Un Pin per evitare i dialer

Telecom Italia introdurrà un codice per abilitare dai fissi le numerazioni a pagamento 899 e simili.



[ZEUS News - www.zeusnews.it - 05-04-2006]

Bancomat di Emiglia :)

Il contenzioso di Telecom Italia con milioni di utenti a proposito di chiamate vere, o mai fatte, o fatte fare in modo truffaldino, con software che si inseriscono all'insaputa dell'utente durante la navigazione Internet è uno dei problemi che più affliggono il vertice aziendale per i problemi di immagine, chiamate ai call center, recupero crediti connessi.

Finora l'unica risposta era stata l'offerta di un servizio di disabilitazione temporanea, con chiave numerica e a pagamento, per tutte le chiamate non urbane: quindi anche per i servizi "a valore aggiunto" come i famigerati 144, 166, 899, 0878 e via dicendo; e poi c'è la disabilitazione permanente gratuita, su richiesta dell'abbonato, per 166 e 899.

Entro la fine dell'anno Telecom intende introdurre un codice Pin a 4 cifre, che verrà distribuito a tutti gli abbonati: una volta digitato, consentirà di chiamare i servizi a valore aggiunto. A questo punto, in caso di chiamate effettuate da quell'utenza, la responsabilità dovrebbe ricadere solo sul titolare dell'utenza, senza possibilità di contestazione.

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con Zeus News ti consigliamo di iscriverti alla Newsletter gratuita. Inoltre puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, inserire un commento (anche anonimo) sotto o segnalare un refuso.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Pier Luigi Tolardo

Commenti all'articolo (ultimi 5 di 7)

{Davide}
Chiarimenti sul PIN Leggi tutto
28-6-2006 21:29

serve il modem analogico Leggi tutto
12-5-2006 13:39

Impazzisco con gli addebiti non dovuti su bolletta Telecom Leggi tutto
12-5-2006 09:38

Beh, avranno chi incolpare... 8) Leggi tutto
5-4-2006 16:36

{utente anonimo}
A me non succederà ma considerando la media... Leggi tutto
5-4-2006 15:04

La liberta' di parola e' un diritto inviolabile, ma nei forum di Zeus News vige un regolamento che impone delle restrizioni e che l'utente e' tenuto a rispettare. I moderatori si riservano il diritto di cancellare o modificare i commenti inseriti dagli utenti, senza dover fornire giustificazione alcuna. Gli utenti non registrati al forum inoltre sono sottoposti a moderazione preventiva. La responsabilita' dei commenti ricade esclusivamente sui rispettivi autori. I principali consigli: rimani sempre in argomento; evita commenti offensivi, volgari, violenti o che inneggiano all'illegalita'; non inserire dati personali, link inutili o spam in generale.
E' VIETATA la riproduzione dei testi e delle immagini senza l'espressa autorizzazione scritta di Zeus News (P.Iva 06584100967). Tutti i marchi e i marchi registrati citati sono di proprietà delle rispettive società. Informativa sulla privacy. I tuoi suggerimenti sono di vitale importanza per Zeus News. Contatta la redazione e contribuisci anche tu a migliorare il sito: pubblicheremo sui forum le lettere piu' interessanti.
Sondaggio
Che cos'Ŕ che valuti maggiormente quando acquisti uno smartphone?
La dimensione dello schermo
Il processore
La durata della batteria
Il prezzo
La velocitÓ di connessione

Mostra i risultati (3395 voti)
Agosto 2016
WhatsApp condivide i dati dell'utente con Facebook
La realtà virtuale di Google è pronta al lancio
Android 7.0 Nougat, ecco le novità
L'NSA si lascia sfuggire armi informatiche segrete
Fuchsia, il nuovo sistema operativo di Google
Bug di Linux, a rischio un miliardo e mezzo di smartphone Android
Tutte le Volkswagen vendute dopo il 1995 si possono aprire con Arduino
10.000 titoli Amiga giocabili gratuitamente nel browser
Sì, le chiavette USB lasciate in giro come esca funzionano
Cambiare le password troppo spesso fa male alla sicurezza
I 10 siti torrent più popolari
Andate in vacanza? Usare una VPN per proteggervi può portarvi in carcere
Luglio 2016
Lo smartphone da 50 dollari di Amazon
Il simil-MacBook economico di Xiaomi
Windows 10 Anniversary Update, le novità più importanti
Tutti gli Arretrati


web metrics