Velocizzare Firefox per la banda larga

Alcune semplici modifiche ai parametri del browser libero aumentano drasticamente le sue prestazioni di visualizzazione delle pagine Web per chi ha connessioni veloci.



[ZEUS News - www.zeusnews.it - 03-01-2005]

Il sito Forevergeek propone una modifica del browser Firefox dai risultati decisamente spettacolari in fatto di maggiore velocità di caricamento e visualizzazione delle pagine.

Come tutte le modifiche al cuore di un programma, va affrontata con calma e cautela, e i risultati possono variare a seconda della potenza del computer e della connessione a Internet, ma i miei test personali indicano un netto miglioramento della velocità di caricamento delle pagine Web complesse e ricche di immagini, perlomeno in termini di velocità percepita.

Se volete sperimentare queste modifiche, procedete come segue:

  1. In Firefox, digitate about:config nella casella dell'indirizzo, senza digitare spazi dopo il simbolo "due punti". Questo fa comparire un lunghissimo elenco di parametri di configurazione.

  2. Nei prossimi passi cercherete alcuni di questi parametri: se digitate l'inizio del nome del parametro nella casella Filter (Filtro), l'elenco mostrerà soltanto i parametri che iniziano con quella sequenza di lettere, semplificando la ricerca.

  3. Cercate la voce network.http.pipelining, cliccatevi sopra con il pulsante destro (o fate Ctrl-clic se usate un Mac) e scegliete Toggle (Imposta), in modo che il parametro assuma il valore true (il valore di default, se volete tornare indietro, è false).

  4. Cercate la voce network.http.proxy.pipelining, cliccatevi sopra con il pulsante destro, come nel passo precedente, e scegliete ancora Toggle (Imposta), in modo che il parametro assuma il valore true (anche qui il valore di default, se volete tornare indietro, è false).

  5. Cercate la voce network.http.pipelining.maxrequests, cliccatevi sopra col pulsante destro come nei passi precedenti, scegliete Modify (Modifica) e impostate questo parametro a un valore non superiore a 30 (16 sembra essere un buon compromesso; il default è 4).

  6. L'ultimo passo è un po' più complicato. Cliccate con il pulsante destro in qualsiasi punto dell'elenco dei parametri di Firefox e scegliete New (Nuovo) e poi Integer (Intero). Nella finestra di dialogo che compare, immettete nglayout.initialpaint.delay; nella finestra di dialogo successiva, immettete zero.

A questo punto, senza dover riavviare Firefox, provate a caricare qualche pagina. Dovreste notare una netta riduzione dei tempi di caricamento e visualizzazione di testo e immagini.

Ricordate che queste modifiche sono utilizzabili efficacemente soltanto su connessioni veloci (ADSL e simili) e possono causare un carico aggiuntivo sul vostro processore: su un computer poco vivace possono addirittura rallentare la visualizzazione. Alcuni siti, inoltre, potrebbero dare problemi di presentazione delle pagine. Se notate intoppi, ripristinate il tutto alla situazione originale cliccando con il pulsante destro sui singoli parametri modificati e scegliendo Reset (Azzera).

Buona ipernavigazione!

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con Zeus News ti consigliamo di iscriverti alla Newsletter gratuita. Inoltre puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, inserire un commento (anche anonimo) sotto o segnalare un refuso.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Paolo Attivissimo

Commenti all'articolo (ultimi 5 di 34)

{Alberto}
aiuto! problemi firefox e web accell Leggi tutto
11-6-2008 10:33

{utente anonimo}
Funziona anche per connessioni umts!!
16-2-2008 20:11

{krensauce}
1) Secondo me ottimizzare Firefox in questo modo non aumenta in maniera così evidente i punteggi nei benchmark della banda, anche se lo fa nella navigazione delle pagine web, in quanto ora vengono caricati molti più oggetti contemporaneamente. 2) Io preferisco accedere a queste e molte altre ottimizzazioni in modo più user-friendly con... Leggi tutto
7-6-2007 21:06

anche io ho riscontrato un notevole miglioramento grazie a tutti ------- edit by ioSOLOio la richiesta di aiuto per FF che non si connette alla rete è stata spostata qua.
2-11-2005 13:18

Ho fatto un bandwith test e sono passato da 526.8 kb/s a 618.2 :D Grazie mille dell'aiuto :)
2-11-2005 11:19

La liberta' di parola e' un diritto inviolabile, ma nei forum di Zeus News vige un regolamento che impone delle restrizioni e che l'utente e' tenuto a rispettare. I moderatori si riservano il diritto di cancellare o modificare i commenti inseriti dagli utenti, senza dover fornire giustificazione alcuna. Gli utenti non registrati al forum inoltre sono sottoposti a moderazione preventiva. La responsabilita' dei commenti ricade esclusivamente sui rispettivi autori. I principali consigli: rimani sempre in argomento; evita commenti offensivi, volgari, violenti o che inneggiano all'illegalita'; non inserire dati personali, link inutili o spam in generale.
E' VIETATA la riproduzione dei testi e delle immagini senza l'espressa autorizzazione scritta di Zeus News (P.Iva 06584100967). Tutti i marchi e i marchi registrati citati sono di proprietà delle rispettive società. Informativa sulla privacy. I tuoi suggerimenti sono di vitale importanza per Zeus News. Contatta la redazione e contribuisci anche tu a migliorare il sito: pubblicheremo sui forum le lettere piu' interessanti.
Sondaggio
Quali sono i rischi maggiori del cloud computing?
Distributed Denial of Service (DDoS): cresce l’impatto dei tempi di indisponibilità di un sito web, che possono costare perdite di milioni di euro in termini di introiti, produttività e immagine aziendale.
Frode: perpetrata da malintenzionati con l’obiettivo di trafugare i dati di un sito e creare storefront illegittimi, o da truffatori che intendono impadronirsi di numeri di carte di credito, la frode tende a colpire - prima o poi - tutte le aziende.
Violazione dei dati: le aziende tendono a consolidare i dati nelle applicazioni web (dati delle carte di credito ma anche di intellectual property, ad esempio); gli attacchi informatici bersagliano i siti e le infrastrutture che le supportano.
Malware del desktop: un malintenzionato riesce ad accedere a un desktop aziendale, approfittandone per attaccare i fornitori o le risorse interne o per visualizzare dati protetti. Come il trojan Zeus, che prende il controllo del browser dell'utente.
Tecnologie dirompenti: pur non essendo minacce nel senso stretto del termine, tecnologie come le applicazioni mobile e il trend del BYOD (bring-your-own-device) stanno cambiando le regole a cui le aziende si sono attenute sino a oggi.

Mostra i risultati (928 voti)
Settembre 2016
La stufetta a candele che non consuma elettricità
Come vedere tutto quello che avete mai cercato in Google
Hissgate, il fastidioso fischio dell'iPhone 7
Rubati sei milioni di username e password conservati in chiaro
iPhone 7, le cose realmente da sapere
Android nei guai: falle critiche e app infette
Truffatori online rubano 40 milioni di euro a un'azienda tedesca
Rubare le credenziali di accesso a un PC in 20 secondi
UE: stop alle tariffe di roaming, ma col trucco
Siete nel mondo reale: guardatevi intorno e non fate gli stupidi
Sesso e porno sul MegaUpload dell'FBI
Agosto 2016
WhatsApp condivide i dati dell'utente con Facebook
La realtà virtuale di Google è pronta al lancio
Android 7.0 Nougat, ecco le novità
L'NSA si lascia sfuggire armi informatiche segrete
Tutti gli Arretrati


web metrics