Donne (nude) e motori, ovvero Formula Uno e siti porno

Davvero Giancarlo Fisichella ha un sito porno? In effetti, visitando www.giancarlofisichella.com, si ha l'impressione che la Benetton paghi così poco i propri piloti da indurli a dedicarsi a curve di tutt'altro genere. Niente paura, il Fisico non c'entra. Il suo vero sito Internet è infatti www.giancarlofisichella.it, ma un buontempone ha pensato bene di farsi pubblicità a scrocco, realizzando un sito quasi omonimo e contando sul fatto che molti utenti digitano per errore il sito del loro beniamino in versione 'com'.



[ZEUS News - www.zeusnews.it - 07-09-2001]

E' un malcostume molto diffuso in Internet: ad esempio, anche www.ronaldinho.com offre Fenomeni, ma a luci rosse, contando sulla somiglianza con www.ronaldinho.it. Ne sono colpiti anche attori, cantanti, aziende e marchi famosi.

Facendo un po' di ricerche ho trovato che giancarlofisichella.it usa Windows NT/98 con Internet Information Server 4.0 (una versione vecchia, dato che ormai siamo alla 5.0). Il sito porno www.giancarlofisichella.com usa invece Apache con Red Hat Linux. C'è anche un giancarlofisichella.net, che porta a un sito inglese di fan di Formula 1.

Non è finita: ho trovato anche un giancarlofisichella.org, che porta a una pagina fittizia che a sua volta rimanda al sito vero di Fisichella ed è intestato a una società del Liechtenstein... chissà che giri fiscali strani ci sono sotto.

C'è di più: esistono anche giancarlofisichellakicksass.com, giancarlofisichellarocks.com, giancarlofisichellarules.com, tutti falsi e intestati a un californiano di nome Ken Achenbach.

Come mai i legittimi proprietari dei nomi tollerano questi abusi? Semplice: non hanno scelta. I siti falsi spesso risiedono all'estero, in paesi in cui non occorre dimostrare di avere il diritto di usare il nome scelto per il sito. Le liti legali internazionali costano, e andrebbero ripetute per ciascuna delle migliaia di varianti del nome. Impensabile.

Avere un sito porno abbinato al proprio nome può essere certo un danno per la propria immagine, ma non è una tragedia: è il prezzo del successo. Dopotutto il sito ha scelto quel nome proprio perché il legittimo proprietario è già famoso e quindi presumibilmente ha fatto fortuna. Insomma, oggi come oggi, se non c'è un sito porno ispirato al tuo nome non sei nessuno.

Il vero problema è per noi utenti: è facile cacciarsi in situazioni imbarazzanti. Per esempio, un insegnante che sbaglia a digitare il nome di un sito si troverà costretto a dare spiegazioni impegnative alla propria scolaresca (o forse le riceverà dagli studenti tecnicamente più sgamati).

L'unico rimedio è perdere la diffusa abitudine di tirare a indovinare, verificando invece il nome esatto del sito prima di digitarlo: basta consultare gli appositi elenchi, ordinati per categoria, come Yahoo e 100links.

La cosa più importante è tenere presente che su Internet non è detto che un sito appartenga alla persona o società di cui porta il nome. Insomma, Fisichella non c'entra niente con il sito porno omonimo. Se vi resta il dubbio, i veri intestatari dei siti sono pubblicamente consultabili presso Whois e Geek Tools.

Questi registri riportano nomi, cognomi, indirizzi di e-mail e numeri di telefono degli intestatari, per cui potete anche mandare loro un e-mail di protesta ;-)

Nota di Zeus

In aggiunta a quanto esposto dal buon Paolo, vorrei segnalarvi uno scherzo divertente. Ecco come fare. Dopo aver letto questo articolo, potrete sfoggiare la vostra cultura in materia di siti porno dedicati a persone famose con la vittima prescelta per lo scherzo; insistete sulla frase "se non c'è un sito porno ispirato al tuo nome non sei nessuno". Poi, distrattamente, introducete l'interrogativo: "E se esistesse un sito porno dedicato proprio a TE?"

A questo punto mostrate prendete il controllo del browser e inserite il seguente indirizzo: nomedellavittima.tart.com (per esempio: PaoloAttivissimo.tart.com - Paolo, hai visto che c'è anche un sito porno dedicato a te?) Fate clic su Invio e... ta-dah! Divertitevi poi a richiudere le imbarazzanti finestre pop-up che si apriranno nei prossimi minuti (tart in inglese significa prostituta).

