Zeus News è un notiziario dedicato a quanto avviene nel mondo di Internet, dell'informatica, delle nuove tecnologie e della telefonia fissa e mobile: non è un semplice amplificatore di comunicati stampa ma riserva ampio spazio ai commenti e alle riflessioni, proponendosi quale punto di osservazione libero e indipendente.

Sondaggio
Come sarÓ il prossimo Pc che acquisterai?
Un desktop
Un notebook
Un netbook
Un tablet

Mostra i risultati (5424 voti)
Settembre 2014
Windows 9, le prime immagini e un video
Telecom Italia aumenta il canone e raddoppia le tariffe
Gmail, pubblicate le password di 5 milioni di account
10 segnali negativi in un colloquio di lavoro
Guarda Facebook guidando e causa la morte di una donna
Chiavi stampate 3D, un business per i topi d'appartamento
Eee PC, Asus ci riprova
Le false antenne cellulari che intercettano chiamate e messaggi
Sfondare le reti Wi-Fi al primo tentativo
Come disinstallare definitivamente il software
Agosto 2014
Così si aggira la censura, anche da smartphone
Il divano che si trasforma in letto a castello
Come ti buco l'app di Gmail (e non solo)
Il video dell' ''alieno'' sulla Luna
Microsoft accelera e toglie i veli a Windows 9 a settembre
Tutti gli Arretrati

Trentaquattroeuro e affini, guadagni facili ma solo per i gestori (*aggiornamento*)

Impazzano i siti che promettono telefonini e altri oggetti di valore in cambio di una cifra modesta. Poche speranze di vincita per chi gioca, garanzie di guadagno per chi organizza



[ZEUS News - www.zeusnews.it - 26-03-2005]

Eurobanconote

I nomi dei siti cambiano (www.trentaquattroeuro.com e www.35euro.it sono solo due dei tanti), ma il meccanismo di fondo è sempre grosso modo lo stesso: versando una cifra molto modesta (una trentina di euro, appunto) si può vincere un oggetto di valore molto superiore, per esempio un telefonino, un computer, una telecamera o un iPod, se si reclutano altri partecipanti. Come è possibile?

Già la frase "se si reclutano altri partecipanti" dovrebbe mettervi in allarme: è infatti una variante del gioco della piramide di denaro o del marketing multilivello. In pratica, tanti versano soldi, ma soltanto i primi partecipanti ottengono il beneficio apparentemente promesso, e ben presto il gioco si blocca per l'impossibilità di trovare nuovi membri. Chi incassa con certezza e abbondanza è invece l'organizzatore del gioco.

Anche se non si può parlare di vera e propria truffa dal punto di vista legale, questi siti operano ai limiti della legalità: sono in sostanza lotterie mascherate, e il fatto che le probabilità di vincita siano modeste è nascosto nelle pieghe del regolamento facendo leva sulla scarsa dimestichezza matematica dei partecipanti.

Quasi sempre, questi siti sono strutturati in modo che i soldi versati per partecipare figurano come prezzo per l'acquisto di un oggetto di scarso valore (per esempio un ciondolino per cellulari) che viene effettivamente consegnato a tutti, mentre la possibilità di vincere l'oggetto di valore viene data in "regalo" (Trentaquattroeuro.com, va detto, non adotta questa prassi). Con questo espediente, il partecipante che non porta a casa il telefonino apparentemente promesso non può contestare: ha pagato per l'oggettino, non per il cellulare.

Lasciando da parte questi escamotage e chiamando le cose col loro nome, il meccanismo di partecipazione è una trappola per chi non fa bene i conti. Infatti versando la quota di partecipazione si entra al livello più basso di una "tabella" associata all'oggetto di valore desiderato. La tabella ha in genere una ventina di livelli, e ad essa è associata una seconda tabella di pari dimensioni. Ogni volta che la seconda tabella si riempie con venti nuovi nominativi, i partecipanti presenti nella prima salgono di un livello: chi arriva al primo livello si porta a casa l'oggetto di valore.

Di conseguenza, se si entra al ventesimo livello, per conquistare l'oggetto di valore bisogna che la seconda tabella si riempia di venti nuovi giocatori una ventina di volte; in altre parole, è necessario che si iscrivano quasi 400 giocatori, di cui soltanto una ventina porterà eventualmente a casa il premio. A trenta e rotti euro per giocatore, il guadagno per l'organizzatore è garantito: basta che il premio in palio costi meno di venti volte la quota d'iscrizione (a 34 euro per giocatore, basta che costi meno di 680 euro).

Il vero problema è che è estremamente difficile trovare così tanti nuovi giocatori, per cui molto spesso la tabella non si riempie mai e non vince nessuno, mentre l'organizzatore si tiene tutte le quote di partecipazione.

