Zeus News è un notiziario dedicato a quanto avviene nel mondo di Internet, dell'informatica, delle nuove tecnologie e della telefonia fissa e mobile: non è un semplice amplificatore di comunicati stampa ma riserva ampio spazio ai commenti e alle riflessioni, proponendosi quale punto di osservazione libero e indipendente.


Rimborso per Windows, Dell paga

Un utente italiano dimostra che il rimborso di Windows è un diritto ancor oggi, ma i soldi non gli arrivano da Microsoft. Assurde conseguenze di un monopolio.



[ZEUS News - www.zeusnews.it - 14-04-2005]

Logo Dell su tastiera

Ricevo da un lettore, A.S., la conferma che a distanza di sei anni nulla è cambiato nella politica commerciale di Microsoft, che continua a imporre clausole capestro: in questo caso, non a noi clienti, ma ai produttori di computer, costretti a firmare accordi che non conoscono e che li espongono a oneri che spetterebbero a Microsoft.

Faccio un rapido passo indietro: come forse già sapete, nella licenza di Windows c'è una clausola poco conosciuta (ma non per questo meno valida) secondo la quale se si rifiuta l'installazione quando si avvia per la prima volta Windows su un computer nuovo, si può restituire Windows e farselo rimborsare. La clausola compare sullo schermo durante l'installazione e il testo della licenza è disponibile solitamente in un file di nome Eula.txt.

Le ragioni per rifiutare un Windows venduto insieme al computer possono essere tante, e niente affatto piratesche. Per esempio, c'è chi rimpiazza il computer e migra il Windows che aveva sul PC vecchio (cosa ammessa dalla licenza "full"); c'è chi ha già pagato Microsoft per una site license che gli permette di installare Windows su tot PC dell'azienda. E naturalmente c'è anche chi vuole installare Linux al posto di Windows.

Quest'ultimo è il caso del lettore: utente Linux, ha ordinato via Internet da Dell un PC portatile e si è trovato obbligato ad acquistare anche una licenza di Windows XP Professional. Avrebbe voluto acquistare il laptop "nudo", ma non era possibile; e trovare un laptop venduto senza Windows in Italia è praticamente impossibile con qualsiasi marca. Così ha accettato, sapendo che avrebbe potuto ricorrere alla clausola di rimborso, come da apposita procedura indicata in licenza.

Il lettore ha ricevuto da Dell via e-mail un "Avviso di Ricevimento Ordine", nel quale le condizioni generali di vendita ribadiscono il dovere dell'acquirente di "agire in conformità alla licenza" del software e precisano che se non si accetta "sin dal principio la licenza del sistema operativo, se presente, Dell rimborserà il prodotto solo ove restituito nella sua integrità" (non è chiaro se per prodotto s'intende il software o il laptop, né se per principio s'intende l'inizo dell'ordine o il primo avvio di Windows).

Così A.S. contatta Dell per sapere, in ossequio alla licenza di Windows, come fare per procedere al rimborso. Superati i primi ostacoli e rifiuti, viene messo in contatto con un legale di Dell, che dichiara di non conoscere la licenza Microsoft applicata a tutti i computer venduti da Dell e si giustifica dicendo di essere dipendente di Dell e non di Microsoft. Addirittura chiede al lettore di mandare a Dell una copia della licenza (che, va detto, è un contratto legale di cui Dell è una delle parti e quindi dovrebbe conoscere piuttosto bene).

Dopo lunghe discussioni e obiezioni a pioggia, il legale di Dell suggerisce al lettore di chiedere al suo referente commerciale l'esclusione del sistema operativo dall' ordine. Il referente, però, dice che non è possibile a causa di un contratto con Microsoft.

E qui arriva la sorpresa, che ricalca la mia esperienza personale datata 1999: Dell, piuttosto che perdere l'ordine e rispettare la clausola della licenza, offre 100 euro più IVA di sconto e lascia al lettore la licenza di XP Pro. In altre parole, paga di tasca propria un importo che spetterebbe a Microsoft.

Il lettore sottolinea la cortesia e disponibilità di quasi tutto il personale di Dell, ma non può far a meno di notare che "alla fine della storia, l'unica parte che avrebbe dovuto subire una perdita (Microsoft) non è neanche stata messa a conoscenza del fatto, e ha comunque ottenuto il guadagno relativo ad una licenza che Dell ha deciso di regalarmi."

In sostanza, quindi, anche grandi produttori di computer come Dell sono costretti da contratto a versare a Microsoft un compenso per ogni computer che vendono, anche quando l'utente non desidera il prodotto Microsoft. In queste condizioni, riflette il lettore, "risulta quindi difficile pensare che il monopolio, perlomeno dal punto di vista economico, finisca. E se ciò non potrà avvenire, una buona fetta di responsabilità l'avranno proprio i produttori di hardware, che escludono a priori la possibilità di non utilizzo di Windows, come se fosse l'unica scelta possibile, imponendo di fatto l'acquisto di un prodotto non voluto."

E' proprio questo il punto: l'imposizione di un prodotto non voluto. Non voluto e anche costoso: dai dati disponibili in Rete, Windows incide sul prezzo del PC almeno per il 10% (altro che "in omaggio").

Se volete un paragone non informatico, comperare oggi un computer (esclusi i Mac e gli assemblati) è come andare al supermercato per comperare le lamette da barba e vedersi imporre l'acquisto di una specifica marca di schiuma, magari una marca che vi fa venire l'eczema, perché il supermercato è obbligato a farlo. Certo, la schiuma è inclusa nel prezzo delle lamette, ma qualcuno in fondo la paga: il produttore di lamette, che poi si rivale su di voi. Tutti ci perdono, tranne chi vende schiuma da barba. E' facile fare soldi in questa maniera.

