Lavorare al call center con tutta la vita davanti

L'ultimo film di Virzì, con Sabrina Ferilli tra le protagoniste, potrebbe sembrare a tratti poco realistico, ma invece descrive molto bene lo scenario tipico di numerosi call center.



[ZEUS News - www.zeusnews.it - 27-03-2008]

Sabrina Ferilli (a sinistra) con Micaela Ramazzott
Sabrina Ferilli (a sinistra) con Micaela Ramazzotti

Il film di Paolo Virzì Tutta la vita davanti, che esce in questo fine settimana nelle sale di tutta Italia, è dedicato al mondo dei call center ed è liberamente ispirato al libro di Michela Murgia Il mondo deve sapere. Virzì ritorna con Massimo Ghini e Sabrina Ferilli, già interpreti di una bella commedia sulla condizione operaia "La bella vita" di più di dieci anni fa.

A molti sembrerà che il nuovo film di Virzì, scegliendo la strada della parodia leggera, ai limiti del musical, rappresenti un quadro troppo lontano dalla realtà, se non addirittura falsandola. Alcuni potrebbero pensare che la realtà dei call center sia meglio documentata da film come Parole sante, che racconta la vicenda sindacale di Atesia, il più grande call center d'Europa e dei suoi precari, sindacalisti spontanei e licenziati senza pietà.

Ma anche il film di Virzì ha tratti decisamente realistici, alcuni fin troppo: storie d'amore come quelle tra la Ferilli e il suo boss sono una realtà: ci sono aziende come Telecom Italia in cui per anni, soprattutto durante la gestione Ruggiero-Locati, non sono mancate le denuncie per mobbing o comunque per carriere legate a storie sentimentali più o meno spontanee.

Per i supervisor dei call center di Telecom, il nuovo training formativo (tuttora in atto) si intitola L'attimo fuggente e cerca di plasmare i capetti dei call center con modelli e citazioni cinematografiche.

Quanto ai frequenti siparietti musicali che si vedono nel film, anche questi non mancano nei call center veri: si pensi che un call center Vodafone partecipa addirittura a un reality show musicale, con tanto di nomination, trasmesso da un canale televisivo satellitare. Nel mondo dei call center italiani è sempre più difficile distinguere tra fiction e realtà.

Promo:
Nel call center in cui è ambientato il film, attori e attrici "vestono" cuffie SupraPlus di Plantronics.

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con Zeus News ti consigliamo di iscriverti alla Newsletter gratuita. Inoltre puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, inserire un commento (anche anonimo) sotto o segnalare un refuso.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Pier Luigi Tolardo

Commenti all'articolo (2)

{Paolo}
Serviva! Leggi tutto
1-4-2008 17:08

{Alessandra}
anch'io vivo in questa realtà Leggi tutto
28-3-2008 17:25

La liberta' di parola e' un diritto inviolabile, ma nei forum di Zeus News vige un regolamento che impone delle restrizioni e che l'utente e' tenuto a rispettare. I moderatori si riservano il diritto di cancellare o modificare i commenti inseriti dagli utenti, senza dover fornire giustificazione alcuna. Gli utenti non registrati al forum inoltre sono sottoposti a moderazione preventiva. La responsabilita' dei commenti ricade esclusivamente sui rispettivi autori. I principali consigli: rimani sempre in argomento; evita commenti offensivi, volgari, violenti o che inneggiano all'illegalita'; non inserire dati personali, link inutili o spam in generale.
E' VIETATA la riproduzione dei testi e delle immagini senza l'espressa autorizzazione scritta di Zeus News (P.Iva 06584100967). Tutti i marchi e i marchi registrati citati sono di proprietà delle rispettive società. Informativa sulla privacy. I tuoi suggerimenti sono di vitale importanza per Zeus News. Contatta la redazione e contribuisci anche tu a migliorare il sito: pubblicheremo sui forum le lettere piu' interessanti.
Sondaggio
Per via delle leggi sulla condivisione di file e delle nuove forme di protezione anti-copia introdotte sui suporti digitali, i consumatori si trovano sempre più in difficoltà nella fruizione del materiale a cui sono interessati. Come andrà a finire?
I consumatori si rassegneranno a rispettare le leggi, per quanto assurde siano.
Le leggi diventeranno più tolleranti e le case saranno più rispettose dei diritti dei consumatori.
Assisteremo a uno scontro con arresti, processi penali e sfide all'ultimo crack tra chi applica il DRM e gli hacker.
Niente di tutto questo, le leggi rimarranno ma non verranno applicate.

Mostra i risultati (3169 voti)
Febbraio 2017
Chi controlla la tua macchina a tua insaputa?
WhatsApp attiva l'antifurto: verifica in due passaggi
Il sito per stalkerare chiunque su Facebook
Monaco molla Linux e torna a Windows
Cerber, il ransomware che prende di mira gli utenti italiani
Mozilla uccide Firefox OS e licenzia
Il trojan che imperversa sui sistemi Linux
Gennaio 2017
La rivincita delle musicassette
I 10 siti di torrent più popolari
Microsoft termina il supporto al Windows 10 originale
La backdoor in WhatsApp che permette di intercettare i messaggi
Quei titoloni su Draghi, Renzi e Monti ''hackerati'' sono una bufala
Galaxy S8, lo smartphone che è anche un PC
Sì, le smart TV sono infettabili
Dicembre 2016
Quanto guadagna una celebrità da una foto su Instagram o Twitter? Tanto
Tutti gli Arretrati


web metrics