Zeus News è un notiziario dedicato a quanto avviene nel mondo di Internet, dell'informatica, delle nuove tecnologie e della telefonia fissa e mobile: non è un semplice amplificatore di comunicati stampa ma riserva ampio spazio ai commenti e alle riflessioni, proponendosi quale punto di osservazione libero e indipendente.


Il dopo-Napster: WinMX

Volete imparare tutto sulle alternative a Napster? Il posto migliore per cominciare è il newsgroup it.comp.musica.mp3. Lo so, i newsgroup sono fuori moda nell'Internet commercializzata di oggi, ma è qui che si radunano i veri esperti e appassionati di ogni argomento, pronti a distribuire consigli ai principianti che sanno ascoltare.



[ZEUS News - www.zeusnews.it - 05-07-2001]

Uno dei programmi più gettonati da questi superutenti è WinMX, prelevabile gratis presso questo sito. Disponibile esclusivamente per Windows, è piuttosto piccolo (1600 K), per cui si scarica facilmente. Già durante l'installazione diventa chiaro che WinMX è un Napster per smanettoni. Bisogna sapere l'inglese (unica lingua in cui è disponibile WinMX, anche se presso questo sito trovate delle buone istruzioni in italiano) ed è necessario destreggiarsi con domande su temi astrusi come la mappatura delle porte UDP e la configurazione dei firewall. La schermata è irta di pulsanti e di opzioni che possono suscitare una certa confusione.

Se però superate queste difficoltà iniziali, WinMX diventa un assistente svelto, docile e scattante: a differenza di molti altri emuli di Napster, non contiene pubblicità o "spyware" (programmi nascosti che spiano i vostri comportamenti in Rete per scopi commerciali) e consente di effettuare ricerche multiple simultanee, di accedere contemporaneamente a più di un circuito di scambio e di selezionare la qualità audio dei brani da ricercare.

Anche la funzione più pericolosa, la condivisione di file non solo musicali che in altri programmi spalanca le porte al furto di dati personali, è gestita in modo intelligente: invece di indicare quale cartella contiene i file da condividere (col risultato che tanti specificano la cartella C:\, rendendo così visibile l'intero contenuto del vostro computer, password incluse), specificate i singoli tipi di file (audio, video, MP3) che volete rendere disponibili.

Attenzione però alla funzione "resume": in teoria permette di riprendere uno scaricamento interrotto attingendo il resto del brano da utenti differenti, ma in pratica produce facilmente un brano frammentato e inascoltabile. Conviene ricominciare da capo lo scaricamento e usare il "resume" soltanto con lo stesso utente con il quale l'avevate iniziato.

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con Zeus News ti consigliamo di iscriverti alla Newsletter gratuita, di abbonarti al Feed RSS, di seguirci su Twitter o di visitare la nostra pagina su Facebook. Inoltre puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, inserire un commento (anche anonimo) o segnalare un refuso.

Paolo Attivissimo

(C) by Paolo Attivissimo - www.attivissimo.net.
Distribuzione libera, purché sia inclusa la presente dicitura.

Commenti all'articolo (0)

Inserisci un commento - anche se NON sei registrato

La liberta' di parola e' un diritto inviolabile, ma nei forum di Zeus News vige un regolamento che impone delle restrizioni e che l'utente e' tenuto a rispettare. I moderatori si riservano il diritto di cancellare o modificare i commenti inseriti dagli utenti, senza dover fornire giustificazione alcuna. Gli utenti non registrati al forum inoltre sono sottoposti a moderazione preventiva. La responsabilita' dei commenti ricade esclusivamente sui rispettivi autori. I principali consigli: rimani sempre in argomento; evita commenti offensivi, volgari, violenti o che inneggiano all'illegalita'; non inserire dati personali, link inutili o spam in generale.
Sondaggio
Come vedi il futuro dell'umanitÓ, in ambito scientifico?
Il futuro Ŕ nella condivisione delle conoscenze. L'arroganza delle multinazionali nei confronti della proprietÓ intellettuale Ŕ solo il canto del cigno: infatti grazie alle tecnologie il sapere non potrÓ pi¨ essere detenuto da pochi potenti.
Per tutelare ricerche che richiedono investimenti cospicui, la proprietÓ intellettuale Ŕ uno strumento equo e ragionevole. Lo strapotere attuale della grande industria va solo limitato nel tempo ed emendato dagli aspetti pi¨ truci.
Lo scenario pi¨ probabile Ŕ un doppio binario tra scienza proprietaria e open source. La prima coprirÓ i settori che richiedono investimenti a lungo termine, la seconda quelli in cui la cooperazione raggiunge i risultati migliori.
Il potere si concentra dove c'Ŕ il denaro. Volenti, o nolenti, i big dell'economia mondiale si accaparreranno tutte le fonti di conoscenza, e sapranno farle fruttare a dovere, per il bene dell'umanitÓ.

Mostra i risultati (688 voti)
Aprile 2014
Addio al gesso, arriva il guanto 3D per le fratture
Otto trucchi per risparmiare carburante
UPS, vietato svoltare a sinistra!
Autostrade intelligenti per guidare di notte senza fari
2015, tutti gli smartphone avranno l'antifurto
10 case stampate 3D in 24 ore
Come cifrare e autenticare la mail
Amazon, il progetto droni è reale
L'iWatch arriva a settembre con l'iPhone 6
Come difendersi da Heartbleed
La nave che va ad acqua di mare
Windows XP, fine di un'era
Hacker di 5 anni viola la Xbox One
Windows 8, Microsoft uccide le piastrelle
Il bus che offre 400 euro a chi si spoglia
Tutti gli Arretrati

web metrics