Major dovrà risarcire il ''pirata'' accusato ingiustamente

Riconosciuto innocente, sarà indennizzato dai suoi accusatori.



[ZEUS News - www.zeusnews.it - 11-01-2017]

pirata risarcito

Capita così di frequente che qualche major intenti cause per migliaia di dollari a singole persone accusate di pirateria che a certe notizie quasi non si fa più caso.

Spesso le prove delle violazioni contestate non ci sono o sono inconcludenti ma capita sovente che, non avendo il denaro necessario a sostenere le spese di un processo, gli accusati preferiscano accordarsi prima di arrivare in tribunale, anche se sono innocenti.

Ora però un giudice americano ha cambiato questa situazione: afferrando al volo l'occasione offertagli da una causa per violazione di copyright, ha stabilito un precedente che potrebbe spingere quanti vengono ingiustamente accusati di pirateria a decidere di combattere, dimostrando che le major non sono invincibili.

Il caso riguarda Thomas Gonzales, un uomo accusato di aver scaricato illegalmente copie del film Mr Cobbler e la bottega magica, una pellicola del 2014 che ha per protagonista Adam Sandler.

L'uomo gestisce un centro di accoglienza per adulti, e gli ospiti hanno libero accesso alla connessione a Internet della struttura: impossibile quindi sapere chi sia l'autore del download.

Pur sapendo tutto ciò, la casa cinematografica ha deciso di procedere ugualmente contro l'intestatario della linea.

Sondaggio
Vuoi effettuare un acquisto online. Il sistema di pagamento richiede l'inserimento dei dati della carta di credito. Quali precauzioni prendi affinché sia una transazione sicura?
Nessuna precauzione. I siti Internet delle grandi compagnie sono ben protetti
Inserisco tutti i dati della carta utilizzando la tastiera virtuale
Digito e poi cancello i dati della carta più volte così il virus si confonde
Aumento il livello di protezione dell'antivirus
Utilizzo la modalità di navigazione in incognito del browser
Uso un proxy anonimo
Controllo di aver digitato il sito Internet correttamente e se si tratta del sito giusto

Mostra i risultati (1043 voti)
Leggi i commenti (16)

Il giudice chiamato a decidere ha però rapidamente concluso che Gonzales non poteva essere ritenuto colpevole. E non s'è fermato qui.

Ha infatti ordinato all'accusa di pagare 17.222 dollari per le spese legali e 255 dollari per altre spese direttamente al signor Gonzales.

«Risarcire Gonzales incoraggerà i futuri accusati che dispongono di una solida difesa a contrastare le accuse, anche se il processo è costoso» ha spiegato il giudice, che in questo modo spera di aver mandato un messaggio a quanti pensano di poter trascinare in tribunale chicchessia anche senza prove.

«Inoltre, e ciò è forse ancora più importante, riconoscere un risarcimento a Gonzales dovrebbe dissuadere l'accusa a continuare questa caccia spropositata a presunti pirati senza avere prove concrete» conclude il giudice.

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con Zeus News ti consigliamo di iscriverti alla Newsletter gratuita. Inoltre puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, inserire un commento (anche anonimo) sotto o segnalare un refuso.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Approfondimenti
Eccessivi 30mila dollari di multa per aver scaricato un torrent
Utente multato di 652.000 dollari per aver condiviso un film
Studente condivide 30 canzoni, multato per 675.000 dollari
JDownloader, megamulta per pirateria
Scaricò dieci film, multato per un milione e mezzo
Scaricava musica, multa di 222 mila dollari

Commenti all'articolo (3)

Certo il solo risarcimento delle spese legali sostenute dalla persona ingiustamente accusata non è molto però a questo vanno aggiunte le spese sostenute per l'accusa e le spese processuale che, se non ricordo male, negli USA sono a carico del soccombente e, alla fine, la cifra pur non essendo molto significativa per questi pescecani è... Leggi tutto
15-1-2017 16:11

Meno di 17.500 dollari di risarcimento, sai che danno all'azienda... Probabilmente ne spendono di più per rifornire le macchinette del caffè
13-1-2017 23:33

{gipo}
Ubi amior, minor cessat. Scommetto che questa sentenza cambierà poco o niente all'atto pratico. Viviamo in società ancora primitive, ne riparliamo fa un migliaio di anni.
11-1-2017 11:52

La liberta' di parola e' un diritto inviolabile, ma nei forum di Zeus News vige un regolamento che impone delle restrizioni e che l'utente e' tenuto a rispettare. I moderatori si riservano il diritto di cancellare o modificare i commenti inseriti dagli utenti, senza dover fornire giustificazione alcuna. Gli utenti non registrati al forum inoltre sono sottoposti a moderazione preventiva. La responsabilita' dei commenti ricade esclusivamente sui rispettivi autori. I principali consigli: rimani sempre in argomento; evita commenti offensivi, volgari, violenti o che inneggiano all'illegalita'; non inserire dati personali, link inutili o spam in generale.
E' VIETATA la riproduzione dei testi e delle immagini senza l'espressa autorizzazione scritta di Zeus News (P.Iva 06584100967). Tutti i marchi e i marchi registrati citati sono di proprietà delle rispettive società. Informativa sulla privacy. I tuoi suggerimenti sono di vitale importanza per Zeus News. Contatta la redazione e contribuisci anche tu a migliorare il sito: pubblicheremo sui forum le lettere piu' interessanti.
Sondaggio
Come vedi il futuro dell'umanità, in ambito scientifico?
Il futuro è nella condivisione delle conoscenze. L'arroganza delle multinazionali nei confronti della proprietà intellettuale è solo il canto del cigno: infatti grazie alle tecnologie il sapere non potrà più essere detenuto da pochi potenti.
Per tutelare ricerche che richiedono investimenti cospicui, la proprietà intellettuale è uno strumento equo e ragionevole. Lo strapotere attuale della grande industria va solo limitato nel tempo ed emendato dagli aspetti più truci.
Lo scenario più probabile è un doppio binario tra scienza proprietaria e open source. La prima coprirà i settori che richiedono investimenti a lungo termine, la seconda quelli in cui la cooperazione raggiunge i risultati migliori.
Il potere si concentra dove c'è il denaro. Volenti, o nolenti, i big dell'economia mondiale si accaparreranno tutte le fonti di conoscenza, e sapranno farle fruttare a dovere, per il bene dell'umanità.

Mostra i risultati (1129 voti)
Luglio 2017
L'antivirus gratuito di Kaspersky
Adobe annuncia la morte di Flash
In arrivo Play Protect, ''antivirus'' di Google per Android
Come violare Facebook con un vecchio numero di telefono
La Camera approva data retention a 6 anni, infilato in emendamento su sicurezza ascensori
Antibufala: il video delle ''scie chimiche'' giganti
Gli autovelox non possono rilevare i veicoli della corsia opposta
TIM chiude il data center di Bari
Addio, Windows Phone 8.1
Usare il font sbagliato può costare il posto. O mandare in carcere
Nascosto ma non troppo: la minaccia occulta della steganografia
Come riconoscere una foto falsa
Buran: gli Shuttle sovietici ripresi di nascosto
Autovelox, via tutte le segnalazioni e gli avvisi
Cosa devono fare gli utenti al più presto
Tutti gli Arretrati


web metrics