Tagliando assicurativo e dematerializzazione, difficoltà per gli anziani

La metà degli automobilisti non sa cosa fare in caso di controllo.



[ZEUS News - www.zeusnews.it - 09-03-2017]

tagliando assicurazione auto

L'entrata in vigore del provvedimento che ha abolito l'obbligo di esporre il tagliando assicurativo ha ormai più di un anno, ma quasi il 50% degli italiani non ha ancora le idee chiare su quello che comporta. A rilevarlo è l'indagine "Stetoscopio - Il sentire degli assicurati italiani", promossa dalla compagnia assicurativa online QUIXA e condotta dall'istituto di ricerca MPS Evolving Marketing Research.

Ben il 47% degli intervistati non sa dire quali documenti sia necessario mostrare in caso di controlli da quando è stato abolito l'obbligo di esibire il tagliandino sul parabrezza dell'auto, affidando direttamente alle compagnie assicurative il compito di segnalare le polizze emesse in un'apposita banca dati.

Nello specifico, quasi 3 italiani su 10 pensano che sia ancora necessario avere il tagliando al seguito anche se non in bella vista, per mostrarlo in caso di richiesta da parte delle autorità. Il 5% crede, invece, che non serva più portare con sé nessun documento, mentre il 14% non ha idea di come comportarsi. Solo il 53% degli italiani sa che a seguito della dematerializzazione del tagliando occorre portare al seguito il certificato di assicurazione.

Le più incerte sono le donne: meno della metà (il 49%) ne è informata, contro il 57% degli uomini. I più preparati sono invece i cittadini del Centro, che nel 59% dei casi hanno dato la risposta corretta, mentre la conoscenza più bassa si registra nel Nord Est (49%).

A chiarire i dubbi sulle modalità di controllo stanno progressivamente contribuendo le comunicazioni dei diversi organi competenti. Una circolare del Ministero dell'Interno ha confermato, ad esempio, la possibilità per gli automobilisti di esibire il certificato di assicurazione in formato digitale: un'indicazione importante, dato che in molti ormai ricevono i documenti di polizza via mail e gestiscono l'assicurazione dallo smartphone. All'interno dell'app messa a disposizione da Quixa, ad esempio, è possibile trovare sempre il certificato di assicurazione e mostrarlo in caso di controlli.

Sondaggio
Secondo te, gli autovelox e i sistemi automatici di rilevamento...
Contribuiscono a rendere più sicure le strade.
Sono dei mangiasoldi utilizzati senza ritegno dalle amministrazioni locali.
Vanno evitati e contrastati con tutte le tecnologie a disposizione.

Mostra i risultati (6821 voti)
Leggi i commenti (23)

Nonostante le incertezze che ancora rimangono su questo punto, tuttavia, la digitalizzazione in campo assicurativo nel complesso è giudicata in maniera molto positiva dagli intervistati: apprezzano sia l'automatizzazione dei servizi, sia l'uso della posta elettronica in sostituzione di quella tradizionale, sia le assicurazioni online. Inaspettatamente, però, l'entusiasmo scende quando si pensa al generale processo di digitalizzazione in atto anche per molti altri servizi, pubblici e privati, utilizzati quotidianamente dai cittadini.

L'informatizzazione di certificazioni, moduli e bollette fa felici i giovani, ma allo stesso tempo li preoccupa quando pensano alle possibili difficoltà di genitori e nonni. Pensando a se stesso, 1 italiano su 2 sarebbe contento di poter gestire tutti i servizi via web, una percentuale che arriva al 57% nella fascia d'età tra i 18 e i 44 anni.

A preoccupare, però, sono i "nonni" e le fasce meno digitalizzate: ben il 96% degli italiani crede che le persone anziane o meno abituate alla tecnologia potrebbero trovarsi in difficoltà nel gestire richieste e servizi via web, perché non hanno le competenze necessarie.

Non è un caso, in effetti, che il 61% degli over45 dichiari di trovare scomodo richiedere PIN, effettuare registrazioni o ricordare password. Colpisce, invece, in maniera trasversale il timore di imbattersi in disservizi dovuti a problemi tecnici o alla mancanza di formazione del personale addetto alle nuove procedure, espresso dal 69% degli intervistati di tutte le età. La privacy preoccupa, infine, il 61% del campione.

