraudolenta di Phonetica/Elitel, con recente processo conclusosi con condanne.

La crisi degli ordinativi, il calo dei consumi in una fase recessiva, la lotta al massimo ribasso per aggiudicarsi le commesse pubbliche dei numeri verdi delle amministrazioni locali e centrali, la diffusione di sistemi on line di vendita e assistenza, sono tutti elementi che hanno dato il colpo di grazia.

L'assistenza al cliente costa e anche questo è uno dei costi che le aziende vogliono tagliare e contenere, a scapito dei loro outsourcer e dei dipendenti di questi.

È difficile che l'industria dei call center in Italia sopravviva fino al 2020. Cosa ne sarà della "generazione call center"? Il "popolo con le cuffiette" intanto ha quasi 40 anni, ha messo su famiglia, fra una chiamata e l'altra nello stesso call center e magari ora sono in due ad aver perso il posto di lavoro.

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con Zeus News ti consigliamo di iscriverti alla Newsletter gratuita. Inoltre puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, inserire un commento (anche anonimo) sotto o segnalare un refuso.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Pier Luigi Tolardo

Approfondimenti
Nel dramma Almaviva la tragedia della povertà italiana
Chiude call center Atesia, 600 in cassa integrazione
Cassa integrazione da marzo per dipendenti Telecom Italia
Lavorare al call center con tutta la vita davanti
Le "parole sante" dei precari di Atesia
Un giudice condanna il precariato nei call center
Gruppo Cos-Finsiel, licenziamenti e Brasile
Atesia divide l'Unione (e il Paese)
Atesia: sui diritti dei lavoratori niente sconti
Licenziati i lavoratori di XCOS-Aci Informatica
Precari, call center e telecomunicazioni
Chi sono gli operatori dei call center Cos
Sempre precario il lavoro in Atesia

Commenti all'articolo (ultimi 5 di 11)

Neanche mettere giù se rispondono dall'estero serve. A loro interessa dare un servizio, non interessa che qualcuno fruisca di quel servizio. H3g invece mi chiede di dare un voto all'operatore che risponde, e non ce n'è, è sempre straniero...posso mettere giù, perchè non capisce ciò che dico, ma se richiamo è sempre da la che rispondono.... Leggi tutto
6-1-2017 12:25

chi spera che questi licenziamenti porteranno ad una riduzione delle chiamate indesiderate sbaglia, anzi aumenteranno, diminuirà la già scarsa competenza media, ed aumenteranno le attivazioni di servizi non richiresti. scommettiamo? io comunque se chiamo vodafone e la vocina mi dice che l'operatore mi risponderà dall'estero metto giù e... Leggi tutto
4-1-2017 18:16

{Paolo Del Bene}
spero che chiudano tutti questi call center di me**a saluti
2-1-2017 19:47

Oh, come sono dispiaciuto, milleseicento persone in meno che potranno rompermi le pa**e al telefono. I call center sono una piaga della società moderna, sia per chi ci lavora che per chi ne subisce il lavoro. E ci sono migliaia di muratori, badanti, elettricisti, guide turistiche (!!!) e altro, TUTTI RUMENI o comunque stranieri, che... Leggi tutto
2-1-2017 17:29

IMHO sarebbe più corretto chiedersi come mai tutto ciò, piuttosto che piangere la chiusura dei call center che, credo, se escludiamo chi ci lavora non penso dispiaccia a qualcuno, specialmente a chi riceve chiamate in continuazione o, peggio, chi si è visto attivare/recapitare servizi/beni mai richiesti Leggi tutto
2-1-2017 16:27

La liberta' di parola e' un diritto inviolabile, ma nei forum di Zeus News vige un regolamento che impone delle restrizioni e che l'utente e' tenuto a rispettare. I moderatori si riservano il diritto di cancellare o modificare i commenti inseriti dagli utenti, senza dover fornire giustificazione alcuna. Gli utenti non registrati al forum inoltre sono sottoposti a moderazione preventiva. La responsabilita' dei commenti ricade esclusivamente sui rispettivi autori. I principali consigli: rimani sempre in argomento; evita commenti offensivi, volgari, violenti o che inneggiano all'illegalita'; non inserire dati personali, link inutili o spam in generale.
E' VIETATA la riproduzione dei testi e delle immagini senza l'espressa autorizzazione scritta di Zeus News (P.Iva 06584100967). Tutti i marchi e i marchi registrati citati sono di proprietà delle rispettive società. Informativa sulla privacy. I tuoi suggerimenti sono di vitale importanza per Zeus News. Contatta la redazione e contribuisci anche tu a migliorare il sito: pubblicheremo sui forum le lettere piu' interessanti.
Sondaggio
Quali sono i rischi maggiori del cloud computing?
Distributed Denial of Service (DDoS): cresce l’impatto dei tempi di indisponibilità di un sito web, che possono costare perdite di milioni di euro in termini di introiti, produttività e immagine aziendale.
Frode: perpetrata da malintenzionati con l’obiettivo di trafugare i dati di un sito e creare storefront illegittimi, o da truffatori che intendono impadronirsi di numeri di carte di credito, la frode tende a colpire - prima o poi - tutte le aziende.
Violazione dei dati: le aziende tendono a consolidare i dati nelle applicazioni web (dati delle carte di credito ma anche di intellectual property, ad esempio); gli attacchi informatici bersagliano i siti e le infrastrutture che le supportano.
Malware del desktop: un malintenzionato riesce ad accedere a un desktop aziendale, approfittandone per attaccare i fornitori o le risorse interne o per visualizzare dati protetti. Come il trojan Zeus, che prende il controllo del browser dell'utente.
Tecnologie dirompenti: pur non essendo minacce nel senso stretto del termine, tecnologie come le applicazioni mobile e il trend del BYOD (bring-your-own-device) stanno cambiando le regole a cui le aziende si sono attenute sino a oggi.

Mostra i risultati (961 voti)
Gennaio 2017
La backdoor in WhatsApp che permette di intercettare i messaggi
Quei titoloni su Draghi, Renzi e Monti ''hackerati'' sono una bufala
Galaxy S8, lo smartphone che è anche un PC
Sì, le smart TV sono infettabili
Dicembre 2016
Quanto guadagna una celebrità da una foto su Instagram o Twitter? Tanto
Il governo si prepara a entrare in Telecom Italia
Arrestato per aver venduto set-top box con Kodi
iPhone 8, lo schermo sarà curvo e di plastica
KickassTorrents è tornato, e stavolta è quello vero
L'aggiornamento di Windows 10 che blocca Internet
Nokia ritorna con due cellulari a basso costo
UE: i set-top box con Kodi sono illegali
Aiuto, il mio Android è in bianco e nero!
Aggiornate Firefox e Tor
Netflix, film e serie TV sono anche offline
Tutti gli Arretrati


web metrics