Zeus News è un notiziario dedicato a quanto avviene nel mondo di Internet, dell'informatica, delle nuove tecnologie e della telefonia fissa e mobile: non è un semplice amplificatore di comunicati stampa ma riserva ampio spazio ai commenti e alle riflessioni, proponendosi quale punto di osservazione libero e indipendente.


Terrorismo e Internet: manuale di autodifesa

L'installazione di un firewall è il primo passo per chiudere la strada ad accessi non autorizzati.



[ZEUS News - www.zeusnews.it - 07-10-2001]

Quanto è sicuro il vostro computer? Molto poco, probabilmente. Per saperlo con esattezza, visitate il sito dell'esperto di sicurezza Steve Gibson e cliccate su "Probe my ports": subirete un esame innocuo che rivela i punti deboli che vi rendono attaccabili via Internet.

Se il test vi restituisce risposte scritte in rosa, siete vulnerabili: dopo l'orrore delle stragi terroristiche negli USA, potreste essere addirittura complici involontari. Infatti gli esperti sono convinti che gli attacchi vengano coordinati anche via Internet, usando programmi di crittografia pubblicamente disponibili ma inespugnabili persino per i supercomputer militari. Per nascondere ancor più le proprie tracce, i criminali penetrano nei computer altrui e li usano per scambiarsi messaggi e lanciare attacchi informatici a insaputa del legittimo proprietario. Le vittime preferite sono gli utenti aziendali e privati che hanno una connessione permanente a Internet, tramite linee dedicate o ADSL.

Nei giorni successivi all'articolo, gli esperti hanno cambiato idea. Pare infatti che l'intero attacco terroristico sia stata un'operazione a bassa tecnologia, o addirittura a tecnologia zero, e che Internet non sia stata affatto usata. Tuttavia gli attacchi DDOS descritti prima a proposito di Alldas.de sfruttano proprio i computer dei comuni utenti di Internet, per cui rimane comunque vero che è doveroso blindare il proprio computer per evitare di essere complici involontari di vari crimini

D'ora in poi, quindi, difendersi dalle intrusioni non è più soltanto una convenienza personale; è un dovere civico. Non solo eviterete di essere incriminati incolpevolmente (perché messaggi e attacchi sembrano provenire dal vostro computer), ma non farete sprecare tempo e risorse alle forze dell'ordine.

Il primo passo è installare un antivirus e mantenerlo aggiornato almeno settimanalmente: consiglio ripetuto fino alla nausea, ma puntualmente ignorato in massa, a giudicare dalla valanga di e-mail infetti che ricevo.

Il secondo è installare un "firewall": un programma che impedisce l'accesso via Internet al vostro computer e blocca eventuali programmi-spia che potrebbero esservi stati impiantati a vostra insaputa per scopi criminali. Zone Alarm, uno dei migliori firewall, è gratuito per uso personale: ne è stato rilasciato da poco un aggiornamento. Ripetete il test di Steve Gibson dopo aver installato Zone Alarm e gli avvertimenti di pericolo in rosa scompariranno. Attivate la funzione di "log", che registra i tentativi di intrusione, e potrete fornire informazioni preziose agli inquirenti.

Infine, non tentate di farvi giustizia da soli rispondendo agli attacchi respinti dal firewall. Insomma, siate vigili, non vigilantes.

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con Zeus News ti consigliamo di iscriverti alla Newsletter gratuita, di abbonarti al Feed RSS, di seguirci su Twitter o di visitare la nostra pagina su Facebook. Inoltre puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, inserire un commento (anche anonimo) o segnalare un refuso.

Paolo Attivissimo

(C) by Paolo Attivissimo - www.attivissimo.net.
Distribuzione libera, purché sia inclusa la presente dicitura.

Commenti all'articolo (0)

Inserisci un commento - anche se NON sei registrato

La liberta' di parola e' un diritto inviolabile, ma nei forum di Zeus News vige un regolamento che impone delle restrizioni e che l'utente e' tenuto a rispettare. I moderatori si riservano il diritto di cancellare o modificare i commenti inseriti dagli utenti, senza dover fornire giustificazione alcuna. Gli utenti non registrati al forum inoltre sono sottoposti a moderazione preventiva. La responsabilita' dei commenti ricade esclusivamente sui rispettivi autori. I principali consigli: rimani sempre in argomento; evita commenti offensivi, volgari, violenti o che inneggiano all'illegalita'; non inserire dati personali, link inutili o spam in generale.
Sondaggio
Quasi la metà delle famiglie italiane (nel 2012 erano il 45,5% secondo Confindustria Digitale) non possiede ancora un collegamento a Internet. Qual è secondo te il principale motivo?
La connessione a banda larga non è disponibile.
Motivi di privacy e sicurezza.
Mancanza di skill e capacità d'uso.
Alto costo del collegamento.
Alto costo degli strumenti.
Internet non è utile.
Accedono a Internet da altro luogo.

Mostra i risultati (2479 voti)
Aprile 2014
Autostrade intelligenti per guidare di notte senza fari
2015, tutti gli smartphone avranno l'antifurto
10 case stampate 3D in 24 ore
Come cifrare e autenticare la mail
Amazon, il progetto droni è reale
L'iWatch arriva a settembre con l'iPhone 6
Come difendersi da Heartbleed
La nave che va ad acqua di mare
Windows XP, fine di un'era
Hacker di 5 anni viola la Xbox One
Windows 8, Microsoft uccide le piastrelle
Il bus che offre 400 euro a chi si spoglia
Dal 1 aprile si pagano le commissioni sulla benzina
Apple brevetta l'SMS anti-urto
Tredicenne costruisce reattore nucleare nel garage di casa
Tutti gli Arretrati

web metrics