L'unica cautela che vi raccomando è di scegliere la vittima dello scherzo soltanto tra i novellini di Internet; i più esperti potrebbero anche sgamarvi e rompervi le uova nel paniere, magari dando sfoggio della propria logorrea: "Sì, ma tu hai digitato un dominio di terzo livello blablabla" - "Chissà quanti provider fanno la stessa cosa blablabla" - "E' un normale redirect alla home page del sito blablabla" - eccetera.

Viceversa il vostro scherzo potrà inculcare preoccupazione nell'innocente vittima, che si preoccuperà di chiedervi un rimedio per porre fine a questa ignominia, o magari per far chiudere il sito con il suo nome. A questo punto sarà al vostro buon cuore spiegare come stanno le cose, oppure lavorare ancora di fantasia. Qualche esempio? "Ti ricordi di quando Niki Grauso registrò 500.000 nomi di dominio? Bene, evidentemente qualcuno ha fatto lo stesso con il tuo nome", "Ho sentito alla televisione di un tizio che ha registrato i nomi di tutti gli italiani", "Scrivi a ZeusNews.com e fatti aiutare da loro", e via dicendo.

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con Zeus News ti consigliamo di iscriverti alla Newsletter gratuita. Inoltre puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, inserire un commento (anche anonimo) sotto o segnalare un refuso.
.

Paolo Attivissimo

(C) by Paolo Attivissimo - www.attivissimo.net.
Distribuzione libera, purché sia inclusa la presente dicitura.

Approfondimenti
L'inventore dei pop-up chiede scusa

Commenti all'articolo (1)


La liberta' di parola e' un diritto inviolabile, ma nei forum di Zeus News vige un regolamento che impone delle restrizioni e che l'utente e' tenuto a rispettare. I moderatori si riservano il diritto di cancellare o modificare i commenti inseriti dagli utenti, senza dover fornire giustificazione alcuna. Gli utenti non registrati al forum inoltre sono sottoposti a moderazione preventiva. La responsabilita' dei commenti ricade esclusivamente sui rispettivi autori. I principali consigli: rimani sempre in argomento; evita commenti offensivi, volgari, violenti o che inneggiano all'illegalita'; non inserire dati personali, link inutili o spam in generale.
E' VIETATA la riproduzione dei testi e delle immagini senza l'espressa autorizzazione scritta di Zeus News (P.Iva 06584100967). Tutti i marchi e i marchi registrati citati sono di proprietà delle rispettive società. Informativa sulla privacy. I tuoi suggerimenti sono di vitale importanza per Zeus News. Contatta la redazione e contribuisci anche tu a migliorare il sito: pubblicheremo sui forum le lettere piu' interessanti.
Sondaggio
Il flop di Windows 8 sembra replicare tristemente quello di Vista e c'è chi comincia a sostenere che Microsoft sia ormai sulla via del declino, dopo aver mancato clamorosamente il successo anche nei telefonini, nei tablet e nei dispositivi embedded.
Windows 8 è perfettamente stabile, facile da usare e non richiede hardware particolare: non è affatto un flop e Microsoft non è in declino.
La qualità del software Microsoft è in calo da anni: mancano soprattutto in visione e in integrazione. Stanno spingendo su troppi fronti, perdendo di vista la qualità complessiva.
Ognuno deve fare bene il proprio mestiere e basta. Microsoft si concentri su Windows, lasciando perdere Zune e tutto il resto; Google insista sui motori di ricerca, non sui social network, la mail o gli occhialini.

Mostra i risultati (5874 voti)
Dicembre 2016
Netflix, film e serie TV sono anche offline
Novembre 2016
Il display coi pixel di grafene
Android, malware in Google Play scaricato un milione di volte
Secondo Apple la malattia del touch è colpa degli utenti
Gli smartphone low-cost con backdoor incorporata
Tim ci riprova con l'operatore mobile low cost
La GdF sequestra 152 siti di streaming: l'elenco completo
BSA "beccata" a usare software pirata
La stampante che intercetta i cellulari
Il tetto solare invisibile
Ottobre 2016
Come dirottare qualsiasi drone in volo
Antibufala: trovata la soluzione al Triangolo delle Bermude
Il Pc con Linux e Wi-Fi, micro anche nel prezzo: 4 euro
Hackerato l'iPhone 6S protetto da password e impronta digitale
Dodicenne riceve una fattura di 100.000 euro da Google: ha confuso AdWords e AdSense
Tutti gli Arretrati


web metrics