Zeus News è un notiziario dedicato a quanto avviene nel mondo di Internet, dell'informatica, delle nuove tecnologie e della telefonia fissa e mobile: non è un semplice amplificatore di comunicati stampa ma riserva ampio spazio ai commenti e alle riflessioni, proponendosi quale punto di osservazione libero e indipendente.

Sondaggio
Pensi che i bitcoin possano funzionare come valuta?
Certamente! Ci ho anche investito.
Sì, purché vengano sottoposti a regolamentazione.
Forse in futuro.
No.
Non ho ancora capito che cosa sia un bitcoin esattamente.

Mostra i risultati (679 voti)
Ottobre 2014
Il gettone telefonico, questo sconosciuto
Honor 6, lo smartphone 4G più veloce del mondo
Trovare le chiavi sotto lo zerbino con Google
La batteria che dura vent'anni e si ricarica in due minuti
Google lancia Inbox, l'email intelligente
L'ombrello ad aria
L'invenzione italiana che rende potabile l'acqua radioattiva
Samsung sperimenta la rete mobile 5G a 7,5 Gigabit/s
SIAE, una picconata al monopolio
Il chiavistello smart a prova di scassinatore
Hai scaricato Kill Bill? Arriva la multa
Vantablack, il materiale più nero del nero
Violati i server di Yahoo e Winzip
Mac colpiti da malware
Arriva Windows 10, cosa c'è da sapere (e dove si scarica)
Tutti gli Arretrati

Gli appunti presi a lezione violano il copyright del professore

Un professore si scaglia contro un sito che vende appunti presi durante le sue lezioni. Gli studenti prendendo appunti violerebbero la sua proprietà intellettuale.



[ZEUS News - www.zeusnews.it - 07-04-2008]

Gli appunti presi a lezione violano il copyright
Il professor Michael Moulton

Non tutti gli studenti universitari seguono le lezioni, si sa. Ci sarà sempre qualcuno che potrà passarvi gli appunti con quello che è stato spiegato in aula, oppure - specie negli Stati Uniti - ci si può rivolgere a servizi specializzati come quello offerto dal sito How I got An A (ossia: Come ho preso una "A", ovvero il voto massimo), sito conosciuto anche come Einstein's Notes.

In pratica gli appunti delle lezioni dei corsi vengono sistemati, pubblicati e venduti a quegli studenti che non erano presenti, dando vita così a un business piuttosto remunerativo.

Al professor Michael Moulton dell'Università della Florida, però, tutto questo non va a genio: mettendo a disposizione gli appunti - ha dichiarato il professore - Einstein's Notes violerebbe la sua proprietà intellettuale. Pertanto ha deciso di denunciarne il proprietario.

Il professor Moulton tiene un corso il cui argomento è Wildlife Issues in the New Millennium; il contenuto delle lezioni è presente tra il materiale messo in vendita dal sito. Ma questo materiale - sostiene il professore - è protetto da copyright.

"Il richiamo commerciale del prodotto è che si tratta di una copia della proprietà intellettuale del professore o di un lavoro che ne è strettamente derivato", ha detto l'avvocato di Moulton. Non si tratta tanto di una questione economica, fa sapere la (presunta) parte lesa: più che altro si tratta di difendere il lavoro della propria mente da un'appropriazione indebita.

Addirittura, ha spiegato ancora l'avvocato, anche quando prendono appunti gli studenti violano il copyright, almeno in linea di principio; tuttavia, in questo caso, l'avvocato Sullivan ritiene "magnanimamente" che il tutto possa ricadere sotto la voce fair use, ossia del lasciamo correre.

Nel 1996 i tribunali della Florida avevano già affrontato un caso analogo, ma la richiesta di chi si riteneva vittima del furto di proprietà intellettuale era stata rifiutata. Sullivan, invece, ritiene di avere prove più solide di quelle di allora per sostenere la propria tesi, considerando che il professor Moulton ha registrato i propri diritti d'autore, li ha chiariti all'università e ha registrato le proprie lezioni.

Infine, conclude l'avvocato Sullivan, Einstein's Notes pagherebbe gli studenti per trascrivere quanto detto in classe dal professore, così da poter rivendere il risultato.

La prossima parola spetta adesso al tribunale, che dovrà decidere a chi dare ragione.

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con Zeus News ti consigliamo di iscriverti alla Newsletter gratuita.

Inoltre puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, inserire un commento (anche anonimo) sotto o segnalare un refuso.

Commenti all'articolo (ultimi 5 di 18)


al_pacino
cosa dire delle copisterie degli atenei italiani, che fanno la stessa cosa'!?! secondo voi c'e una remunerazione in parte ai nostri professori?!? naa :lol: ok, tutto il mondo è paese.. in linea di principio se io prendo appunti vuol dire che NON prendo tutto quello che dici, ma prendo solo alcune cose... le rielaboro per conto mio. ... Leggi tutto
17-4-2008 19:33

eratostene
eh, già! un professore è pagato per insegnare. :D :D :D
9-4-2008 00:11

amldc
Ma allora anche gli studenti che hanno regolarmente pagato le tasse scolastiche hanno gia' pagato i diritti Leggi tutto
8-4-2008 10:34


blutarsky
anche il professore lucra sul lavoro di altri Leggi tutto
8-4-2008 09:24

eratostene
La cosa peggiore è che molte ricerche, pubblicate anche on-line s pagamento, sono finanziate da soldi pubblici: io cittadino pago ma non posso vedere i risultati. Comunque le copie degli appunti se circolano grauitamente e quindisono un "open source" va benissimo. Se qualcuno le sfrutta come abbiamo letto qui sopra... beh,... Leggi tutto
8-4-2008 08:40

Leggi gli altri 13 commenti nel forum Ribelli digitali
Inserisci un commento - anche se NON sei registrato

La liberta' di parola e' un diritto inviolabile, ma nei forum di Zeus News vige un regolamento che impone delle restrizioni e che l'utente e' tenuto a rispettare. I moderatori si riservano il diritto di cancellare o modificare i commenti inseriti dagli utenti, senza dover fornire giustificazione alcuna. Gli utenti non registrati al forum inoltre sono sottoposti a moderazione preventiva. La responsabilita' dei commenti ricade esclusivamente sui rispettivi autori. I principali consigli: rimani sempre in argomento; evita commenti offensivi, volgari, violenti o che inneggiano all'illegalita'; non inserire dati personali, link inutili o spam in generale.


web metrics