Due emendamenti per ammorbidire la "dottrina Sarkozy"

Nella votazione di domani all'Europarlamento saranno proposti due emendamenti per fermare la censura e il filtraggio delle comunicazioni via Internet.



[ZEUS News - www.zeusnews.it - 23-09-2008]

Pacchetto Telecom Dottrina Sarkozy 133 138

Domani, mercoledì 24 settembre i parlamentari europei saranno chiamati a votare sul cosiddetto Pacchetto Telecom al quale sono stati proposti due emendamenti che rendano più sopportabile la "dottrina Sarkozy" cui il pacchetto si ispira.

Il primo dei due è il 133, che riguarda la sorveglianza degli utenti di Internet e in particolare il filtraggio delle comunicazioni: "Gli Stati membri dovranno assicurare che le autorità competenti non impongano alcuna tecnologia che faciliti la sorveglianza degli utenti di internet, quali tecnologie che rispecchino o sorveglino le azioni dell'utente o interferiscano con le attività di rete dell'utente a beneficio di terze parti (note come "filtering")".

L'altro è il 138 e prevede l'impossibilità di imporre sanzioni agli utenti finali senza il parere di un giudice: "nessuna restrizione può essere imposta ai diritti e alle libertà degli utenti finali [...] senza il parere dell'autorità giudiziaria, eccetto che per cause di forza maggiore o per preservare l'integrità e la sicurezza della rete".

In pratica si tratta di scongiurare una politica di irragionevole sorveglianza e di censura ma di garantire la libertà degli utenti di Internet: solo i criminali (e deve deciderlo un giudice) devono subire sanzioni.

Nelle ore che restano prima della votazione aumentano gli appelli rivolti agli utenti di Internet perché scrivano ai loro rappresentanti al Parlamento Europeo affinché appoggino i due emendamenti.

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con Zeus News ti consigliamo di iscriverti alla Newsletter gratuita. Inoltre puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, inserire un commento (anche anonimo) sotto o segnalare un refuso.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Commenti all'articolo (0)


La liberta' di parola e' un diritto inviolabile, ma nei forum di Zeus News vige un regolamento che impone delle restrizioni e che l'utente e' tenuto a rispettare. I moderatori si riservano il diritto di cancellare o modificare i commenti inseriti dagli utenti, senza dover fornire giustificazione alcuna. Gli utenti non registrati al forum inoltre sono sottoposti a moderazione preventiva. La responsabilita' dei commenti ricade esclusivamente sui rispettivi autori. I principali consigli: rimani sempre in argomento; evita commenti offensivi, volgari, violenti o che inneggiano all'illegalita'; non inserire dati personali, link inutili o spam in generale.
E' VIETATA la riproduzione dei testi e delle immagini senza l'espressa autorizzazione scritta di Zeus News (P.Iva 06584100967). Tutti i marchi e i marchi registrati citati sono di proprietà delle rispettive società. Informativa sulla privacy. I tuoi suggerimenti sono di vitale importanza per Zeus News. Contatta la redazione e contribuisci anche tu a migliorare il sito: pubblicheremo sui forum le lettere piu' interessanti.
Sondaggio
Il flop di Windows 8 sembra replicare tristemente quello di Vista e c'è chi comincia a sostenere che Microsoft sia ormai sulla via del declino, dopo aver mancato clamorosamente il successo anche nei telefonini, nei tablet e nei dispositivi embedded.
Windows 8 è perfettamente stabile, facile da usare e non richiede hardware particolare: non è affatto un flop e Microsoft non è in declino.
La qualità del software Microsoft è in calo da anni: mancano soprattutto in visione e in integrazione. Stanno spingendo su troppi fronti, perdendo di vista la qualità complessiva.
Ognuno deve fare bene il proprio mestiere e basta. Microsoft si concentri su Windows, lasciando perdere Zune e tutto il resto; Google insista sui motori di ricerca, non sui social network, la mail o gli occhialini.

Mostra i risultati (5970 voti)
Giugno 2017
Dove vanno a finire le foto mandate tramite WhatsApp?
Le torri di Amazon per i droni
Microsoft: ''Sì, disabilitiamo gli antivirus. Per il bene degli utenti''
Banda larga, scontro assurdo fra Tim e Governo
Il caso del sindacalista che criticava gli stipendi d'oro
Italia, via libera al trojan di Stato
Difendersi dalle app-truffa presenti nell'App Store di Apple
Roaming dati nell'UE ''gratuito'' da ieri: occhio alle sorprese
Firefox 54, più sicuro con la sandbox e più leggero
Il link che infetta il Pc senza nemmeno dover cliccare
Ecco come vengono sfruttati in concreto i dati delle nostre navigazioni
Windows 10, un assaggio del Fall Creators Update
Dai gattini bonsai alla disinformazione pianificata
Ex pornostar chiama in causa i pirati
Qualche chicca nascosta di Google
Tutti gli Arretrati


web metrics