Il tappetino che ricarica il mouse

Con il Logitech G Powerplay non si rischia più di restare a corto di energia.



[ZEUS News - www.zeusnews.it - 16-06-2017]

logitech powerplay

I tappetini per mouse, che un tempo ornavano pressoché ogni scrivania, con l'andar del tempo sono divenuti merce sempre più rara.

Logitech ha deciso di riportare in auge questo accessorio, ma adattandolo ai tempi: il Logitech G Powerplay non è più un semplice piano d'appoggio ma una base di ricarica senza fili per evitare che il mouse wireless resti senza energia proprio sul più bello.

In un ambiente d'ufficio forse tutta questa tecnologia - per sviluppare la quale l'azienda svizzera afferma di aver impiegato quattro anni - sarebbe forse sprecata, e infatti il tappetino che ricarica il mouse fa parte della linea Powerplay, dedicata ai videogiocatori.

Sondaggio
Come ti colleghi a Internet da casa?
Fibra ottica 300 Mega o superiore
Fibra ottica 100-200 Mega
Fibra ottica 20-50 Mega
Fibra ottica 10 Mega
Adsl 20 Mega o superiore
Adsl fino a 10 Mega
Adsl fino a 5 Mega
Adsl fino a 2 Mega
Smartphone
Chiavetta
Via Satellite
Wi-Max

Mostra i risultati (1225 voti)
Leggi i commenti (1)

Disponibile con una serie di mouse compatibili, il tappetino adotta una soluzione proprietaria per ricaricare le periferiche wireless: in questo modo è l'intera superficie a funzionare come caricabatterie e non soltanto un angolo della stessa, come accade per certe soluzioni concorrenti.

Il Logitech G Powerplay arriverà sul mercato in agosto e costerà 99,99 dollari. I primi due mouse compatibili saranno il G903 e il G703, che costeranno rispettivamente 149,99 dollari e 99,99 dollari. Saranno in vendita entro la fine di giugno.

Logitech Powerplay 2
(Fai clic sull'immagine per visualizzarla ingrandita)
Logitech Powerplay
(Fai clic sull'immagine per visualizzarla ingrandita)

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con Zeus News ti consigliamo di iscriverti alla Newsletter gratuita. Inoltre puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, inserire un commento (anche anonimo) sotto o segnalare un refuso.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Approfondimenti
Da Logitech una tastiera per smartphone e tablet insieme
Tappate la webcam, lo fanno anche gli esperti
Harmony di Logitech vira sul touch
La tastiera che si può lavare sotto l'acqua
Da Logitech un mouse strapieno di tasti

Commenti all'articolo (3)

:? il rapporto costi/benefici rispetto a tenere nel cassetto un paio di pile di scorta mi lascia un po' perplessa Leggi tutto
20-6-2017 10:55

{utente anonimo}
Traduzione: il filo arriva fino al tappetino anziché direttamente al mouse. Riflessione: Se non ti servono chissà che prestazioni in termini di tempo di risposta (99 per cento dell'utenza, quelli che col pc ci lavorano e un po' giocano) e non vuoi l'impedimento dei fili, prendi un mouse wireless col tappetino... Leggi tutto
15-6-2017 14:31

{piero}
Invece di avere fra le b**** il filo del mouse ci sarà quello del tappetino... Geniale!
15-6-2017 14:26

La liberta' di parola e' un diritto inviolabile, ma nei forum di Zeus News vige un regolamento che impone delle restrizioni e che l'utente e' tenuto a rispettare. I moderatori si riservano il diritto di cancellare o modificare i commenti inseriti dagli utenti, senza dover fornire giustificazione alcuna. Gli utenti non registrati al forum inoltre sono sottoposti a moderazione preventiva. La responsabilita' dei commenti ricade esclusivamente sui rispettivi autori. I principali consigli: rimani sempre in argomento; evita commenti offensivi, volgari, violenti o che inneggiano all'illegalita'; non inserire dati personali, link inutili o spam in generale.
E' VIETATA la riproduzione dei testi e delle immagini senza l'espressa autorizzazione scritta di Zeus News (P.Iva 06584100967). Tutti i marchi e i marchi registrati citati sono di proprietà delle rispettive società. Informativa sulla privacy. I tuoi suggerimenti sono di vitale importanza per Zeus News. Contatta la redazione e contribuisci anche tu a migliorare il sito: pubblicheremo sui forum le lettere piu' interessanti.
Sondaggio
Fidanzati sospettosi o inguaribili diffidenti, qual è la vostra arma preferita tra quelle che Facebook mette a disposizione di voi gelosoni per controllare il vostro partner?
I cuoricini in bacheca: un segno per far sentire sempre e dovunque la propria presenza, nonché un espediente per marcare il territorio del partner.
L'applicazione "Chi ti segue di più?": bisogna convincere il partner a usare questa applicazione (apparentemente innocua) per scovare eventuali vittime da annotare sulla propria black list.
Facebook Places: permette di taggare compulsivamente il partner e rendere noto al mondo intero il fatto che lei e il suo lui si trovano sempre insieme.
L'auto tag nelle foto: indispensabile strumento per essere certi di ricevere notifiche qualora un'altra persona osasse commentare o piazzare "Mi piace" alle foto del/della partner.
I commenti minatori: il simpatico approccio ossessivo-compulsivo verso chi tagga il partner o ne invade la bacheca. Di solito consiste in un discreto: "Che bello il MIO amore!"
Il profilo Facebook in comune: un unico profilo scoraggia anche il più audace dei rivali dal tentare un approccio.
La password nota al partner: Della serie: "Amore, se non mi nascondi niente allora posso avere la tua password?". Nessun messaggio di posta, commento o notifica è al sicuro.
Il tasto "Rimuovi dagli amici": una volta in possesso della password del partner, qualsiasi rivale dalla foto profilo provocante o la cui identità è sconosciuta verrà subito rimosso dagli amici.
La trappola: spacciandosi per il partner (password nota), si inizia a contattare i presunti rivali e testare le loro intenzioni con domande e allusioni per far cadere in trappola anche i più astuti.
Il Mi piace minatorio: post, foto, tag, nuove amicizie sono regolarmente marchiati da un Mi piace del partner. Dietro una parvenza di apprezzamento, dimostrano quanto in realtà NON piaccia l'elemento.

Mostra i risultati (354 voti)
Giugno 2017
Ransomware russo, oltre al danno la beffa: i dati non si recuperano
I medici americani: i lampioni a Led fanno male
Dove vanno a finire le foto mandate tramite WhatsApp?
Le torri di Amazon per i droni
Microsoft: ''Sì, disabilitiamo gli antivirus. Per il bene degli utenti''
Banda larga, scontro assurdo fra Tim e Governo
Il caso del sindacalista che criticava gli stipendi d'oro
Italia, via libera al trojan di Stato
Difendersi dalle app-truffa presenti nell'App Store di Apple
Roaming dati nell'UE ''gratuito'' da ieri: occhio alle sorprese
Firefox 54, più sicuro con la sandbox e più leggero
Il link che infetta il Pc senza nemmeno dover cliccare
Ecco come vengono sfruttati in concreto i dati delle nostre navigazioni
Windows 10, un assaggio del Fall Creators Update
Dai gattini bonsai alla disinformazione pianificata
Tutti gli Arretrati


web metrics