Gli spammer a scuola di grammatica

Prossima evoluzione nella comunicazione delle truffe on line.



[ZEUS News - www.zeusnews.it - 24-02-2008]

Spammer a lezione di grammatica
Foto via Fotolia

AAA, creatore di virus ottimo conoscitore di lingue straniere cercasi. Così si potrebbe sintetizzare la nuova tendenza del mercato dello spam e dei virus informatici. Secondo una nota di McAfee infatti il passaparola del web sta sempre più generando veri e propri annunci di ricerca mirata.

Attacchi informatici effettuati nella lingua locale non sono certo una novità anche se molto spesso oggi sono frutto di traduzioni così approssimative da presentarsi al limite del ridicolo. Così, pur se a rilento, le campagne informative contro lo spam ma anche i semplici filtri automatici ormai a disposizione di chiunque riescono sempre più agevolmente a filtrare tentativi di pishing con testi tradotti in maniera improbabile.

Un esempio? "Cliente caro, Lei ha 1 Allarme di messaggio di sicurezza nuovo. Abbattere In nel suo conto e risolvere il problema. Scattare qui per Abbattere in". Un gentilissimo e premuroso avviso certo, ma risulta impossibile non scoppiare in una fragorosa risata o non crearne una discussione tra amici.

Ecco allora che il business mondiale del phishing e dei tentativi di truffa punta a specializzarsi, portandosi su un superiore livello qualitativo che permetta di attrarre nuove vittime, rendendosi maggiormente credibile.

Confezionati con un contesto grammaticale corretto per la lingua di pertinenza, si assisterà sempre più a attacchi mirati nei singoli paesi bersaglio per sfruttare le peculiarità e le abitudini di ogni nazione come ad esempio gaming on line, social network, istituti finanziari, ove questi siano maggiomente diffusi al momento, comparando anche le legislazioni locali in modo da puntare maggiormente ove le leggi siano più blande.

Al momento, secondo McAfee, il mercato delle truffe online si può considerare suddiviso in due principali categorie: chi cerca di creare spam e siti esca correttamente scritti nelle lingue locali e chi punta a produrre "malware" tradotto nella varie lingue. Comunque in tal senso già sono stati fatti progressi se è vero che nella lingua madre del web, l'inglese, i messaggi di spam contenenti refusi ed errori grammaticali un paio d'anni fa erano circa la metà, oggi solo uno su dieci.

La lotta continua: al crescere della coscienza e delle conoscenze degli utenti, il cybercriminale risponde migliorando la sua comunicazione per rendersi più credibile e vendere meglio il suo prodotto truffa.

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con Zeus News ti consigliamo di iscriverti alla Newsletter gratuita. Inoltre puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, inserire un commento (anche anonimo) sotto o segnalare un refuso.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Commenti all'articolo (ultimi 5 di 6)

per ora continuo a ridermela delle traduzioni maccheroniche nelle email... troppo da scompisciarsi! :lol: in futuro sarà da preoccuparsi
2-3-2008 16:28

Infatti, sarebbe il caso che anche noi utenti internettiani cominciassimo ad attrezzarci... :wink:
26-2-2008 18:41

{MAXXX}
Concordo con zeussino.Speriamo in bene.
25-2-2008 20:24

spamm Leggi tutto
25-2-2008 09:38

il punto non è l'essere ridicoli, ma il fatto che gli spammer si stiano attrezzando per sembrare sempre più credibili. tra qualche anno rimpiangeremo le email ridicole.
25-2-2008 09:22

La liberta' di parola e' un diritto inviolabile, ma nei forum di Zeus News vige un regolamento che impone delle restrizioni e che l'utente e' tenuto a rispettare. I moderatori si riservano il diritto di cancellare o modificare i commenti inseriti dagli utenti, senza dover fornire giustificazione alcuna. Gli utenti non registrati al forum inoltre sono sottoposti a moderazione preventiva. La responsabilita' dei commenti ricade esclusivamente sui rispettivi autori. I principali consigli: rimani sempre in argomento; evita commenti offensivi, volgari, violenti o che inneggiano all'illegalita'; non inserire dati personali, link inutili o spam in generale.
E' VIETATA la riproduzione dei testi e delle immagini senza l'espressa autorizzazione scritta di Zeus News (P.Iva 06584100967). Tutti i marchi e i marchi registrati citati sono di proprietà delle rispettive società. Informativa sulla privacy. I tuoi suggerimenti sono di vitale importanza per Zeus News. Contatta la redazione e contribuisci anche tu a migliorare il sito: pubblicheremo sui forum le lettere piu' interessanti.
Sondaggio
Qual è la strategia ''mobile'' per il tuo web business?
Nessuna, spero che il traffico mobile diminuisca.
La versione mobile del mio sito.
Sto studiando il mobile proprio in questo periodo.
Non ho ancora piani o strategie.
Offrire app gratuite.
Sviluppare app da vendere.

Mostra i risultati (347 voti)
Febbraio 2017
WhatsApp attiva l'antifurto: verifica in due passaggi
Il sito per stalkerare chiunque su Facebook
Monaco molla Linux e torna a Windows
Cerber, il ransomware che prende di mira gli utenti italiani
Mozilla uccide Firefox OS e licenzia
Il trojan che imperversa sui sistemi Linux
Gennaio 2017
La rivincita delle musicassette
I 10 siti di torrent più popolari
Microsoft termina il supporto al Windows 10 originale
La backdoor in WhatsApp che permette di intercettare i messaggi
Quei titoloni su Draghi, Renzi e Monti ''hackerati'' sono una bufala
Galaxy S8, lo smartphone che è anche un PC
Sì, le smart TV sono infettabili
Dicembre 2016
Quanto guadagna una celebrità da una foto su Instagram o Twitter? Tanto
Il governo si prepara a entrare in Telecom Italia
Tutti gli Arretrati


web metrics