Zeus News è un notiziario dedicato a quanto avviene nel mondo di Internet, dell'informatica, delle nuove tecnologie e della telefonia fissa e mobile: non è un semplice amplificatore di comunicati stampa ma riserva ampio spazio ai commenti e alle riflessioni, proponendosi quale punto di osservazione libero e indipendente.

Sondaggio
Con quale delle seguenti affermazioni, tutte relative a siti che vendono coupon e buoni sconto online, concordi di più? (Se vuoi dare risposte multiple utilizza i commenti)
Sono un cliente abituale dei siti di coupon e in generale posso dichiararmi soddisfatto delle promozioni attivate tramite questo mezzo innovativo.
Apprezzo i coupon soprattutto per provare quelle strutture dove non sono mai stato, o servizi che non ho mai utilizzato prima.
Acquisto talvolta i coupon ma purtroppo molte volte non riesco a utilizzarli prima della loro scadenza, pertanto penso di diminuire questa attività o di continuare a farlo saltuariamente.
Acquisto i coupon soprattutto per usufruire dello sconto e raramente acquisto nuovamente un servizio o torno in una struttura a "prezzo pieno".
Solitamente acquisto un coupon soltanto se conosco già la struttura o il servizio offerto, non voglio fregature.
Mi è capitato spesso di prendere delle fregature o di non essere servito alla stregua degli altri clienti, pertanto penso che non acquisterò più coupon.
Non ho mai acquistato un coupon.

Mostra i risultati (943 voti)
Luglio 2014
Il ginecologo che fotografava le donne nude
L'uomo-wiki
BeppeGrillo.it e i macachi di Modena
Gli italiani telefonano di meno, è proprio crisi
Android L aumenta drasticamente la vita della batteria
Tim e Vodafone, gli avvisi diventano a pagamento
La tassa sull'equo compenso e il governo Renzi
Gmail, eliminare la posta già spedita
La Guardia di Finanza oscura DDLStorage
Mondiali di calcio in streaming su Internet
No-IP non funziona, la colpa è di Microsoft
Spyware di stato: le app spione del governo
Giugno 2014
Mappe offline sullo smartphone
Roaming traffico dati, dal 1 luglio costi dimezzati
Bitcoin Generation
Tutti gli Arretrati

Niente Adsl a Roma

Il digital divide non riguarda solo zone rurali o di montagna ma la stessa cità di Roma, non tutta coperta dall'Adsl. La testimonianza di un lettore.



[ZEUS News - www.zeusnews.it - 12-02-2005]

cavi

La discriminazione tra chi può accedere alla Rete nel modo più modo e veloce e chi invece è impossibilitato a farlo è una realtà anche nella stessa capitale, la più grande metropoli italiana. Ecco la testimonianza di lettore che Zeus News ha raccolto.

Per quanto possa sembrare assurdo a molti lettori, il problema del digital divide non e' limitato a localita' difficilmente accessibili e sperdute in mezzo ai monti, ma e' presente pure in larghe porzioni nelle nostre maggiori metropoli.

Abito in un quartiere situato alla immediata periferia Est di Roma, all'altezza del raccordo anulare. Per chi e' pratico del posto, il quartiere e' Torraccia, ma il problema che vi segnalo riguarda non solo il mio quartiere ma anche diversi quartieri vicini (Casal Monastero, Settecamini), che assommati totalizzano la popolazione di una citta' di medie dimensioni, e che ospitano attivita' commerciali, studi professionali, aziende di tutte le tipologie e dimensioni.

Da sempre manca l'Adsl, non a causa della mancata copertura delle utenze da centrale, ma perche' le linee sono troppo poche e Telecom ha fatto ampio ricorso ad apparati di multiplazione (MUX), che impediscono al segnale Adsl di passare. Quindi neanche gli altri operatori potranno mai fornire questo servizio, fino a quando il gestore dell'ultimo miglio non si convincera' a dare a ogni utente un doppino non condiviso con altri 30 utenti.

Di fatto abbiamo una centrale perfettamente in regola, coperta da Telecom, Fastweb, Wind e chi piu' ne ha piu' ne metta, ma non possiamo attivare l'Adsl a causa della pessima qualita' delle linee telefoniche. Telecom, sollecitata gia' dal V Municipio di Roma pare non abbia al momento, e non si sa per quanto tempo, intenzione di risolvere il problema.

