Zeus News è un notiziario dedicato a quanto avviene nel mondo di Internet, dell'informatica, delle nuove tecnologie e della telefonia fissa e mobile: non è un semplice amplificatore di comunicati stampa ma riserva ampio spazio ai commenti e alle riflessioni, proponendosi quale punto di osservazione libero e indipendente.

Sondaggio
Quasi la metà delle famiglie italiane (nel 2012 erano il 45,5% secondo Confindustria Digitale) non possiede ancora un collegamento a Internet. Qual è secondo te il principale motivo?
La connessione a banda larga non è disponibile.
Motivi di privacy e sicurezza.
Mancanza di skill e capacità d'uso.
Alto costo del collegamento.
Alto costo degli strumenti.
Internet non è utile.
Accedono a Internet da altro luogo.

Mostra i risultati (2534 voti)
Ottobre 2014
Windows 10, tutte le novità
Settembre 2014
Ecco come sarà Windows 10
Il Tar del Lazio boccia il Regolamento Agcom
ShellShock, falla critica in Linux e Mac OS X
L'iPhone 6 si piega in tasca
Nuova ondata di foto rubate a celebrità
Si suicida in diretta su Skype e la gente fa il tifo
Chiude Italia.it, costato 60 milioni di euro
Il software-spia usato dai governi contro dissidenti e giornalisti
Velocizzare le ricerche dei file
Windows 9, le prime immagini e un video
Telecom Italia aumenta il canone e raddoppia le tariffe
Gmail, pubblicate le password di 5 milioni di account
10 segnali negativi in un colloquio di lavoro
Guarda Facebook guidando e causa la morte di una donna
Tutti gli Arretrati

TorrentSpy chiude, schiacciato dalle major

Uno dei più popolari siti BitTorrent ha definitivamente chiuso i battenti in seguito a una causa legale contro la Mpaa.



[ZEUS News - www.zeusnews.it - 28-03-2008]

TorrentSpy chiude

Quello che fino a due anni fa tra i più famosi motori di ricerca BitTorrent, TorrentSpy, ha chiuso definitivamente i battenti pochi giorni fa.

Si tratta dell'esito di una battaglia legale contro la Mpaa iniziata nel febbraio del 2006 e sfociata nella richiesta avanzata da un giudice nel dicembre scorso di avere i dati di tutti gli utenti. Il sito, sostenendo che si trattava di un ordine lesivo della privacy, aveva così distrutto le prove impedendo allo stesso tempo l'accesso dagli Stati Uniti.

Il giudice aveva quindi multato TorrentSpy per 30.000 dollari e ora, senza alcuna imposizione da parte di una corte, il fondatore Justin Bunnell ha annunciato la chiusura: "il clima legale negli Usa ... è semplicemente troppo ostile", si legge nella home page.

"Abbiamo passato gli ultimi due anni, spendendo centinaia di migliaia di dollari, difendendo i diritti nostri e dei nostri utenti", si trova ancora scritto in quel che rimane del sito. C'è chi si chiede come quelle centinaia di migliaia di dollari siano state guadagnate.

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con Zeus News ti consigliamo di iscriverti alla Newsletter gratuita.

Inoltre puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, inserire un commento (anche anonimo) sotto o segnalare un refuso.

Commenti all'articolo (ultimi 5 di 10)


matrixenry
nooooooooooooooooooooooooooooooooo :basta:
17-4-2008 17:36


Kassius
Il fatto è che "l'automobile" viene utilizzata in un contesto regolamentato. Mi riferisco al Codice della strada. Il peer to peer è una bella realtà, che purtroppo non gode ancora di un profilo ben preciso. Torrentspy esisteva, come e - mule esiste, grazie ad una vera e propria lacuna giurisprudenziale. Certo, non sono... Leggi tutto
7-4-2008 07:42

{sara}
legalità Leggi tutto
3-4-2008 21:19


chemicalbit
Come dire che invece di chi ha legalmente ragioen, conta chi rompe di più le palle, e ha soldi e mezzi per poterlo fare. :blackhumour:
1-4-2008 22:56


Blacks84
anzi, proprio il fondatore, Justin Bunnell che si è rotto le palle, di avere le palle rotte dalla Mpaa ha chiuso tutto. Lo dice anche l'articolo.
1-4-2008 20:09

Leggi gli altri 5 commenti nel forum Peer to peer
Inserisci un commento - anche se NON sei registrato

La liberta' di parola e' un diritto inviolabile, ma nei forum di Zeus News vige un regolamento che impone delle restrizioni e che l'utente e' tenuto a rispettare. I moderatori si riservano il diritto di cancellare o modificare i commenti inseriti dagli utenti, senza dover fornire giustificazione alcuna. Gli utenti non registrati al forum inoltre sono sottoposti a moderazione preventiva. La responsabilita' dei commenti ricade esclusivamente sui rispettivi autori. I principali consigli: rimani sempre in argomento; evita commenti offensivi, volgari, violenti o che inneggiano all'illegalita'; non inserire dati personali, link inutili o spam in generale.


web metrics