In pratica, anche ammettendo che il gioco sia condotto onestamente, coloro che arriveranno ad ottenere l'oggetto in palio sono una frazione modesta dei partecipanti, spesso meno di uno su venti. Il giocatore che ha le migliori probabilità di vincita è quello che entra per primo in una tabella, ma anche lui deve trovare circa 400 altri giocatori prima di conquistarsi l'agognato premio. Questo induce spesso a comportamenti da spammer nella disperata ricerca di nuovi partecipanti, causando fastidio in Rete anche a chi è abbastanza saggio da non partecipare a queste piramidi di denaro.

Una probabilità su venti può anche sembrarvi un rischio accettabile. Il problema è che la probabilità reale è molto inferiore e rischia di essere zero, perché se la prima tabella non si riempie e nessuno arriva in cima, ossia se non si reclutano circa 400 giocatori, non vince nessuno e i guadagni dell'organizzatore schizzano a livelli stratosferici: una tabella da 20 livelli, con una quota di 34 euro per giocatore, incassa 34 x 20 x 20 = 13600 euro prima di dover distribuire il primo degli oggetti di valore.

Un organizzatore che voglia spremere fino in fondo i suoi utenti può inoltre creare un numero molto alto di tabelle distinte, ciascuna associata a un "regalo" diverso: in questo modo aumenta il numero di tabelle incomplete (in cui nessuno è ancora arrivato al primo posto e quindi ci sono soltanto guadagni e nessuna spesa) e aumentano le probabilità che il gioco si fermi, dando ulteriori soldi facili all'organizzatore.

Resta insomma valida la regola d'oro delle fregature in Rete: se un'offerta sembra troppo bella per essere vera, è perché non è vera.

Aggiornamento (29/3/2005): Dopo la prima versione di questo articolo, il titolare di Trentaquattroeuro.com ha fornito alcune informazioni ulteriori, chiedendo di ribadire che il suo sito non vende nulla in cambio della quota d'iscrizione e che "garantisce a tutti, con il tempo, di ricevere l'oggetto desiderato".

Nonostante ripetute richieste, tuttavia, il titolare non ha chiarito in termini matematici come possa reggersi un sistema nel quale si fa dare 34 euro da ogni partecipante e poi garantisce di dare a ogni singolo partecipante un oggetto di valore largamente superiore.

Questa garanzia, inoltre, sembra essere contraddetta dai dati pubblicati sul sito stesso: avrebbero ricevuto l'oggetto circa 320 persone su un totale di 4271 iscritti. In altre parole, 3951 giocatori hanno pagato ma non hanno ancora ricevuto l'oggetto. Poiché il titolare ha precisato che la garanzia vale "con il tempo", per ulteriore scrupolo ritorneremo fra qualche settimana a vedere gli aggiornamenti di questi dati.

Aggiornamento (19/4/2005): A distanza di venti giorni dal rilevamento precedente, Trentaquattroeuro.com dichiara ora 4032 iscritti (questo è, perlomeno, il valore della voce "Totali"), di cui 351 avrebbero ricevuto l'oggetto. Forse non si tratta di un riepilogo storico, altrimenti non si spiegherebbe il calo del totale iscritti; resta comunque il fatto che il rapporto fra iscritti e riceventi è di quasi dodici a uno.

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con Zeus News ti consigliamo di iscriverti alla Newsletter gratuita.

Inoltre puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, inserire un commento (anche anonimo) sotto o segnalare un refuso.

Paolo Attivissimo

Commenti all'articolo (ultimi 5 di 15)

{Andrea}
Il sito TRENTAQUATTROEURO.IT è stato SEQUESTRATO Leggi tutto
17-2-2006 23:39

pippo
LA GUARDIA DI FINANZA AVVERTE Leggi tutto
14-8-2005 10:18

E' stata ufficialmente e **definitivamente** approvata in commissione attivita' produttive alla Camera la legge che sancisce l'illegalità delle Catene di S.Antonio e dei giochi piramidali (34euro, 35euro, guadagna con i referer, ecc, ci siamo capiti) e delle vendite piramidali mlm. Un anno di carcere è previsto sia... Leggi tutto
6-8-2005 16:48

Filippo
NEWS Leggi tutto
18-7-2005 15:58

antonio.
www.dreamparadise.it ha chiuso i battenti Leggi tutto
22-4-2005 20:13

Leggi gli altri 10 commenti nel forum Bufale e indagini Antibufala
Inserisci un commento - anche se NON sei registrato

La liberta' di parola e' un diritto inviolabile, ma nei forum di Zeus News vige un regolamento che impone delle restrizioni e che l'utente e' tenuto a rispettare. I moderatori si riservano il diritto di cancellare o modificare i commenti inseriti dagli utenti, senza dover fornire giustificazione alcuna. Gli utenti non registrati al forum inoltre sono sottoposti a moderazione preventiva. La responsabilita' dei commenti ricade esclusivamente sui rispettivi autori. I principali consigli: rimani sempre in argomento; evita commenti offensivi, volgari, violenti o che inneggiano all'illegalita'; non inserire dati personali, link inutili o spam in generale.


web metrics