Zeus News è in attesa di un commento di Dell Italia sul tema; nel frattempo, è inevitabile pensare che la commissione antitrust dell'UE, ora passata da Mario Monti a Neelie Kroes, dovrebbe dedicarsi a questo problema, invece di rincorrere inutili e introvabili versioni-burla di Windows prive di Media Player di cui l'utente medio giustamente non capisce il senso. L'unica consolazione è che ancor oggi, come sei anni fa, insistendo si ottiene uno sconto. Ma l'amaro rimane in bocca, perché non è chi impone che paga.

Stupisce che i produttori non si ribellino a questo stato di cose e accettino di pagare di tasca propria chi rifiuta la "tassa Microsoft" che grava su ogni PC. Probabilmente accettano supinamente perché è più conveniente accontentare i pochi rompiscatole che fanno rispettare i propri diritti che scontentare zio Bill. E se lo facessimo tutti?

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con Zeus News ti consigliamo di iscriverti alla Newsletter gratuita, di abbonarti al Feed RSS, di seguirci su Twitter o di visitare la nostra pagina su Facebook. Inoltre puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, inserire un commento (anche anonimo) o segnalare un refuso.

Paolo Attivissimo

Commenti all'articolo (ultimi 10 di 50)


sil_brownie
può essere interessante a tal proposito l'esperienza di una associazione di consumatori http://www.aduc.it/dyn/rimborsowindows/ Buon anno a tutti
31-12-2007 13:10


Milton
Un Altro problema: la garanzia decade? Leggi tutto
31-12-2007 11:20

{deepred}
Ci Sono Riuscito Leggi tutto
30-12-2007 12:01

iderfix
cari amici, sto contattando diversi produttori di hardware che hanno dato prova di voler vendere i loro computers senza sistema operativo, ciò sarebbe un punto a nostro favore, ma questo non è il solo motivo per cui stia cercando di fare una fondazione che distribuisca hardwarwe privo di sistema operativo. ciò che mi interessa è far si... Leggi tutto
14-10-2006 03:33

iderfix
Numero di cellulare xxxx [edit: ma allora sei de coccio]
14-10-2006 03:10


chemicalbit
C'è altra discussione su Linux Day + se hai altre info ... Leggi tutto
13-10-2006 10:31

iderfix
laptops os less Leggi tutto
13-10-2006 03:45

{nemo}
il prossimo computer che mi compro lo faccio pure io perchè in realtà quelli dell'acer mi hanno venduto un pc che già funzionava che quindi quello del negozio da cui io l'ho comprato aveva già fatto girare per più giorni il s.o. e in più aveva manomesso i driver del masterizzatore quindi il... Leggi tutto
29-10-2005 22:24

ADESSO ALLA DELL... Leggi tutto
16-8-2005 14:00

paolo del bene
laptop os less Leggi tutto
17-5-2005 13:40

Leggi gli altri 40 commenti nel forum Windows XP
Inserisci un commento - anche se NON sei registrato

La liberta' di parola e' un diritto inviolabile, ma nei forum di Zeus News vige un regolamento che impone delle restrizioni e che l'utente e' tenuto a rispettare. I moderatori si riservano il diritto di cancellare o modificare i commenti inseriti dagli utenti, senza dover fornire giustificazione alcuna. Gli utenti non registrati al forum inoltre sono sottoposti a moderazione preventiva. La responsabilita' dei commenti ricade esclusivamente sui rispettivi autori. I principali consigli: rimani sempre in argomento; evita commenti offensivi, volgari, violenti o che inneggiano all'illegalita'; non inserire dati personali, link inutili o spam in generale.
Sondaggio
Con quale delle seguenti affermazioni, tutte relative a siti che vendono coupon e buoni sconto online, concordi di più? (Se vuoi dare risposte multiple utilizza i commenti)
Sono un cliente abituale dei siti di coupon e in generale posso dichiararmi soddisfatto delle promozioni attivate tramite questo mezzo innovativo.
Apprezzo i coupon soprattutto per provare quelle strutture dove non sono mai stato, o servizi che non ho mai utilizzato prima.
Acquisto talvolta i coupon ma purtroppo molte volte non riesco a utilizzarli prima della loro scadenza, pertanto penso di diminuire questa attività o di continuare a farlo saltuariamente.
Acquisto i coupon soprattutto per usufruire dello sconto e raramente acquisto nuovamente un servizio o torno in una struttura a "prezzo pieno".
Solitamente acquisto un coupon soltanto se conosco già la struttura o il servizio offerto, non voglio fregature.
Mi è capitato spesso di prendere delle fregature o di non essere servito alla stregua degli altri clienti, pertanto penso che non acquisterò più coupon.
Non ho mai acquistato un coupon.

Mostra i risultati (928 voti)
Aprile 2014
Otto trucchi per risparmiare carburante
UPS, vietato svoltare a sinistra!
Autostrade intelligenti per guidare di notte senza fari
2015, tutti gli smartphone avranno l'antifurto
10 case stampate 3D in 24 ore
Come cifrare e autenticare la mail
Amazon, il progetto droni è reale
L'iWatch arriva a settembre con l'iPhone 6
Come difendersi da Heartbleed
La nave che va ad acqua di mare
Windows XP, fine di un'era
Hacker di 5 anni viola la Xbox One
Windows 8, Microsoft uccide le piastrelle
Il bus che offre 400 euro a chi si spoglia
Dal 1 aprile si pagano le commissioni sulla benzina
Tutti gli Arretrati

web metrics