Non sono problemi suoi, anche in presenza di una prospettiva sicura di ritorno economico (se non c'e' da noi mi immagino che convenienza possa avere Telecom a coprire localita' disagiate e poco popolate). Fare uno scavo e stendere un fascio di doppini a quanto so non e' molto problematico; il problema principale potrebbero essere le autorizzazioni, ma in questo non penso ci siano grossi problemi in quanto pure il Municipio ha sollecitato la soluzione di questo annoso problema.

Ma e' noto come Telecom Italia stia ancora ripagando i debiti che il sig. Tronchetti Provera ha fatto per acquisirla, e quindi le spese per investimenti si sono drasticamente ridotte.

Abbiamo le mani legate. Paghiamo lo stesso canone di un qualsiasi altro utente, per una linea condivisa con altri 30 utenti, e sulla quale non possiamo mettere alcun servizio a valore aggiunto.

Questo e' il monopolio. Non dimentichiamo che sull'ultimo miglio Telecom e' ancora monopolista. Gli altri operatori (tranne forse Fastweb dove arriva in fibra ottica) si servono sempre e comunque di Telecom per stendere fisicamente i cavi nell'ultimo miglio.

Alcune considerazioni. E' possibile che con tantissime utenze non coperte dalla banda larga, pure all'interno delle maggiori citta' il governo (quello delle tre "I") dedichi le proprie attenzioni al digitale terrestre? Con l'Adsl a 4 Mbit vedo tutta la TV che mi pare, ma se non sbaglio con la TV digitale e' un po' difficile scaricare una patch o trasferire una file via Ftp.

Come diavolo e' stata pensata la privatizzazione della Telecom? Sono d'accordo nella privatizzazione ma essendo una azienda che fornisce un servizio pubblico, sarebbe necessaria una normativa che faccia in modo che questo servizio effettivamente pubblico sia, non generi discriminazioni arbitrarie fra gli utenti. O scorporando il gestore della rete (tra l'altro messa in piedi con i soldi nostri, e che e' un asset di valore a mio avviso inestimabile), o obbligando il privato a coprire tutte le utenze con qualche forma di finanziamento da parte dello stato, e con tempi prevedibili.

Infine, e' possibile che il canone non debba essere differenziato sulla base della qualita' della linea telefonica?

Giovanni Calzuola, Roma - V Municipio

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con Zeus News ti consigliamo di iscriverti alla Newsletter gratuita.

Inoltre puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, inserire un commento (anche anonimo) sotto o segnalare un refuso.

Commenti all'articolo (ultimi 10 di 18)

{Ezio Macchione}
Niente ADSL a Roma, ma Tiscali non lo dice Leggi tutto
11-12-2005 14:49

{Alessandro}
niente ADSL Leggi tutto
26-10-2005 11:29

Geo
adsl con l'inganno Leggi tutto
19-5-2005 08:56

ALberto Persello
Non siete i soli Leggi tutto
24-3-2005 16:41

Rosaria
Niente Adsl e ISDN lenta Leggi tutto
14-3-2005 16:51

federico
la mia odissea Leggi tutto
12-3-2005 17:44

Ugo
Non hai l'ADSL? No problem...cambia casa! Leggi tutto
19-2-2005 20:52

Ernesto
Centocelle 100.000 abitanti!!! Leggi tutto
17-2-2005 14:22

Mario
Quando il mercato non ce la fa Leggi tutto
15-2-2005 08:15

Roberto
è tutto vero! Leggi tutto
14-2-2005 13:08

Leggi gli altri 8 commenti nel forum Connettivita'
Inserisci un commento - anche se NON sei registrato

La liberta' di parola e' un diritto inviolabile, ma nei forum di Zeus News vige un regolamento che impone delle restrizioni e che l'utente e' tenuto a rispettare. I moderatori si riservano il diritto di cancellare o modificare i commenti inseriti dagli utenti, senza dover fornire giustificazione alcuna. Gli utenti non registrati al forum inoltre sono sottoposti a moderazione preventiva. La responsabilita' dei commenti ricade esclusivamente sui rispettivi autori. I principali consigli: rimani sempre in argomento; evita commenti offensivi, volgari, violenti o che inneggiano all'illegalita'; non inserire dati personali, link inutili o spam in generale.


web metrics