Precari, call center e telecomunicazioni

Un convegno con rappresentanti di base, dirigenti sindacali, amministratori e politici sulla precarizzazione del lavoro nei call center e nelle Tlc italiane.



[ZEUS News - www.zeusnews.it - 08-12-2005]

Anche l'appena sottoscritto contratto nazionale delle Tlc non riesce a ricondurre in limiti accettabili il problema dei lavoratori precari nei call center, nel settore delle telecomunicazioni e dell'informatica.

Di questo si discuterà a Roma in un'importante convegno promosso dal Dipartimento Lavoro e da quello per la Comunicazione e le Innovazioni Tecnologiche del Partito della Rifondazione Comunista, a cui parteciperanno rappresentanti dei lavoratori dei call center e dell'informatica, dirigenti di tutti i sindacati del settore, amministratori e politici di altri partiti.

Il convegno nazionale dal titolo: "Se non sarà precario si precarizzerà" si terrà a Roma martedì 13 dicembre, con inizio alle ore 15.00 presso L'Alpheus, Via del Commercio 36.

Il Convegno si aprirà con tre relazioni sulle esperienze più recenti di esternalizzazione nel settore delle Tlc: interverranno Flavia Di Giacomo sulla IT Telecom Italia, Claudio Mandarà sulla Manutencoop Pirelli Facility (il settore manutenzione di Pirelli); Luigi Cocciolo sull'esternalizzazione CTS (la security di Telecom Italia).

Interverranno successivamente l'Assessore Regionale al Lavoro del Lazio Alessandra Tibaldi, Mario Carucci del sindacato Flmu-Cub, Stefano Torcellan dell'Associazione Nazionale Lavoratori Esternalizzati, Domenico Teramo dei Cobas-Tlc, Valerio Gentile del Collettivo Precari Atesia, Mauro Michelotti della Fistel-Cisl, Bruno Brandoni del sindacato Snater, Anelio Corsi dell'Slc-Cgil, Claudio Amato del settore Appalti della Fiom-Cgil, Marco Acquistapace delle Rsu Finsiel, Alessio De Luca delle Rsu Cos, Daniela Cortese del Circolo Prc Tlc di Roma, Sergio Bellucci del Dipartimento Nazionale Tlc e Ict di Rifondazione, Emilio Carbone del Dipartimento Nazionale Lavoro-settore Tlc di Rifondazione, Ugo Boghetta del Dipartimento Nazionale Lavoro di Rifondazione.

Hanno assicurato la loro partecipazione al dibattito: Circolo aziendale Ds, Circolo aziendale Sdi, Circolo aziendale Margherita, la Nidil.Cgil, Angelo Cutuli per i radiomarittimi Telecom Italia soggetti a esternalizzazione.

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con Zeus News ti consigliamo di iscriverti alla Newsletter gratuita. Inoltre puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, inserire un commento (anche anonimo) sotto o segnalare un refuso.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Pier Luigi Tolardo

Commenti all'articolo (3)

Sicuramente se ci saranno Leggi tutto
13-12-2005 18:56

{Marcella Campi}
Relazione Convegno Leggi tutto
12-12-2005 16:56

{Stufo}
Poveri lavoratori call center Leggi tutto
9-12-2005 15:27

La liberta' di parola e' un diritto inviolabile, ma nei forum di Zeus News vige un regolamento che impone delle restrizioni e che l'utente e' tenuto a rispettare. I moderatori si riservano il diritto di cancellare o modificare i commenti inseriti dagli utenti, senza dover fornire giustificazione alcuna. Gli utenti non registrati al forum inoltre sono sottoposti a moderazione preventiva. La responsabilita' dei commenti ricade esclusivamente sui rispettivi autori. I principali consigli: rimani sempre in argomento; evita commenti offensivi, volgari, violenti o che inneggiano all'illegalita'; non inserire dati personali, link inutili o spam in generale.
E' VIETATA la riproduzione dei testi e delle immagini senza l'espressa autorizzazione scritta di Zeus News (P.Iva 06584100967). Tutti i marchi e i marchi registrati citati sono di proprietà delle rispettive società. Informativa sulla privacy. I tuoi suggerimenti sono di vitale importanza per Zeus News. Contatta la redazione e contribuisci anche tu a migliorare il sito: pubblicheremo sui forum le lettere piu' interessanti.
Sondaggio
Per quale motivo NON sei (più) sul social network più famoso?
Facebook mi ha stufato. Preferisco godermi Internet.
Non voglio che gli altri si facciano i fatti miei.
Ho da fare. Facebook mi fa perdere tempo.
Amo di più la vita reale.
Non voglio che si sappiano in giro i miei segreti.
Non ho testa per Facebook in questo momento.
A mia moglie (marito, fidanzat*, ragazz*) dà fastidio che io sia su Facebook.
Facebook vende i nostri dati e non rispetta la privacy.
Mi sono accorto che iniziavo a farmi sempre di più i fatti degli altri.
Facebook è morto. Io adesso uso Twitter (o Google+, Pinterest ecc.)

Mostra i risultati (3339 voti)
Giugno 2017
Le torri di Amazon per i droni
Microsoft: ''Sì, disabilitiamo gli antivirus. Per il bene degli utenti''
Banda larga, scontro assurdo fra Tim e Governo
Il caso del sindacalista che criticava gli stipendi d'oro
Italia, via libera al trojan di Stato
Difendersi dalle app-truffa presenti nell'App Store di Apple
Roaming dati nell'UE ''gratuito'' da ieri: occhio alle sorprese
Firefox 54, più sicuro con la sandbox e più leggero
Il link che infetta il Pc senza nemmeno dover cliccare
Ecco come vengono sfruttati in concreto i dati delle nostre navigazioni
Windows 10, un assaggio del Fall Creators Update
Dai gattini bonsai alla disinformazione pianificata
Ex pornostar chiama in causa i pirati
Qualche chicca nascosta di Google
Antivirus e installazioni
Tutti gli Arretrati


web metrics