Microsoft: Windows 7 uscirà nel 2010

L'anno di uscita della prossima versione di Windows è stato confermato mentre l'Antitrust americano la sta già valutando.



[ZEUS News - www.zeusnews.it - 18-03-2008]

Microsoft conferma che Windows 7 uscirà nel 2010
Il desktop di una versione preliminare di Windows 7

Nonostante sembrasse che Microsoft volesse anticipare i tempi, Windows 7 uscirà nel 2010 come previsto. La data esatta non è stata ancora fissata: lo sarà quando saranno raggiunti gli standard di qualità, dicono a Redmond.

Una delle fonti di confusione sulla data di rilascio era stata la stessa azienda: aveva detto che sarebbero passati tre anni prima dell'introduzione della nuova versione. Solo che si era dimenticata di specificare da quando bisognava iniziare a contare.

Ora, invece, l'equivoco è stato chiarito: si conta a partire dalla data di rilascio al pubblico, cioè il 30 gennaio 2007, e non da quella del rilascio agli utenti business, avvenuto nel novembre del 2006.

Intanto una versione preliminare di Windows 7 è stata consegnata all'antitrust americano affinché venga valutata e Microsoft possa arrivare a vendere la release definitiva senza incappare in sanzioni.

Uno dei punti che potrebbero essere controversi, infatti, è l'integrazione del nuovo sistema operativo con i servizi Live offerti da Microsoft, che al momento del lancio di Windows 7 avranno raggiunto la versione denominata Windows Live Wave 3.

Un'unione spinta tra sistema e servizi online potrebbe far alzare più di un sopracciglio in seno alle varie commissioni antitrust: Microsoft, pertanto, preferisce tutelarsi per tempo e non trovarsi a dover pagare cifre astronomiche.

Lo sviluppo, a ogni modo, procede: la Milestone 1, rilasciata in gennaio, scadrà in marzo; tra aprile e maggio dovrebbe dunque venire rilasciata la Milestone 2, sulla quale Microsoft, però, non ha ancora detto nulla.

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con Zeus News ti consigliamo di iscriverti alla Newsletter gratuita. Inoltre puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, inserire un commento (anche anonimo) sotto o segnalare un refuso.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Commenti all'articolo (2)

dicerie.... linka quello che affermi aspetto con fiducia il 7 , visto l'enorme orrore indotto da Vista in tutti gli utenti.. fino al 2010 si puo tirare a campare con XP, nn ci sono problemi
21-3-2008 14:23

{pippolo}
non dovrebbe uscire mai Leggi tutto
18-3-2008 23:42

La liberta' di parola e' un diritto inviolabile, ma nei forum di Zeus News vige un regolamento che impone delle restrizioni e che l'utente e' tenuto a rispettare. I moderatori si riservano il diritto di cancellare o modificare i commenti inseriti dagli utenti, senza dover fornire giustificazione alcuna. Gli utenti non registrati al forum inoltre sono sottoposti a moderazione preventiva. La responsabilita' dei commenti ricade esclusivamente sui rispettivi autori. I principali consigli: rimani sempre in argomento; evita commenti offensivi, volgari, violenti o che inneggiano all'illegalita'; non inserire dati personali, link inutili o spam in generale.
E' VIETATA la riproduzione dei testi e delle immagini senza l'espressa autorizzazione scritta di Zeus News (P.Iva 06584100967). Tutti i marchi e i marchi registrati citati sono di proprietà delle rispettive società. Informativa sulla privacy. I tuoi suggerimenti sono di vitale importanza per Zeus News. Contatta la redazione e contribuisci anche tu a migliorare il sito: pubblicheremo sui forum le lettere piu' interessanti.
Sondaggio
Quali sono i rischi maggiori del cloud computing?
Distributed Denial of Service (DDoS): cresce l’impatto dei tempi di indisponibilità di un sito web, che possono costare perdite di milioni di euro in termini di introiti, produttività e immagine aziendale.
Frode: perpetrata da malintenzionati con l’obiettivo di trafugare i dati di un sito e creare storefront illegittimi, o da truffatori che intendono impadronirsi di numeri di carte di credito, la frode tende a colpire - prima o poi - tutte le aziende.
Violazione dei dati: le aziende tendono a consolidare i dati nelle applicazioni web (dati delle carte di credito ma anche di intellectual property, ad esempio); gli attacchi informatici bersagliano i siti e le infrastrutture che le supportano.
Malware del desktop: un malintenzionato riesce ad accedere a un desktop aziendale, approfittandone per attaccare i fornitori o le risorse interne o per visualizzare dati protetti. Come il trojan Zeus, che prende il controllo del browser dell'utente.
Tecnologie dirompenti: pur non essendo minacce nel senso stretto del termine, tecnologie come le applicazioni mobile e il trend del BYOD (bring-your-own-device) stanno cambiando le regole a cui le aziende si sono attenute sino a oggi.

Mostra i risultati (928 voti)
Settembre 2016
La stufetta a candele che non consuma elettricità
Come vedere tutto quello che avete mai cercato in Google
Hissgate, il fastidioso fischio dell'iPhone 7
Rubati sei milioni di username e password conservati in chiaro
iPhone 7, le cose realmente da sapere
Android nei guai: falle critiche e app infette
Truffatori online rubano 40 milioni di euro a un'azienda tedesca
Rubare le credenziali di accesso a un PC in 20 secondi
UE: stop alle tariffe di roaming, ma col trucco
Siete nel mondo reale: guardatevi intorno e non fate gli stupidi
Sesso e porno sul MegaUpload dell'FBI
Agosto 2016
WhatsApp condivide i dati dell'utente con Facebook
La realtà virtuale di Google è pronta al lancio
Android 7.0 Nougat, ecco le novità
L'NSA si lascia sfuggire armi informatiche segrete
Tutti gli Arretrati


web metrics