Sondaggio
Quale tra queste tecniche diffusamente utilizzate dagli hacker ti sembra la più pericolosa?
1. Violazione di password deboli: l'80% dei cyberattacchi si basa sulla scelta, da parte dei bersagli, di password deboli, non conformi alle indicazioni per scegliere una password robusta.
2. Attacchi di malware: un link accattivante, una chiave USB infetta, un'applicazione (anche per smartphone) che non è ciò che sembra: sono tutti sistemi che possono installare malware nei PC.
3. Email di phishing: sembrano messaggi provenienti da fonti ufficiali o personali ma i link contenuti portano a siti infetti.
4. Il social engineering è causa del 29% delle violazioni di sicurezza, con perdite per ogni attacco che vanno dai 25.000 ai 100.000 dollari e la sottrazione di dati.
5. Ransomware: quei programmi che "tengono in ostaggio" i dati dell'utente o un sito web finché questi non paga una somma per sbloccarli.

Mostra i risultati (928 voti)
Marzo 2015
Come riutilizzare uno smartphone
L'auto che evita di prendere multe per eccesso di velocità
Windows 10 sarà gratis anche per i pirati
Microsoft manda in pensione Internet Explorer dopo 20 anni
La chiavetta Usb che ti frigge il Pc
La falla FREAK è risolta
Chi ha inventato la correzione automatica?
Non ridete: i colori di quel vestito virale sono una cosa seria
Spostare la barra delle applicazioni, registrare ciò che avviene sul desktop
L'Europa vuole Internet a due velocità
Nerdcensione: Cinquanta Sfumature di Grigio
Febbraio 2015
Eliminare i file superflui, aprire il prompt ovunque e limitare l'UAC
WhatsApp, arrivano le chiamate vocali
Lenovo ha preinstallato malware sui suoi PC
Velocizzare Windows all'avvio, selezionare più file senza la tastiera
Tutti gli Arretrati

Cappuccetto Rosso (7)

E' un problema topologico.



[ZEUS News - www.zeusnews.it - 05-11-2004]

- Ma che sistema cretino è mai questo? - rifletté ad alta voce mentre aspettava fermo in coda a causa di una collisione fra pacchetti su un'autostrada telematica - Perché devo fare tutti questi giri? Perché non ci sono dei collegamenti diretti fra server e server?

Fu allora che una suadente voce alle sue spalle chiese:
- Connessioni dirette? Ho sentito parlare di connessioni dirette?

Si trattava di un router, ma non quello verso cui era diretto Cappuccetto Rosso.

- Mi spiace se l'ho disturbata, signore, stavo riflettendo ad alta voce.
- Qual è il tuo problema, piccolo pacchetto di dati? - chiese il router.
- Il mio nome è Cappuccetto Rosso e devo portare questo codice al server della Nonna. - rispose meccanicamente Cappuccetto Rosso, aggiungendo poi - È che non capisco la ragione di tutti questi rimbalzi da un router all'altro. Non sarebbe meglio se ci fosse un router centrale che smista poi le richieste ai diversi server?

- Eh, mio caro Cappuccetto Rosso, il tuo è un problema topologico! - esclamò l'altro.
- Prego? - chiese Cappuccetto Rosso
- La topologia a maglie è molto più sicura, ma per voi pacchetti, è una bella seccatura. - poetò il router - Alle volte, però, basta solo un po' di fortuna...
- Fortuna?
- E tu sei fortunato, ragazzino: si dà il caso che io abbia un collegamento diretto proprio con il server della Nonna.

Continua...

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con Zeus News ti consigliamo di iscriverti alla Newsletter gratuita. Inoltre puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, inserire un commento (anche anonimo) sotto o segnalare un refuso.

Commenti all'articolo (0)


La liberta' di parola e' un diritto inviolabile, ma nei forum di Zeus News vige un regolamento che impone delle restrizioni e che l'utente e' tenuto a rispettare. I moderatori si riservano il diritto di cancellare o modificare i commenti inseriti dagli utenti, senza dover fornire giustificazione alcuna. Gli utenti non registrati al forum inoltre sono sottoposti a moderazione preventiva. La responsabilita' dei commenti ricade esclusivamente sui rispettivi autori. I principali consigli: rimani sempre in argomento; evita commenti offensivi, volgari, violenti o che inneggiano all'illegalita'; non inserire dati personali, link inutili o spam in generale.


web metrics