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con Zeus News ti consigliamo di iscriverti alla Newsletter gratuita. Inoltre puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, inserire un commento (anche anonimo) sotto o segnalare un refuso.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Commenti all'articolo (ultimi 5 di 6)

@ diritto Sono italiano, nato in Italia e sempre vissuto in Italia, certi aspetti che tu stigmatizzi nel tuo post li sento e li vivo anch'io e li sopporto con poco entusiasmo anzi, ne farei proprio volentieri a meno. Ma da qui a dire che qualsiasi aspetto legato al pubblico o, come in questo caso, ad un dettaglio del rapporto con chi è... Leggi tutto
19-3-2017 14:49

{diritto}
@ Gladiator Non ti sembra possibile perché non sei italiano. Se lo fossi, sapresti che in italia tutto quanto è pubblico è relativo, nascosto o semi-nascosto, conflittuale e comunque soggetto all'arroganza di chiunque abbia un minimo di potere o ha una divisa e si sveglia male la mattina. Persino quando ci sono... Leggi tutto
18-3-2017 17:38

In effetti mi sembra molto strano avere dubbi in merito a questo tema, l'unica differenza rispetto a prima è che non c'è più alcun tagliando da esporre. Anche la mia assicurazione online spiega chiaramente cosa devo avere ora con me in automobile per essere in regola. Mi sembra veramente impossibile che il 47 % degli italiani non... Leggi tutto
18-3-2017 15:02

{gando}
La burocrazia non va dematerializzata, va eliminata, per quanto possibile. Ogni articolo di una legge o regolamento significa soldi per la sua messa in pratica e per il suo controllo, senza contare la qualità della vita del cittadino in una società iper-burocratizzata come la nostra, sempre più in declino. Nello... Leggi tutto
15-3-2017 09:02

Che cazzate! Ho appena rinnovato la polizza RCA e nella documentazione c'è scritto bello chiaro cosa devo avere sempre con me in auto e cosa faranno le Forze dell'Ordine in caso di controllo. Se non si tratta di gente totalmente analfabeta (indipendentemente dal titolo di studio) o di conducenti che hanno ottenuto la patente di guida... Leggi tutto
13-3-2017 15:17

La liberta' di parola e' un diritto inviolabile, ma nei forum di Zeus News vige un regolamento che impone delle restrizioni e che l'utente e' tenuto a rispettare. I moderatori si riservano il diritto di cancellare o modificare i commenti inseriti dagli utenti, senza dover fornire giustificazione alcuna. Gli utenti non registrati al forum inoltre sono sottoposti a moderazione preventiva. La responsabilita' dei commenti ricade esclusivamente sui rispettivi autori. I principali consigli: rimani sempre in argomento; evita commenti offensivi, volgari, violenti o che inneggiano all'illegalita'; non inserire dati personali, link inutili o spam in generale.
E' VIETATA la riproduzione dei testi e delle immagini senza l'espressa autorizzazione scritta di Zeus News (P.Iva 06584100967). Tutti i marchi e i marchi registrati citati sono di proprietà delle rispettive società. Informativa sulla privacy. I tuoi suggerimenti sono di vitale importanza per Zeus News. Contatta la redazione e contribuisci anche tu a migliorare il sito: pubblicheremo sui forum le lettere piu' interessanti.
Sondaggio
Quando fai la spesa, qual è tra questi il profilo in cui ti ritrovi maggiormente?
Vado dritto verso quello che devo comprare e non perdo tempo: guardo solo le caratteristiche del prodotto e quanto costa.
Leggo sempre attentamente le etichette dei prodotti.
Per me gli acquisti sono necessari per una vita piena e appagante.
Per me il prezzo è più importante della marca.
Preferisco essere servito piuttosto che servirmi da solo.

Mostra i risultati (606 voti)
Aprile 2017
Il motore di ricerca BitTorrent personale e inaffondabile
L'attacco phishing impossibile da rilevare
WikiLeaks: Ecco come fa la CIA a violare Windows
La startup che impianta microchip nei dipendenti
''Perché mai dovrebbero rubarmi o clonarmi il profilo Facebook?''
Falla nei chip Wi-Fi, milioni di smartphone vulnerabili
Ubuntu abbandona Unity
Windows 10, il Creators Update è già disponibile
Marzo 2017
''Windows 10 ha distrutto il mio PC'' e fa causa a Microsoft
Wikileaks rivela il ''cacciavite sonico'' della CIA per colpire i Mac
Come violare un account Windows in un minuto
Hai un processore nuovo? Non potrai aggiornare Windows
Come disabilitare i video che partono da soli nei siti Web
Monaco lascia Linux soltanto per motivi politici
Il senatore Bartolomeo Pepe e le ''scie chimiche''
Tutti gli Arretrati


web metrics