Gli spammer a scuola di grammatica

Prossima evoluzione nella comunicazione delle truffe on line.



[ZEUS News - www.zeusnews.it - 24-02-2008]

Spammer a lezione di grammatica
Foto via Fotolia

AAA, creatore di virus ottimo conoscitore di lingue straniere cercasi. Così si potrebbe sintetizzare la nuova tendenza del mercato dello spam e dei virus informatici. Secondo una nota di McAfee infatti il passaparola del web sta sempre più generando veri e propri annunci di ricerca mirata.

Attacchi informatici effettuati nella lingua locale non sono certo una novità anche se molto spesso oggi sono frutto di traduzioni così approssimative da presentarsi al limite del ridicolo. Così, pur se a rilento, le campagne informative contro lo spam ma anche i semplici filtri automatici ormai a disposizione di chiunque riescono sempre più agevolmente a filtrare tentativi di pishing con testi tradotti in maniera improbabile.

Un esempio? "Cliente caro, Lei ha 1 Allarme di messaggio di sicurezza nuovo. Abbattere In nel suo conto e risolvere il problema. Scattare qui per Abbattere in". Un gentilissimo e premuroso avviso certo, ma risulta impossibile non scoppiare in una fragorosa risata o non crearne una discussione tra amici.

Ecco allora che il business mondiale del phishing e dei tentativi di truffa punta a specializzarsi, portandosi su un superiore livello qualitativo che permetta di attrarre nuove vittime, rendendosi maggiormente credibile.

Confezionati con un contesto grammaticale corretto per la lingua di pertinenza, si assisterà sempre più a attacchi mirati nei singoli paesi bersaglio per sfruttare le peculiarità e le abitudini di ogni nazione come ad esempio gaming on line, social network, istituti finanziari, ove questi siano maggiomente diffusi al momento, comparando anche le legislazioni locali in modo da puntare maggiormente ove le leggi siano più blande.

Al momento, secondo McAfee, il mercato delle truffe online si può considerare suddiviso in due principali categorie: chi cerca di creare spam e siti esca correttamente scritti nelle lingue locali e chi punta a produrre "malware" tradotto nella varie lingue. Comunque in tal senso già sono stati fatti progressi se è vero che nella lingua madre del web, l'inglese, i messaggi di spam contenenti refusi ed errori grammaticali un paio d'anni fa erano circa la metà, oggi solo uno su dieci.

La lotta continua: al crescere della coscienza e delle conoscenze degli utenti, il cybercriminale risponde migliorando la sua comunicazione per rendersi più credibile e vendere meglio il suo prodotto truffa.

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con Zeus News ti consigliamo di iscriverti alla Newsletter gratuita. Inoltre puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, inserire un commento (anche anonimo) sotto o segnalare un refuso.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Commenti all'articolo (ultimi 5 di 6)

per ora continuo a ridermela delle traduzioni maccheroniche nelle email... troppo da scompisciarsi! :lol: in futuro sarÓ da preoccuparsi
2-3-2008 16:28

Infatti, sarebbe il caso che anche noi utenti internettiani cominciassimo ad attrezzarci... :wink:
26-2-2008 18:41

{MAXXX}
Concordo con zeussino.Speriamo in bene.
25-2-2008 20:24

spamm Leggi tutto
25-2-2008 09:38

il punto non Ŕ l'essere ridicoli, ma il fatto che gli spammer si stiano attrezzando per sembrare sempre pi¨ credibili. tra qualche anno rimpiangeremo le email ridicole.
25-2-2008 09:22

La liberta' di parola e' un diritto inviolabile, ma nei forum di Zeus News vige un regolamento che impone delle restrizioni e che l'utente e' tenuto a rispettare. I moderatori si riservano il diritto di cancellare o modificare i commenti inseriti dagli utenti, senza dover fornire giustificazione alcuna. Gli utenti non registrati al forum inoltre sono sottoposti a moderazione preventiva. La responsabilita' dei commenti ricade esclusivamente sui rispettivi autori. I principali consigli: rimani sempre in argomento; evita commenti offensivi, volgari, violenti o che inneggiano all'illegalita'; non inserire dati personali, link inutili o spam in generale.
E' VIETATA la riproduzione dei testi e delle immagini senza l'espressa autorizzazione scritta di Zeus News (P.Iva 06584100967). Tutti i marchi e i marchi registrati citati sono di proprietà delle rispettive società. Informativa sulla privacy. I tuoi suggerimenti sono di vitale importanza per Zeus News. Contatta la redazione e contribuisci anche tu a migliorare il sito: pubblicheremo sui forum le lettere piu' interessanti.
Sondaggio
Immaginiamo un mondo popolato dalle auto di Google: senza pilota, senza sterzo e senza pedali. Qual Ŕ il maggior svantaggio? (vedi anche i vantaggi)
L'auto di Google Ŕ veramente brutta! Pi¨ che un auto Ŕ un'ovovia.
Ci toglierÓ il piacere di guidare e la nostra vita sarÓ un po' pi¨ triste.
AvrÓ un costo non sostenibile per la maggior parte degli utenti.
Ci sarÓ maggior traffico: con un'auto senza pilota il trasporto privato verrebbe incentivato rispetto al trasporto pubblico.
Il Gps incorporato potrebbe non essere efficiente, costringendoci a fare percorsi pi¨ lunghi o pi¨ lenti o addirittura non portandoci mai a destinazione.
Ho timori soprattutto per la privacy: le auto di Google potranno collezionare dati su come mi sposto e quando.
In caso di incidente con nessuno al volante, non Ŕ chiaro di chi sarÓ la responsabilitÓ civile. E a chi tocca pagare l'assicurazione? All'utente o a Google? O allo Stato?
SarÓ esposta ad attacchi hacker o terroristici: di fatto avremo minore sicurezza sulle strade.
Se il sistema prevede un urto inevitabile, potrebbe trovarsi di fronte a scelte etiche insormontabili. Uccidere un anziano o un bambino? Due uomini o un bambino? Un uomo o una donna? Uscire di strada o urtare altri veicoli o pedoni? Andare addosso a un SUV o a un'utilitaria?
Rispetto alle auto tradizionali impiegheranno troppo tempo ad arrivare a destinazione, non potendo superare i limiti di velocitÓ o fare manovre azzardate.
I tassisti non esisteranno pi¨: giÓ immagino le loro legittime proteste.

Mostra i risultati (1373 voti)
Ottobre 2016
HP castra le sue stampanti con un update del firmware
Settembre 2016
Google Car, grave scontro con un furgone
La stufetta a candele che non consuma elettricità
Come vedere tutto quello che avete mai cercato in Google
Hissgate, il fastidioso fischio dell'iPhone 7
Rubati sei milioni di username e password conservati in chiaro
iPhone 7, le cose realmente da sapere
Android nei guai: falle critiche e app infette
Truffatori online rubano 40 milioni di euro a un'azienda tedesca
Rubare le credenziali di accesso a un PC in 20 secondi
UE: stop alle tariffe di roaming, ma col trucco
Siete nel mondo reale: guardatevi intorno e non fate gli stupidi
Sesso e porno sul MegaUpload dell'FBI
Agosto 2016
WhatsApp condivide i dati dell'utente con Facebook
La realtà virtuale di Google è pronta al lancio
Tutti gli Arretrati


web metrics