Sondaggio
Quali sono i rischi maggiori del cloud computing?
Distributed Denial of Service (DDoS): cresce l’impatto dei tempi di indisponibilità di un sito web, che possono costare perdite di milioni di euro in termini di introiti, produttività e immagine aziendale.
Frode: perpetrata da malintenzionati con l’obiettivo di trafugare i dati di un sito e creare storefront illegittimi, o da truffatori che intendono impadronirsi di numeri di carte di credito, la frode tende a colpire - prima o poi - tutte le aziende.
Violazione dei dati: le aziende tendono a consolidare i dati nelle applicazioni web (dati delle carte di credito ma anche di intellectual property, ad esempio); gli attacchi informatici bersagliano i siti e le infrastrutture che le supportano.
Malware del desktop: un malintenzionato riesce ad accedere a un desktop aziendale, approfittandone per attaccare i fornitori o le risorse interne o per visualizzare dati protetti. Come il trojan Zeus, che prende il controllo del browser dell'utente.
Tecnologie dirompenti: pur non essendo minacce nel senso stretto del termine, tecnologie come le applicazioni mobile e il trend del BYOD (bring-your-own-device) stanno cambiando le regole a cui le aziende si sono attenute sino a oggi.

Mostra i risultati (851 voti)
Aprile 2015
La falla in iOS che rende inutilizzabili iPhone e iPad
Nuove tariffe, Agcom chiede più trasparenza a Telecom Italia
Eliminare le funzionalità di Windows indesiderate
Auto senza chiave troppo facili da aprire
La guida alla banda larga Comune per Comune
È un treno? È un aeroplano? No, è Horizon
Il browser per navigare su piattaforma distribuita
La batteria prossima ventura
Carcerato manda via mail un falso ordine di scarcerazione
Modificare la schermata di login
Poteva cancellare tutti i video di Youtube e non l'ha fatto
WhatsApp, le chiamate vocali sono realtà
Marzo 2015
Decreto antiterrorismo, evitato il trojan di Stato (per ora)
Come riutilizzare uno smartphone
Attenzione a Whatsappchiamate
Tutti gli Arretrati

Risorse on line sui referendum

I siti per conoscere meglio le varie posizioni che si confrontano nei referendum sulla legge sulla fecondazione assistita.



[ZEUS News - www.zeusnews.it - 25-02-2005]

Ancora il governo non ha fissato la data in cui dovranno svolgersi, una domenica in cui non si tengano già elezioni amministrative o Regionali; ma è certo che tra la primavera e l'inizio di Giugno, si terranno in Italia i 4 referendum per abrogare alcuni articoli dell'attuale legge sulla fecondazione assistita, chiesti da un largo arco di forze politiche dai Ds ai Radicali, passando per Verdi, PdCi, Rinfondazione Comunista e altri ancora, tra cui anche esponenti del centrodestra.

Vediamo quali link e risorse sul Web si possono trovare per conoscere meglio la materia dei referendum e le varie posizioni in campo. Partiamo dal sito del Comitato per i Referendum che ha promosso la raccolta delle firme e sostiene il Si a tutti e quattro i quesiti. Tra i sostenitori dell'abrogazione parziale della legge sulla fecondazione assistita, che giudicano poco liberale e laica, ci sono naturalmente i Radicali: sul loro sito si possono trovare argomenti e tesi a favore del superamento della legge. Anche sul sito del quotidiano Il Riformista, che sostiene il Si, si può trovare un ampio dossier con il testo della legge e numerosi articoli e commenti abrogazionisti.

Per conoscere invece le posizioni di chi è contrario alla modifica dell'attuale legge sulla fecondazione assistita e invita a votare no o all'astensione, allo scopo di far mancare il quorum e non rendere valido il referendum, c'è il sito Impegno Referendum, messo on line dal quotidiano cattolico Avvenire, che cura il sito come organo della campagna per l'astensione. Un sito contrario all'abrogazione della legge, dove si può trovare una aggiornata rassegna stampa è il Blog Giona.

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con Zeus News ti consigliamo di iscriverti alla Newsletter gratuita. Inoltre puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, inserire un commento (anche anonimo) sotto o segnalare un refuso.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Pier Luigi Tolardo

Commenti all'articolo (2)

E Luca Coscioni dove lo metto? Leggi tutto
28-2-2005 08:15

Federica Casadei
In riferimento al vostro articolo "Risorse on line sui referendum", vi segnalo il portale dell'associazione che presiedo, Cerco Un Bimbo, www.cercounbimbo.net, che che da anni si batte contro la legge 40 e ne ha promosso insieme all'associazione Luca Coscioni il referendum totalmente abrogativo.
25-2-2005 11:49


La liberta' di parola e' un diritto inviolabile, ma nei forum di Zeus News vige un regolamento che impone delle restrizioni e che l'utente e' tenuto a rispettare. I moderatori si riservano il diritto di cancellare o modificare i commenti inseriti dagli utenti, senza dover fornire giustificazione alcuna. Gli utenti non registrati al forum inoltre sono sottoposti a moderazione preventiva. La responsabilita' dei commenti ricade esclusivamente sui rispettivi autori. I principali consigli: rimani sempre in argomento; evita commenti offensivi, volgari, violenti o che inneggiano all'illegalita'; non inserire dati personali, link inutili o spam in generale.


web metrics