Intel anticipa i Core di ottava generazione

Le CPU Coffee Lake offrono prestazioni superiori del 15% rispetto alla generazione attuale.



[ZEUS News - www.zeusnews.it - 13-02-2017]

core 8 generazione

Dopo l'abbandono della strategia Tick-Tock con il lancio dei processori Core di settima generazione (Kaby Lake), Intel sembrava aver inaugurato una politica di rilascio delle CPU molto più tranquilla.

Secondo il nuovo modello Process, Architecture, Optimization (POA) l'ottava generazione di CPU Core, nota con il nome in codice di Cannon Lake, costruita a 10 nanometri e corrispondente a una nuova fase Process, non avrebbe dovuto debuttare fino al 2018.

Invece, il gigante di Santa Clara ha annunciato che l'ottava generazione di Core si chiamerà Coffee Lake, che sarà lanciata nella seconda metà del 2017 e che i processori costruiti secondo questa architettura saranno ancora realizzati a 14 nanometri come i Kaby Lake.

Intel sembra insomma aver già abbandonato anche il modello POA, per motivi che l'azienda ha preferito non divulgare.

Le CPU Core di ottava generazione promettono di regalare agli utenti un aumento delle prestazioni pari al 15% rispetto agli equivalenti processori Kaby Lake: per il momento, è questa l'unica novità annunciata ufficialmente.

Voci di corridoio sostengono che la linea di nuovi processori comprenderà un modello di Core i7 con sei core, un'opzione che per ora è disponibile soltanto nelle linee Xeon ed Extreme Edition.

Non è dato sapere quando Intel si deciderà per il passaggio ai 10 nanometri con l'architettura che l'anno scorso era stata annunciata con il nome in codice di Cannon Lake, ma da Santa Clara fanno sapere che quando queste CPU saranno finalmente prodotte i primi ad averle saranno i datacenter: soltanto in un secondo momento saranno disponibili anche per gli utenti comuni.

Sondaggio
Qual è il componente del PC che aggiornerai per primo?
Scheda Wi-Fi
Mouse
Tastiera
Scheda audio
Hard disk
RAM
Schermo
Scheda video
Processore
Tutto il PC

Mostra i risultati (1758 voti)
Leggi i commenti (10)

Stando così le cose, non sarà Intel ma Qualcomm a produrre i primi chip a 10 nanometri: presto debutterà infatti il SoC Snapdragon 835, progettato in collaborazione con Samsung.

Si dice che permetterà una riduzione dei consumi pari al 40% rispetto alla generazione attuale, e che consentirà di ridurre le dimensioni dei processori del 30%.

Intel 8th Generation Core
(Fai clic sull'immagine per visualizzarla ingrandita)

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con Zeus News ti consigliamo di iscriverti alla Newsletter gratuita. Inoltre puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, inserire un commento (anche anonimo) sotto o segnalare un refuso.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Approfondimenti
Intel lancia i Core di settima generazione
Intel lancia i Core di sesta generazione
Intel si prepara ai 22 nanometri

Commenti all'articolo (3)

{Didi}
Dopo il recente annuncio (e demo) di MS, dove fa girare Windows 10 Full su ARM (con emulatore per il SW legacy x86) la vedo un po' male per Intel. Prevedo a breve dei PC ARM based. Oscuro il futuro è, sempre in movimento.
17-2-2017 08:50

Infatti pagare centinaia di euro in più - come solitamente avviene con le nuove uscite - per un processore che promette un miglioramento di prestazioni del 15 % (se va bene 7/8 % effettivo) è veramente una fuffa...
16-2-2017 19:03

{kidbrooke}
Sarebbe ora di cambiare tecnologia, per dare uno spunto al mercato dei desktop e dei server. Hanno stufato persino chi ne sa poco, con questo arrivare fino al limite della tecnologia del silicio per spremere ridicoli avanzamenti prestazionali vendendoli a caro prezzo. Anche il marketing ha i suoi limiti, in assenza di sostanza.
15-2-2017 16:07

La liberta' di parola e' un diritto inviolabile, ma nei forum di Zeus News vige un regolamento che impone delle restrizioni e che l'utente e' tenuto a rispettare. I moderatori si riservano il diritto di cancellare o modificare i commenti inseriti dagli utenti, senza dover fornire giustificazione alcuna. Gli utenti non registrati al forum inoltre sono sottoposti a moderazione preventiva. La responsabilita' dei commenti ricade esclusivamente sui rispettivi autori. I principali consigli: rimani sempre in argomento; evita commenti offensivi, volgari, violenti o che inneggiano all'illegalita'; non inserire dati personali, link inutili o spam in generale.
E' VIETATA la riproduzione dei testi e delle immagini senza l'espressa autorizzazione scritta di Zeus News (P.Iva 06584100967). Tutti i marchi e i marchi registrati citati sono di proprietà delle rispettive società. Informativa sulla privacy. I tuoi suggerimenti sono di vitale importanza per Zeus News. Contatta la redazione e contribuisci anche tu a migliorare il sito: pubblicheremo sui forum le lettere piu' interessanti.
Sondaggio
A Milano l'Ecopass si è trasformato in congestion charge: si paga per accedere al centro anche se si ha un'auto poco inquinante. Sei d'accordo?
Sono favorevole a questo modello, per le grandi città: bisogna usare meno l'auto.
Sono contrario in generale: non serve, è solo una tassa per spillare quattrini ai cittadini.
Era meglio il vecchio modello, in cui le auto meno inquinanti non pagavano (o pagavano di meno).
Il problema non mi tocca: non vivo e non vado mai né a Milano né in altre grandi città.

Mostra i risultati (2092 voti)
Marzo 2017
Come violare un account Windows in un minuto
Hai un processore nuovo? Non potrai aggiornare Windows
Come disabilitare i video che partono da soli nei siti Web
Monaco lascia Linux soltanto per motivi politici
Il senatore Bartolomeo Pepe e le ''scie chimiche''
Inflazione e tassi bassi? Ecco perché dire addio al conto corrente
Tagliando assicurativo e dematerializzazione, difficoltà per gli anziani
Il malware che cancella l'hard disk
Quel crack per Mac fa un patatrac
L'altro ieri siete stati buttati fuori dal vostro account Google?
Febbraio 2017
Google ha violato la crittografia SHA-1
Il malware che ti spia dal microfono del PC
WhatsApp attiva l'antifurto: verifica in due passaggi
Il sito per stalkerare chiunque su Facebook
Monaco molla Linux e torna a Windows
Tutti gli Arretrati


web metrics